Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 24 gennaio 2020 | aggiornato alle 10:28| 63114 articoli in archivio
Rotari
Pentole Agnelli
HOME     VINO     CONSORZI

Chianti Classico, che valore
È il terroir italiano più "ricco"

Pubblicato il 17 febbraio 2009 | 18:53
Un fatturato stimabile in oltre 500 milioni di euro, che comprende un valore della produzione vinicola imbottigliata di 360 milioni di euro, un valore complessivo della produzione olivicola pari a 10 milioni di euro, un valore delle altre produzioni agricole stimabile in 90 milioni di euro, e un fatturato degli agriturismi pari a 75 milioni di euro: ecco le cifre da record del distretto agroalimentare del Chianti Classico, che vanta il primato di terroir italiano a maggiore redditività.
Una grande "impresa", di cui vino, olio e turismo sono le principali voci di bilancio: il vino si conferma suo prodotto di punta, ma grazie anche all'eccellenza dell'olio e di un turismo di alto livello nasce  una sinergia virtuosa e necessariamente unitaria.

Il distretto del Chianti Classico
Il Chianti Classico è un solido distretto agroalimentare - che si estende per 70.000 ettari, di cui 7.200 vitati a Chianti Classico e 10.000 coltivati a oliveto, per un totale di 1.200.000 piante - uno degli esempi europei più importanti di questo genere di concentrazione produttiva, in cui convergono multi-fattorialità, eredità storiche, tensioni culturali, qualità delle aziende.

 Negli ultimi 25 anni, il territorio del Chianti Classico ha ottenuto un successo che ha pochi equivalenti in Italia ed in Europa. Un fenomeno rapido e di misura inaspettata, ottenuto anche grazie all'abilità di interpretare le tendenze culturali più profonde della società contemporanea, intercettando gli orientamenti meno banali dei consumatori. Un successo determinato in larga misura dall'affermazione sui mercati mondiali del vino Chianti Classico, cioè di quel prodotto che meglio comprende in se storia, cultura e identità sociale del territorio. Un vino che le strategie degli imprenditori vitivinicoli chiantigiani hanno portato costantemente ad aumentare la propria qualità e, soprattutto, hanno promosso come espressione diretta delle qualità ambientali, artistiche e culturali del territorio, vantaggio competitivo, quest'ultimo, decisivo nel riposizionamento del Chianti Classico nei segmenti più alti e difficili del mercato.
«Quella di costituire un distretto agroalimentare è una scelta - spiega Giuseppe Liberatore, direttore del Consorzio Chianti Classico - che per l'Italia, e in particolare per il Chianti Classico, non solo apre la possibilità a finanziamenti più facili, riduzioni tariffarie per opere pubbliche, maggiore tutela ambientale, ma rappresenta l'opportunità di "fare branding" insieme, diventando il perno di una nuova strategia ad hoc per le sfide sempre più impegnative che aspettano anche i luoghi più quieti del Chiantishire».
Quella di costituire un distretto agroalimentare è una scelta - spiega Marco Pallanti, presidente del Consorzio - che per l'Italia, e in particolare per il Chianti Classico impegna le aziende a fare sistema, valorizza le imprese e garantisce una maggiore tutela ambientale, diventando il perno di una nuova strategia per fronteggiare le sfide sempre più impegnative del futuro”.

 Vino ma non solo
Grazie al vino, l'economia del Chianti Classico ha realizzato una crescita che ha pochi precedenti soprattutto per una sua caratteristica peculiare: si è basata sulla valorizzazione di risorse agricole ed ambientali che un tempo non molto remoto erano sinonimo di arretratezza e povertà.
Prodotti agricoli di qualità e qualità del paesaggio sono stati in grado di trasformarsi in un potente moltiplicatore economico, convertendo quelle che fino alla metà degli anni '80 erano considerate risorse marginali in un complesso di fattori di crescita tra loro strettamente intrecciati. Basti pensare che vino e paesaggio hanno attivato un importante flusso turistico (fenomeni come quello dell'agriturismo e del turismo eno-gastronomico trovano nelle colline fra Siena e Firenze il loro luogo d'elezione) che, a sua volta, ha stimolato tutta una serie di attività collaterali, a partire dall'artigianato. A questo elemento centrale, però, vanno aggiunte da un lato la pre-esistenza di un sistema di aziende in grado di attivare risorse umane e finanziarie e, dall'altro, la presenza di una cultura di impresa distribuita su un territorio circoscritto. Caratteristiche queste, tipiche dei distretti e non facilmente riproducibili in ogni luogo d'Italia.

La forza della sinergia distrettuale
Non secondaria, poi, la presenza sul territorio di particolari forme di organizzazione della catena del valore, capaci di conservare le peculiarità economico-produttive delle singole realtà, con l'obiettivo di integrare le relazioni tra imprese con i luoghi dove tali relazioni si formano e si sviluppano, avendo questi ultimi una nuova centralità in un contesto sempre più globalizzato. Il risultato è uno "spazio" interpretato non più come una sorgente di costo, ma come un fattore di sviluppo, in un'ottica di gerarchia e di reti fra luoghi. La cabina di regia del distretto agroalimentare, dunque, diventa un'ulteriore evoluzione della concertazione; partecipazione, individuazione delle priorità e assunzione di responsabilità le linee guida del suo operare. Il distretto non è una semplice etichetta, ma rappresenta il fulcro di un'integrazione istituzionale e produttiva, basata sulla sussidiarietà e sulla cooperazione, con l'obiettivo di consolidare e sviluppare le qualità di tutto un territorio.

Articoli correlati:

Il Chianti Classico tra gil evergreen preferiti dagli italiani
Giù le mani dal "Gallo nero". Il Chianti Classico si tutela
Consorzio vino Chianti Classico - SCHEDA

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).