Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 17 gennaio 2020 | aggiornato alle 18:15| 62998 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI

Consorzio Brunello, la maggioranza dei soci non vuole cambiare disciplinare

Consorzio Brunello, la maggioranza dei soci non vuole cambiare disciplinare
Consorzio Brunello, la maggioranza dei soci non vuole cambiare disciplinare
Pubblicato il 26 ottobre 2008 | 10:09

Nonostante il consorzio continui a proclamare che tutto è a posto, a Montalcino le acque sono tutt'altro che calme. Lo attesta l'iniziativa di un gruppo importante di produttori che nei giorni scorsi (giusto mentre Cantina Banfi affermava che erano finiti i sospetti su suo vino, in realtà dissequestrato solo perché declassato, su iniziativa della cantina, a Igt Topscana..) hanno depositato una raccolta di firme per chiedere ufficialmente che si finisse con ogni ipotesi sulla modifica del disciplinare, proposta e voluta, fra gli altri, da Ezio Rivella, fondatore di Banfi. Di seguito riportiamo il comunicato stampa del 21 ottobre, firmato dalle aziende promotrici dell'iniziativa: Tenuta Il Greppo – Biondi Santi, Tenuta Il Poggione, Tenuta Col d'Orcia, Fattoria dei Barbi, Tenuta Le Potazzine, Az. Agr. Tiezzi Enzo, Az. Agr. Caprili.


 Comunicato stampa: 153 produttori di Brunello di Montalcino uniscono le loro forze per salvaguardare la tipicità di questo grande prodotto del Made in Italy
Mercoledì 15 ottobre sono state depositate nelle mani del Presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino 149 firme di soci (su 248) del Consorzio del Brunello che chiedono un'assemblea per stabilire una volta per tutte che l'articolo 2 del Disciplinare di produzione del vino Brunello di Montalcino (quello che stabilisce il 100% sangiovese) non deve essere cambiato. I 149 rappresentano circa il 60% sia dei voti e che dei soci del Consorzio.
Forse per la prima volta nella storia dell'agricoltura moderna, e certamente nel mondo dei vini di alta gamma, un foltissimo gruppo di produttori - anche fortemente disomogenei tra di loro - si è unito per sottoscrivere un documento, a tutela dell'eccellenza del proprio vino e della sua tipicità (100% Sangiovese).

Il fatto.
I proprietari di sette aziende agricole di Montalcino, preoccupati da possibili assalti al disciplinare del vino Brunello, in vista della prossima assemblea del 27 Ottobre - voci sempre smentite nell'ufficialità, ma confermate dall'evidenza dei fatti e dalla loro strisciante insistenza - si sono uniti e hanno lavorato insieme, per raccogliere le firme degli altri produttori che - come loro - hanno a cuore la sostanza, la tipicità e la reputazione del loro vino.
Si tratta di un fatto inedito; aziende storiche, agricoltori autoctoni e anche imprenditori che non appartengono al contesto ilcinese, hanno lavorato fianco a fianco per difendere il Brunello, vera star del Made in Italy, e ci stanno riuscendo.
Hanno raccolto ben 149 firme di aziende socie e 4 non socie, pari al 59,44% dei produttori, e al 59,61 % dei voti. I firmatari hanno sottoscritto un documento con cui rendono palese la loro volontà di mantenere INTATTO il disciplinare e che li impegna pubblicamente al suo rispetto.
Oltre che un impegno sotto il profilo legale, si tratta di una dichiarazione che ha un profondo significato etico e morale, sia nei confronti del territorio ilcinese - in cui essi operano - sia nei confronti degli appassionati di quel vino e della terra che lo produce.
Difendendo l'identità del Brunello di Montalcino, questi produttori agiscono anche in favore di tutti i prodotti tipici del Made in Italy, che in un momento di stretta economica globale - se ben sostenuti nei fatti - possono aiutare tutto il nostro paese.
Il documento è stato presentato al Presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, al Sindaco di Montalcino e al Ministro per le Politiche agricole e forestali, in data 15 Ottobre 2008.

Montalcino, 21 Ottobre 2008

 

 

Per informazioni, contattare le aziende promotrici della raccolta delle firme:

Tenuta Il Greppo – Biondi Santi: +39-0577-848087
Tenuta Il Poggione: +39-0577-844029
Tenuta Col d'Orcia: +39-0577-80891
Fattoria dei Barbi: +39-0577-841111
Tenuta Le Potazzine:+39-0577-846168
Az. Agr. Tiezzi Enzo: +39-0577-848187
Az. Agr. Caprili: +39-0577-848566

 

Articoli correlati

Brunello, la Procura di Siena gela ogni illusione. Oltre 4 milioni di litri restano sotto sequestro

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).