Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 11 dicembre 2019 | aggiornato alle 10:30| 62500 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Grappa e divieti: tre buoni motivi per non aromatizzare

Grappa e divieti: tre buoni motivi per non aromatizzare
Grappa e divieti: tre buoni motivi per non aromatizzare
Pubblicato il 08 aprile 2009 | 16:58

Si fa un gran parlare - e con non poca preoccupazione da parte dei produttori più rispettosi della tradizione - del divieto di utilizzare aromi nella grappa. Ma, spiega Luigi Odello, l’aromatizzazione della grappa è già vietata. Tre buoni motivi per non aromatizzarla

 Luigi OdelloLa legge 1559 del 1951, da quanto ne sappiamo mai abrogata, riportava che le acqueviti poste in commercio non debbono contenere 'sostanze estranee alla loro specifica composizione”. La normazione seguente ha sì regolamentato l'aromatizzazione, ma è da intendersi per quella specifica categoria di grappe aromatizzate (alla ruta, alla camomilla ecc.) per le quali è palese anche al consumatore che in un qualche modo il vegetale dichiarato è stato impiegato. E in questo modo di intendere le cose siamo anche supportati da una circolare ministeriale che chiariva che l'aromatizzazione doveva essere fatta con sostanze derivanti dalla stessa materia prima impiegata. Dunque se trattasi di una grappa di Barbera, da parti di questo vitigno.
Ma, uscendo dal campo legale, nel quale proprio a nostro agio non ci troviamo, ha senso aromatizzare la grappa? Non ce l'ha, almeno per tre buoni motivi:

    - gli aromi hanno un'influenza diretta sul nostro inconscio e il consumatore avverte quando il profilo aromatico non è autentico. Il naso non si inganna, e questo è dimostrabile. Perché allora fare del male alla grappa?
    - vero è che gli aromi aggiunti hanno un impatto iniziale sul consumatore che può convincere in un primo momento, e quindi l'aromatizzazione potrebbe consentire di mettere in commercio, mascherati, prodotti senza qualità edonica. Ma questo produrrebbe un inquinamento del mercato a scapito dei produttori che sanno dare un grande aroma partendo da materia prima eccezionale e lavorano con maestria. Insomma, in un mondo in cui l'alcol viene demonizzato e usato persino come carburante, che senso ha 'bonificarne” una parte per renderlo uso bocca?
    - le società delle cosiddette economie avanzate stanno rivolgendosi con sempre maggiore insistenza alla naturalità (biologico, organico ecc.) e al buono certificato: che senso ha per la grappa, da sempre emblema di una tradizione che si rinnova incontaminata, percorrere una via inversa?

* presidente del Centro Studi Assaggiatori

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).