Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 30 marzo 2020 | aggiornato alle 02:45| 64446 articoli in archivio
HOME     BIRRA    
di Giovanni Angelucci
Giovanni Angelucci
Giovanni Angelucci
di Giovanni Angelucci

L’arte della birra belga patrimonio Unesco
In ogni boccale tradizione e cultura

L’arte della birra belga patrimonio Unesco 
In ogni boccale tradizione e cultura
L’arte della birra belga patrimonio Unesco In ogni boccale tradizione e cultura
Pubblicato il 26 maggio 2017 | 10:49

La cultura brassicola belga è stata riconosciuta patrimonio intangibile dell’umanità per la tradizione e la storia che ci stanno alle spalle. Tra i motivi che hanno convinto la commissione anche la diversità di birre

È ufficiale, l’immensa cultura brassicola belga è stata giudicata “Patrimonio intangibile dell’umanità”, ed inserita tra le più alte espressioni della cultura e delle tradizioni del genere umano. Ne avevamo già parlato a dicembre quando era stata presa la decisione ed ora l’ufficializzazione con la cerimonia al municipio di Bruxelles.

L’arte della birra belga patrimonio Unesco In ogni boccale tradizione e cultura

Dunque ogni trappista, lambic, gueuze o blanche stappate equivarranno ad un "sorso di cultura" (no che non lo fossero già). Durante la cerimonia in Belgio il ministro della Cultura ha elogiato «la diversità impareggiabile dell'arte della birra belga e l'intensità di questa cultura che ha permesso il riconoscimento. Come stabilisce l’Unesco la tradizione della birra in questo paese merita di figurare nella lista rappresentativa di quanto di meglio la cultura immateriale dei popoli esprime».

La domanda per entrare nella lista Unesco era stata presentata dalla Comunità Germanofona, in rappresentanza di tutto il Belgio, facendo squadra con l'organizzazione dei birrai e le varie associazioni di categoria. Durante alla cerimonia che si è svolta al Municipio di Bruxelles hanno figurato unite le bandiere delle tre anime del paese: Alda Greoli (Vallonia-Bruxelles), Isabelle Weykmans (Comunità di lingua tedesca) e Sven Gatz (Comunità fiamminga).

Nel boccale di una buona bionda da oggi, insomma, non si avvertiranno soltanto i profumi freschi delle blanche o l’acido vivace delle lambic, ma anche le tradizioni ereditate dagli antenati birrai, mai dimenticate e tuttora vive nella produzione di birra belga. Per questo si riesce ad andare ben “oltre il bicchiere”, qui tutto è cultura birraria: ogni provincia con i propri birrifici, musei e ristoranti che come unico obiettivo hanno la promozione della birra di qualità. Se si parla di lambic (Bruxelles e il Pajottenland a sudovest della capitale), di saison (prodotte soprattutto in Vallonia) o delle ale “Vieilles brunes” provenienti dalle Fiandre Occidentali, non si può non pensare a questa terra e alla ricchezza culturale e organolettica che è in grado di offrire.

Non a caso tale ricchezza e diversità della cultura della birra ha fatto sì che l'Unesco abbia deciso di includere proprio il “movimento birra Belgio” nella lista del patrimonio culturale immateriale dell'umanità. Chi lo sa, forse è la strada giusta per arrivare, un giorno, a ridimensionare la dicotomia tra birra e vino, due realtà figlie della stessa antica cultura.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


birra birra belga Belgio bionda Unesco patrimonio umanita

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®