Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 30 marzo 2020 | aggiornato alle 07:11| 64446 articoli in archivio
HOME     BIRRA    
di Giovanni Angelucci
Giovanni Angelucci
Giovanni Angelucci
di Giovanni Angelucci

Birrificio “One Mile Station”
Solo 300 hl nel deserto australiano

Birrificio “One Mile Station” 
Solo 300 hl nel deserto australiano
Birrificio “One Mile Station” Solo 300 hl nel deserto australiano
Pubblicato il 30 aprile 2019 | 12:28

Così come in Italia abbiamo centinaia di birrifici artigianali, anche in Australia - e in particolare - nel desertico Northern Territory, ce ne sono di interessanti.

A poca distanza dalla città di Darwin, in quello che al primo istante potrebbe sembrare un capannone da rimessa, si cela un microbirrificio di grande qualità. È il One Mile Brewery fondato nel 2012 da Stuart Brown e Bardy Bayram. Il birrificio era stato originariamente allestito in Stuart Park, vicino la vecchia "One Mile Station"; nel 2014 venne poi trasferito nella zona commerciale di Darwin, dove il progetto iniziale fu notevolmente ampliato con processi di birrificazione perfezionati per garantire una qualità media alta e costante.

(Birrificio One Mile Station 300 ettolitri nel deserto australiano)

Quanto al nome, però, i due hanno deciso di rimanere fedeli al luogo dove tutto iniziò, mantenendo così One Mile Brewery (il rettilineo su cui si trovava). Il nascente birrificio divenne rapidamente conosciuto e la produzione troppo grande per le capacità iniziali, la passione di “Stu” e Bardy per la birra li rese consapevoli del fatto che a Darwin mancava una birra autentica prodotta a livello locale e che esprimesse il territorio. Così da un hobby nacque un fiorente business, seppur “a portata d’uomo” per numeri complessivi. Stuart e Bardy hanno lavorato alla produzione di birre di ogni tipo, comprese quelle di frumento e spaziando tra bianche, stagionali e robuste ricette. Appassionati e capaci, i due iniziarono come homebrewer e impararono tutto producendo e sperimentando. L’unico momento didattico-professionale fu un corso birrario post laurea presso l'Università di Ballarat frequentato da Stuart. E ci volle ben poco perché i due si facessero apprezzare. La loro sperimentazione con la birra si è confermata negli anni; un successo nonostante continuino a mantenere una produzione limitata intorno ai 300 ettolitri annui.

(Birrificio One Mile Station 300 ettolitri nel deserto australiano)

One Mile Brewery ha una reputazione affermata: produzione di birra artigianale facile da bere progettata per il clima di Darwin, dunque leggera e ricca di sapore. Cinque sono le “regular beer” più qualche esperimento come un sidro o un ginger beer. Vengono svolte entrambe le fermentazioni, bassa ed alta, per produzioni che abbracciano diversi stili dal mondo, (possiamo parlare anche di uno stile australiano, grazie all’importante impiego di materie prime autoctone come i luppoli della Tasmania o i malti del Queensland).

(Birrificio One Mile Station 300 ettolitri nel deserto australiano)

L’etichetta d’ingresso è la 4:21, Kolsch (4,8%) chiara di colore dorato con un corpo leggero ed evidente profilo maltato che termina con un gradevole tocco di agrumi e frutta. Colpiscono anche la Red Ale (4,8%) Otto's dal colore rosso rubino con leggeri sentori di biscotti e caramello, di media intensità e grande armonia, così come la No Limits, una profumatissima Ipa (6%) realizzata con luppoli australiani e statunitensi (quattro in totale), dal tenace amaro e aroma di agrumi donati anche dal dryhopping effettuato (solo per questa birra). Infine la Wit Bier è la tipologia di grano in stile belga (5%) che tra freschezza e speziatura conferma la pulizia e armonia delle birre firmate One Mile Brewery.

Per informazioni: www.onemilebrewery.com.au

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


beer birra one mile statio birrificio australia darwin

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®