Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 aprile 2020 | aggiornato alle 10:26| 64530 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     BIRRA    
di Enrico Rota
Enrico Rota
Enrico Rota
di Enrico Rota

Fermentazione della birra, fase delicata
in cui si determinano il gusto e l’aroma

Fermentazione della birra, fase delicata 
in cui si determinano il gusto e l’aroma
Fermentazione della birra, fase delicata in cui si determinano il gusto e l’aroma
Pubblicato il 27 novembre 2016 | 12:42

La fermentazione aerobica, in presenza di aria, permette ai lieviti di proliferare; quella anaerobica, in assenza di aria, trasforma gli zuccheri semplici del malto essenzialmente in alcol etilico e anidride carbonica

Questo processo, generato dall’azione dei lieviti, è stato per molto tempo avvolto dal mistero. Sembra accertato che “l’invenzione del pane” sia databile intorno al 6000 a.C. (l’uso del lievito è descritto più volte nel libro dell’Esodo), anche se l’uso consapevole di sostanze lievitanti, che richiede l’impiego di cereali facilmente decorticabili e l’introduzione di cellule di lievito, non appare fino al 500 a.C.

Fermentazione della birra, fase delicata  in cui si determinano il gusto e l’aroma

L’etimologia scientifica di questo lievito ci dice già molto di questa specie: “Saccharomyces”, in quanto fungo (mycos) dello zucchero (saccharo); “cerevisiae” affonda le sue radici nella parola gaelica kerevigia e nell’antica parola francese cervoise. Entrambe queste antiche parole erano riferite alla birra, e ancor oggi la birra, in spagnolo, si chiama cerveza. La scoperta del lievito, della sua attività e quindi del suo controllo ha portato ad una grande evoluzione nella produzione di birra, rimanendo comunque tuttora la fase fondamentale e più delicata dell’intero ciclo.

La fermentazione avviene in due fasi: aerobica, in presenza di aria, che permette ai lieviti di proliferare, e anaerobica, in assenza di aria, che trasforma gli zuccheri semplici del malto essenzialmente in alcol etilico e anidride carbonica. Esistono fondamentalmente, come visto nel servizio sui lieviti, due tipi di fermentazione: la bassa, che dura dai 5 ai 15 giorni, e la alta, che dura dai 2 ai 7 giorni. Esiste un terzo tipo di fermentazione, definita spontanea, che sfrutta i lieviti presenti nell’aria e quindi, non essendo un processo controllato, produce ogni volta una birra diversa.

A questo punto la birra non è ancora pronta. Il liquido viene trasferito nei tini di maturazione dove avviene il completamento della fermentazione responsabile della formazione dell’aroma, del gusto e della gasatura finale. La birra viene fatta maturare: i tempi, dalle 3 alle 14 settimane, e le temperature, dai 3 ai 25°C, dipendono dal sistema di maturazione e dalla tipologia prodotta. In questa fase si possono aggiungere erbe, spezie, frutta e fiori, facendoli macerare nella birra.

A questo punto la birra è pronta, ma l’operazione di filtraggio serve per chiarificare e rendere limpida la birra, separandola dalle scorie dei lieviti e dalle proteine. Molte birre, invece, vengono imbottigliate senza il filtraggio finale per consentire al prodotto di continuare a fermentare, come accade per diversi stili birrari e per tutte le produzioni artigianali.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


fermentazione alta fermentazione bassa fermentazione lievito birra aroma gusto gasatura

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®