Molino Quaglia
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 27 maggio 2020 | aggiornato alle 13:45| 65804 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI

Barolo e Barbaresco: presto la registrazione come marchi collettivi d’impresa

Barolo e Barbaresco: presto la registrazione come marchi collettivi d’impresa
Barolo e Barbaresco: presto la registrazione come marchi collettivi d’impresa
Pubblicato il 24 dicembre 2008 | 11:00
Il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali sosterrà a livello finanziario con un adeguato contributo la richiesta di registrazione di Barolo e di Barbaresco come marchi collettivi d'impresa, l'importante risultato raggiunto dal Consorzio tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero nell'ultimo scorcio del 2008.
 Tra i suoi compiti istituzionali, il Consorzio annovera, oltre alla gestione e promozione delle denominazioni di origine, anche quello di tutela e controllo. Fino ad oggi l'ente consortile aveva adottato misure puntuali, intervenendo con appropriate azioni ogni qualvolta si è reso necessario difendere il buon nome dei vini tutelati, senza avviare, però, strategie preventive.
Negli ultimi anni ci sono stati numerosi tentativi di plagio e usurpazione di nomi di denominazioni poste sotto la tutela del Consorzio. Il 9 maggio 2002, per esempio, la Days medical aids limited aveva presentato all'Ufficio centrale dei marchi comunitari (Uami) una domanda per la registrazione del marchio 'Barolo”, destinato a contraddistinguere 'apparecchi e attrezzature per mobilità destinati a disabili e a persone con mobilità ridotta” e aveva anche iniziato a pubblicizzare sul suo sito web uno scooter chiamato 'Barolo”. Dopo che l'Uami ha ammesso, ritenendolo fondato e rituale, il ricorso presentato dal Consorzio, la Days medical aids limited, ha riconosciuto non ortodossa la sua domanda di registrazione del marchio 'Barolo” e vi ha rinunciato.

Situazioni simili si sono verificate a fronte della richiesta di registrazione del marchio comunitario nominativo e individuale 'Barolo” per la produzione di mobili, specchi e cornici da parte della ditta polacca Bn office forniture e, ancora, nel caso di una ditta messicana che commercializzava un vino etichettato 'Albarolo”, prodotto, secondo le indicazioni riportate in controetichetta, con uve Nebbiolo.
 
All'inizio del 2008, pertanto, il Consorzio ha deciso di avviare un percorso volto a creare un sistema di salvaguardia delle denominazioni giuridicamente ineccepibile anche a livello internazionale. Il marchio collettivo (artt. 11 e 12 del Codice della proprietà industriale) ha essenzialmente una funzione di garanzia qualitativa. Assicura che il prodotto o il servizio contrassegnato abbia determinate caratteristiche in relazione a tre elementi fondamentali: l'origine, la natura, intesa come qualità che un prodotto deve avere in base alle materie prime utilizzate, e la qualità, espressa nel regolamento d'uso.
Il marchio collettivo, diversamente da quello d'impresa, può contenere indicazioni relative alla provenienza geografica, poiché garantisce qualità connesse a fattori storici, geografici e ambientali. Quale marchio di qualità, riveste la duplice natura di segno di identità e distinguibilità - come pure di origine da un territorio dichiarato e garantito - e di garanzia per il consumatore.
 
Il soggetto - individuale o collettivo - cui è concesso, assume la funzione di garante della provenienza e/o della qualità. Alla domanda di registrazione, dunque, viene allegato un regolamento che prevede modalità di utilizzo del marchio, possibilità di effettuare controlli, sanzioni in caso di uso non corretto.
Oltre a danneggiare l'immagine alle denominazioni, la contraffazione provoca gravi danni economici alle imprese che ne sono vittime, nuoce ai consumatori che possono vedere messa a repentaglio la loro salute e genera ingenti perdite nelle entrate fiscali dello Stato. L'esigenza di tutelare le denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari da usi impropri e fraudolenti esiste in Europa da oltre un secolo: il primo riferimento legislativo in tal senso è la Convenzione di Parigi per la protezione della proprietà intellettuale del 1883.
Il marchio collettivo d'impresa, in quanto strumento giuridico che riconosce ai prodotti lo status di patrimonio culturale tradizionale, economico e sociale, è basato sul concetto che un territorio non appartiene solo ai produttori, ma a tutta la collettività che in esso si riconosce e che la sua tutela si deve esplicare sia a livello nazionale, sia internazionale.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®