Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 16 dicembre 2019 | aggiornato alle 12:54| 62580 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Rivoluzione in casa Coca-Cola
Meno zucchero e packaging ridotto

Rivoluzione in casa Coca-Cola 
Meno zucchero e packaging ridotto
Rivoluzione in casa Coca-Cola Meno zucchero e packaging ridotto
Pubblicato il 03 febbraio 2017 | 18:45

Il colosso americano risponde alle richieste dei consumatori e dell’Organizzazione mondiale della sanità e si prepara a diminuire la quantità di zucchero nelle bevande e a ridurre le dimensioni dei packaging

Anche un marchio storico e celebre come Coca-Cola di fronte all’evoluzione del mercato globale e al modificarsi radicale delle abitudini (e dei gusti) dei cittadini del mondo deve rivedere le sue politiche e le sue strategie di marketing. In alcuni casi si deve parlare addirittura di rivoluzione. Come quella che sta mettendo in atto il colosso americano di Atlanta che, appunto, deve rivedere qualcosa nella ricetta della bevanda più famosa del mondo e nel suo imbottigliamento. In primis Coca-Cola dovrà ridurre la quantità di zucchero presente nelle bevande per rispondere alle richieste dei consumatori e agli ordini dell’Organizzazione mondiale della sanità. Quindi, per quanto riguarda l’imbottigliamento, che dovrà essere effettuato in bottiglie più piccole. E ancora, per rafforzare ulteriormente la propria identità, un bollo rosso in bella vista.

Rivoluzione in casa Coca-Cola  Meno zucchero e packaging ridotto

Il prossimo 9 febbraio Coca-Cola comunicherà i dati di bilancio che cederanno il testimone ad un triennio prossimo da oltre 41 miliardi di fatturato. I conti ovviamente, sono l’ossessione di ogni azienda, e così è anche per Coca-Cola che dalla rivoluzione di cui sopra può comunque uscire col sorriso perché meno zucchero e bottiglie più piccole consentiranno di risparmiare 1,5 miliardi di euro. Giusto per rimanere nei numeri, una bottiglietta di Coca-Cola a base di zucchero costa oltre il 10% in più rispetto alla medesima bevanda con i dolcificanti. Differenza non trascurabile per un gruppo che acquista zucchero per dolcificare circa due miliardi di soft drink all’anno.

La strategia in ogni caso è quella tratteggiata da Marcos de Quinto, vice presidente esecutivo che sovrintende tutte le attività di marketing di Coca-Cola Company, in occasione del suo passaggio a Roma. «Il progetto prevede la riorganizzazione dei marchi Coca-Cola, Coca-Cola Life, Coca-Cola Zero, Coca-Cola light, finora strutturati come unità di business distinte e autonome», spiega de Quinto. Il nuovo piano trasferirà tutto sotto il cappello del brand Coca-Cola, che verrà poi declinato nelle diverse varianti dolcificate senza o con poco zucchero. In pratica, ogni bottiglia o lattina avrà lo stesso design e stile, caratterizzato da un bollo rosso. Ciò che può apparire solo un nuovo dettaglio dovrà tradursi in efficienze e risparmi. Il marketing del gruppo sarà, infatti, impegnato ad assecondare e promuovere la domanda di soft drink a basso contenuto di zucchero.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Coca Cola zucchero packaging bottiglia Cina Giappone Usa Atlanta Organizzazione mondiale della sanita consumatore fatturato bilancio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky_Business_Natale_DIC19_No_Prezzo
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).