TuttoFood
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 17 febbraio 2019 | aggiornato alle 00:32 | 57579 articoli in archivio
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO
di Gabriele Ancona
vicedirettore
di Gabriele Ancona
vicedirettore

La nuova frontiera del gusto amaro
Terrazza Martini celebra il Negroni

Pubblicato il 08 dicembre 2018 | 15:00



L’amaro genera l’amaro. In Italia si cresce con la cultura del caffè nero forte, degli amari e digestivi, di una cucina che utilizza da sempre prodotti naturali amari: olio extravergine, radicchio, basilico e rosmarino.

È proprio qui che più facilmente si è sviluppata l’abitudine a questo gusto. Per noi è naturale. Non è così però nel resto del mondo. Per questo Martini ha coinvolto Niki Segnit, autrice del libro “La grammatica dei sapori e delle loro infinite combinazioni”, in uno studio sul sapore amaro, gusto principe del Negroni, il cocktail più venduto al mondo che nel 2019 festeggerà il secolo di vita.

(La nuova frontiera del gusto amaro Terrazza Martini celebra il Negroni)

La ricerca è stata presentata a Milano in Terrazza Martini, in occasione della tappa meneghina di Caffè Torino, il format di bar itinerante dedicato a tre dei cocktail da antologia - Americano, Negroni e To-To, acronimo di Torino -Torino - e che vuole per celebrare le Riserva Speciale di Martini: Rubino, Ambrato e Bitter.

(La nuova frontiera del gusto amaro Terrazza Martini celebra il Negroni)
Filippo Novelli

Dall’indagine condotta dalla “palatologa” inglese, è nato “Ama l'amaro”, un’interessante esplorazione visiva nel mondo dell'amaro, una mappa che mira a ispirare consumatori, bartender e cuochi affinché prendano in considerazione gli ingredienti amari e le innumerevoli possibilità di combinarli in modo creativo.

«L’amaro - ha ricordato Roberta Mariani, Martini Global Ambassador - non è singolo, ha diverse sfaccettature che possono essere utilizzate nella preparazione delle ricette  Se analizziamo un Negroni, per esempio, vediamo che è un blend di combinazioni di amaro. Un drink complesso e unico a base di bitter, vermouth e gin».

(La nuova frontiera del gusto amaro Terrazza Martini celebra il Negroni)

E il Negroni, nel corso della serata-evento milanese è stato abbinato a un amaro per eccellenza: il cioccolato. Un matrimonio di sapori seducente. Filippo Novelli, pastry chef della cioccolateria La Perla di Torino ha realizzato un tartufo fatto di massa di cacao dell'Uganda, fava di cacao dal Guatemala e nocciola trilobata. Un pairing in grado di esaltare al meglio le caratteristiche organolettiche sia del drink sia del cacao.

bevande beverage Terrazza Martini mialno gusto amaro Bitter vermouth Negroni Rubuno bere mix


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548