Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 09 dicembre 2019 | aggiornato alle 17:44| 62476 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Da Carpano alla “Milano da bere”
L’aperitivo, un rito tutto italiano

Da Carpano alla “Milano da bere” 
L’aperitivo, un rito tutto italiano
Da Carpano alla “Milano da bere” L’aperitivo, un rito tutto italiano
Primo Piano del 25 maggio 2019 | 09:22

Qual è la tradizione più praticata dagli italiani al termine di una lunga giornata di lavoro? Esatto! L’aperitivo, senza dubbio uno degli appuntamenti più amati nel Belpaese. Da nord a sud, non esiste locale o cocktail bar che si rispetti senza una proposta di "stuzzichini" per accompagnare la propria bevanda, che sia vino, birra, Negroni o Spritz.

Assolutamente differente dalle tapas spagnole, quella di cui stiamo parlando è un’usanza unica nel suo genere che, come la pizza, l’arte e la moda, rappresenta il culto del Made in Italy in tutto il mondo. Ovviamente, anche l’aperitivo ha una storia che vale la pena raccontare, fatta di episodi e di personaggi che ne hanno scritto le origini e segnato il successo.

(Da Carpano alla Milano da bere L’aperitivo, un rito tutto italiano)

Quali sono le radici di questa abitudine tutta italiana? Sfogliando fra i libri di storia del cocktail, le prime tracce del cosiddetto “padre di tutti gli aperitivi” risalgono al V secolo a.C., quando Ippocrate - il medico più celebre di tutta l’antichità - creò uno speciale elisir a base di vino, assenzio ed erbe perfetto per aprire lo stomaco degli inappetenti. Una ricetta che ha fatto la storia della mixology, tramandata nei secoli grazie allo sforzo dei frati alchimisti medievali, ai quali dobbiamo un’importante scoperta: a stimolare l’appetito non sono le proprietà dei singoli ingredienti, bensì il gusto amaro ottenuto dal loro mixaggio. Non c’è da stupirsi, infatti, che i principali drink proposti durante gli aperitivi abbiano retrogusti amari.

È, però, nel 1786 a Torino che l’aperitivo inizia ad assumere sembianze simili a quello di oggi. L’artefice di questa "rivoluzione" prende il nome di Antonio Benedetto Carpano: un piccolo venditore di bevande che ha dato vita al liquore per eccellenza, il Vermouth: una speciale miscela di vino aromatizzato e china, famosa per essere la bevanda alcolica preferita dal Re d’Italia Vittorio Emanuele II.

(Da Carpano alla Milano da bere L’aperitivo, un rito tutto italiano)

Ovviamente, la creatività italiana di quegli anni non si è fermata a Carpano. Di fatto, l’800 è il secolo in cui nascono alcuni must imprescindibili di questo rito tutto italiano, come l’Amaro Ramazzotti, una combinazione di 33 erbe prive della base di vino; il Martini, un vermouth composto di vino moscato ed erbe macerate; il Campari, il bitter rosso per eccellenza dalla ricetta segreta.

Infine, arriviamo alla “Milano da bere”. Siamo a cavallo fra gli anni ’80 e ’90, quando in città iniziano a prendere piede i primi buffet - grandi quantità di stuzzichini e piccole riproduzioni di primi e secondi piatti a libero accesso -, che han dato vita alla nota “apericena”: è questo il momento storico che sancisce il D-Day dell’aperitivo all’italiana così come lo conosciamo.

Nonostante le diverse interpretazioni regionali, oggi l’aperitivo è una cerimonia sociale diffusa in tutta la Penisola: un appuntamento immancabile della propria giornata per rilassarsi e divertirsi in compagnia di amici.

Per informazioni: www.jacleroi.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


aperitivo Carpano Martini Vermouth Milano Milano da bere stuzzichini amaro Made in Italy bevande beverage

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).