Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 05 agosto 2021 | aggiornato alle 09:16 | 76976 articoli in archivio

Traffico aereo, la Iata difende l’ambiente a Fiumicino

31 gennaio 2009 | 15:00

Traffico aereo, la Iata difende l’ambiente a Fiumicino

31 gennaio 2009 | 15:00

«Dopo un 2008 drammatico per le compagnie aeree anche nel 2009 sarà crisi profonda. Schiacciate da contratti future sull'acquisto di carburante che ancora non beneficiano del crollo dei prezzi del barile, e dalla domanda in calo per l'impatto della crisi economica, i vettori europei chiuderanno il 2009 con i conti in rosso per 1 miliardo di dollari, dieci volte peggio del 2008». Lo ha detto Giovanni Bisignani, il numero uno, direttore generale e amministratore delegato di Iata (Associazione internazionale delle compagnie del trasporto aereo) in occasione dell'inaugurazione della mostra sull'ambiente, organizzata da Iata all'interno del molo B.

 La mostra-installazione si presenta come una sorta di modulo spaziale attraverso il quale i passeggeri, camminando, possono leggere sui pannelli interattivi gli studi e i progressi fin qui ottenuti per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica degli aerei, riduzione che è calcolata nell'ordine del 2%. In un tunnel che riprende la forma di un motore d'aereo sono ben visibili le proposte e le contromisure messe in campo dalla Iata, da qui al 2050, per limitare le emissioni di anidride carbonica, per favorire il risparmio energetico e per promuovere l'adozione di nuovi combustibili, materiali e tecnologie in grado di ridurre l'impatto sull'ambiente delle attività aeronautiche.
Rotte più brevi e il concetto di "Cielo unico europeo", che può far risparmiare fino a 12 milioni di tonnellate di CO2 l'anno, sono tra i rimedi allo studio. La Iata indica in nuovi carburanti, in migliori mezzi di propulsione e modelli di motore rivoluzionari, il mezzo potenziale per arrivare ad un futuro senza emissioni di CO2. Tra le forme alternative di carburante, anche quello delle alghe che, viene spiegato, essendo erbe acquatiche catturano grandi quantità di CO2 e hanno un altissimo contenuto di energia.

Che cos'è la Iata
La International air transport association è un'associazione davvero unica. Rappresenta 230 compagnie aeree, protagoniste del 93% del traffico aereo internazionale. Il suo ruolo va molto al di là di quello che è il ruolo tradizionale di una normale associazione di categoria. Sin dalla sua nascita nel 1945, sono stati affidate alla Iata fondamentali funzioni per l'operatività del settore aereo, dalla commercializzazione del prodotto attraverso le sue 100.000 agenzie di viaggio, alla sicurezza, all'addestramento professionale, alla gestione dei flussi finanziari. La sua clearing house gestisce oltre 315 miliardi di dollari.
La strategia del Simplify the Business di Iata sta cambiando il settore attraverso un uso più diffuso della tecnologia. I viaggiatori guadagnano in convenienza, mentre le compagnie aeree hanno registrato un taglio dei costi pari a 6,5 miliardi di dollari. Il primo giugno 2008 è stato tagliato un importante traguardo: da quel giorno è stato conseguito il 100% di e-ticketing. E sono in preparazione altre innovazioni, come i banchi check-in ad uso comune e il check-in via internet o telefono cellulare.

Julia-Sandra Virsta

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali