Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 aprile 2020 | aggiornato alle 21:22| 64568 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     BIRRA    
di Giovanni Angelucci
Giovanni Angelucci
Giovanni Angelucci
di Giovanni Angelucci

Birra, Patrimonio dell’umanità in Belgio
Un grande traguardo per il mondo

Birra, Patrimonio dell’umanità in Belgio 
Un grande traguardo per il mondo
Birra, Patrimonio dell’umanità in Belgio Un grande traguardo per il mondo
Pubblicato il 08 dicembre 2016 | 17:18

La cultura brassicola del Belgio avrebbe continuato a conservare il proprio valore e promuovere la sua grandezza anche senza il riconoscimento dell’Unesco, ma il risultato è importante per l’essenza della birra nel mondo

Il riconoscimento “Birra patrimonio dell’umanità” ottenuto di recente dal Belgio ci riporta a qualche anno fa, quando una parte dei vigneti di Langhe-Roero e Monferrato venne riconosciuta dall’Unesco con questa motivazione ufficiale: “Una eccezionale testimonianza vivente della tradizione storica della coltivazione della vite, dei processi di vinificazione, di un contesto sociale, rurale e di un tessuto economico basati sulla cultura del vino. I vigneti di Langhe-Roero e Monferrato sono un esempio eccezionale di interazione dell'uomo con il suo ambiente naturale”.

I cugini francesi non poterono che congratularsi seppur con un po’ di amaro in bocca, accrescendo ancora di più la centenaria diatriba vinicola tra i due paesi. Oggi, a distanza di 2 anni tocca al Belgio e alla sua immensa cultura brassicola essere giudicata come “Patrimonio intangibile dell’umanità”, inserendo la birra belga tra le più alte espressioni della cultura e delle tradizioni del genere umano.

Birra Patrimonio umanita in Belgio

Ma si ripete la “battaglia dei valori” e questa volta a rimanere a bocca asciutta è la Germania che esattamente tre anni fa aveva provato ad intraprendere la stessa strada ma con esiti diversi. Il Reinheitsgebot, la legge tedesca più vecchia (ancora in vigore seppur modificata) sulla sicurezza alimentare nel mondo, su cui il paese fece leva, tuttavia non bastò. Fu emessa tramite un decreto ducale il 23 aprile 1516 ad Ingolstadt, dai co-governatori bavaresi, i Duchi Guglielmo IV e Ludovico X, che prevedeva unicamente l’utilizzo di orzo, luppolo e acqua come ingredienti della produzione della birra.

L’intento era di mantenere il più possibile una birra “pura” eliminando dal mercato ingredienti a basso costo e di qualità scadente come erbe, funghi e radici, che potessero minare l’elevata qualità media del paese. Questo portò nel tempo, e ancora oggi, ad avere grandi birre tedesche, saporite, autentiche, vere. In ogni caso il Reinheitsgebot, che quindi era una legge di tutela alimentare e non un disciplinare qualitativo, non ha convinse del tutto la commissione dell’Unesco che respinse la richiesta tedesca.

Il Belgio, invece, è stato più convincente e tra le righe dei documenti che compongono il dossier sottoposto all’Organizzazione delle nazioni unite per l'educazione, la scienza e la cultura si legge:


Produrre e gustare birra è parte fondamentale delle tradizioni di un’ampia varietà di comunità del Belgio. Gioca un ruolo primario nella vita quotidiana, così come in occasioni di feste e celebrazioni. Quasi 1.500 tipi di birra sono prodotte nel paese utilizzando diversi metodi di fermentazione. Inoltre la birra è impiegata in ambito gastronomico, come nel caso della creazione di formaggi alla birra, e come il vino può essere abbinata al cibo per esaltarne gli aromi. Migliaia di persone, organizzate o meno, uomini e donne, professionisti e amatori, hanno a che fare direttamente con la birra in Belgio. L’elemento (la birra) è praticato in tutto il Belgio. In ogni provincia ci sono birrifici, club, musei (circa trenta in totale), corsi di formazione, eventi, festival, ristoranti e cafè che contribuiscono al frizzante e creativo panorama brassicolo locale. Varie pratiche hanno radici geograficamente circoscritte: ad esempio il Lambic è prodotto solo a Bruxelles e nel vicino Pajottenland e solo durante l’inverno; le antiche birre scure sono prodotte nelle Fiandre occidentali; il formaggio alla birra è tipico delle abbazie. Consumatori esprimono chiare preferenze regionali. In Belgio quasi 200 birrifici producono circa 1.500 birre diverse, molte delle quali sono artigianali o specialità, di oltre 50 tipologie. Questa varietà deriva dalla creatività dei birrai, la necessità di consumatori consapevoli, un solido sistema di condivisione e trasmissione delle informazioni e un ampio assortimento di soluzioni tecnologiche e materie prime.


La cultura brassicola del Belgio avrebbe continuato a conservare il proprio valore e promuovere la sua grandezza anche senza il riconoscimento dell’Unesco, ma essere ritenuti patrimonio intangibile dell’umanità è quasi commovente, specialmente perché si fa riferimento con importante peso al concetto di birra artigianale, la “craft beer” come idea indissolubile dal concetto di qualità della birra prodotta nel mondo, soprattutto se pensiamo alla confusione che c’è intorno alla nozione di birra artigianale. Un grande traguardo per l’essenza della birra vera e per i birrai di tutto il mondo, Germania compresa.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


patrimonio Unesco Belgio Germania Langhe Roero birrificio traguardo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®