Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 14 dicembre 2019 | aggiornato alle 20:44| 62568 articoli in archivio
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Tassa sulle bibite gassate, buoni risultati
In Messico un calo di acquisti del 9,7%

Tassa sulle bibite gassate, buoni risultati 
In Messico un calo di acquisti del 9,7%
Tassa sulle bibite gassate, buoni risultati In Messico un calo di acquisti del 9,7%
Pubblicato il 27 febbraio 2017 | 12:12

La tassa sulle bibite gassate come lotta all'obesità, nonostante quanto detto dalle case produttrici, pare funzionare: infatti, per il caso del Messico, dopo due anni, i consumi sono diminuiti in toto del 9,7%

Una tassa che aumenta il prezzo delle bibite gassate sembra davvero scoraggiarne il consumo. Questo, contrariamente a quanto affermato dalle case produttrici, è dimostrato dall'esperienza del Messico, uno dei primi Paesi ad applicare suddetta tassa: nei primi due anni le vendite sono calate, in particolar modo proprio nella fascia di popolazione più a rischio obesità, quella con condizioni socioeconomiche più basse.

Tassa sulle bibite gassate, buoni risultati  In Messico un calo di acquisti del 9,7%

Lo studio dell'università del North Carolina, pubblicato da Health Affairs, ha analizzato gli effetti della tassa da un peso (circa 5 centesimi) al litro istituita per tutte le bibite zuccherate nel 2014, sulla base dei dati di quasi 7mila punti vendita. In totale le vendite sono calate del 5,5% nel primo anno di applicazione rispetto all'anno precedente, e la tendenza si è confermata nel secondo, con un calo totale del 9,7%. La diminuzione dei consumi, spiegano gli esperti, riguarda soprattutto la fascia più bassa economicamente, quella che ha i consumi maggiori e anche il rischio più alto di obesità.

«Lo studio sembra suggerire che il consumo di bibite zuccherate segue un andamento simile ad altri prodotti - scrivono gli autori - che tradizionalmente creano dipendenza, come sigarette e alcol. Come nel caso del tabacco vediamo un effetto per cui le persone sono sempre più disabituate all'uso delle bibite».

Lo studio è stato subito contestato dalle aziende produttrici statunitensi, riporta il New York Times, che hanno sottolineato in un comunicato che nel Paese non sono stati osservati i tassi di diminuzione dell'obesità che gli esperti si aspettavano come conseguenza del calo dei consumi. Nonostante le critiche molte città negli Usa stanno seguendo l'esempio messicano, dalla California all'Illinois. Particolarmente interessante è l'esempio di Philadelphia, che ha introdotto la tassa destinando i proventi agli asili nido cittadini, e più in generale al settore dell'educazione.

Anche l'Oms, in diversi documenti, ha messo l'aumento dei prezzi fra le misure da prendere per scoraggiare i consumi, sottolineando come le bibite aumentino il rischio di obesità, diabete di tipo 2 e problemi ai denti. «Politiche fiscali che portino ad un aumento di almeno il 20% del prezzo delle bibite gassate per i consumatori - scrive ad esempio l'organizzazione in un rapporto dedicato pubblicato lo scorso ottobre - potrebbero portare a una riduzione proporzionale del consumo di questi prodotti».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


bibita gassata zucchero obesita tassa Messico calo dei consumi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).