Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 29 luglio 2021 | aggiornato alle 08:49 | 76863 articoli in archivio

La Regione chiama a raccolta il Veneto del turismo per battere la crisi

La Regione chiama a raccolta il Veneto del turismo per definire assieme agli operatori una linea di condotta coerente e univoca per affrontare e battere la crisi che sta interessando l’economia mondiale e contrastare i suoi effetti sul settore dell’ospitalità

15 aprile 2009 | 16:39

La Regione chiama a raccolta il Veneto del turismo per battere la crisi

La Regione chiama a raccolta il Veneto del turismo per definire assieme agli operatori una linea di condotta coerente e univoca per affrontare e battere la crisi che sta interessando l’economia mondiale e contrastare i suoi effetti sul settore dell’ospitalità

15 aprile 2009 | 16:39

 L'appuntamento con gli attori del sistema turistico regionale è fissato per giovedì 23 aprile prossimo a Villa Braida di Mogliano Veneto. L'incontro, che inizierà alle ore 10, sarà per certi aspetti anche preparatorio della grande assise del turismo regionale preannunciata per il prossimo ottobre, finalizzata a definire una strategia di settore di lungo periodo, che guardi al di là del contingente e possa tenere conto dell'andamento di tutti i segmenti nei mesi estivi, che costituiscono il periodo temporalmente più indicativo sull'andamento economico dell'ospitalità veneta.

Franco Manzato«La crisi economica mondiale - sottolinea Franco Manzato (nella foto), vicepresidente della Giunta regionale e responsabile delle politiche per il turismo - preoccupa anche il sistema turistico del Veneto, prima regione d'Italia nel settore con quasi 61 milioni di presenze registrate nel 2008. Si tratta di un segmento fondamentale del nostro sistema produttivo, con un giro d'affari valutato in circa 12 miliardi di euro, il 5,5% del Pil e circa 460mila addetti e in questa ottica dobbiamo affrontare e contrastare la situazione, non subirla. Per certi aspetti è questo il momento di compiere sforzi aggiuntivi, pubblico e privato, in modo da reggere all'attuale fase e soprattutto per avere delle basi di partenza più avanzate quando la crisi finirà e ci sarà la ripresa. Di sicuro il sistema turistico veneto deve darsi una strategia e realizzare tutte le sinergie possibili».

A Villa Braida sono stati invitati i rappresentanti delle categorie economiche interessate, presidenti e amministratori provinciali, responsabili delle Camere di commercio, presidente e direttore di Veneto sviluppo, i presidenti dei Consorzi di promozione turistica, rappresentanti degli istituti bancari, la commissione consiliare Cultura e turismo.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali