Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 19 novembre 2019 | aggiornato alle 22:02| 62100 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     BIRRA    
di Gabriele Ancona
vicedirettore
Gabriele Ancona
Gabriele Ancona
di Gabriele Ancona

AssoBirra, il report 2018
Crescono i consumi, +3,2%

AssoBirra, il report 2018 
Crescono i consumi, +3,2%
AssoBirra, il report 2018 Crescono i consumi, +3,2%
Pubblicato il 30 maggio 2019 | 17:55

«Cento anni fa il consumo di birra nel nostro Paese era di 1 milione di ettolitri, oggi è di oltre 20. Il 77% degli italiani la consuma e 7 donne su 10 la bevono, per il 30% due volte alla settimana».

Michele Cason, presidente di AssoBirra, è soddisfatto nel presentare l’Annual Report 2018, il fermo immagine sull’andamento del comparto brassicolo e sul valore economico e sociale del settore birrario e di quello dei maltatori. Lo scorso anno il mercato ha registrato una crescita dei volumi, della produzione e del consumo procapite. «Un incremento – ha sottolineato Cason - legato alla diffusione della birra, un settore che in tutta Italia occupa 140.000 persone, compreso l’indotto».

Crescono i consumi di birra (AssoBirra, il report 2018 Crescono i consumi,  3,2%)
Crescono i consumi di birra

Nel 2018, infatti, il consumo di birra è aumentato del 3,2%, passando dai 19.684.000 ettolitri del 2017 ai 20.319.000. La crescita si è tradotta in un aumento del 3,4% del consumo procapite che nel 2018 si è attestato sui 33,6 litri, valore che ci posiziona comunque al terz’ultimo posto nella classifica europea. L’aumento dei consumi ha favorito una crescita della produzione nazionale del 4,7%. Con 16.410.000 di ettolitri registrati nel 2018, oggi siamo al nono posto in Europa per volumi di produzione e quinti per numero di birrifici. L’aumento della produzione di birra nazionale ha determinato una crescita del malto italiano del 5,5% che si attesta oggi sulle 80mila tonnellate.

Per quanto riguarda l’export, nel 2018 ha raggiunto il nuovo massimo storico sfondando il tetto dei 3 milioni di ettolitri, in aumento del 6,6% sul 2017. «I maggiori mercati di riferimento – ha annotato Cason – sono Gran Brtetagna, il primo importatore di birra italiana, Usa e Australia, aree a forte tradizione birraria». Relativamente all’import ci siamo attestati sui 9 milioni di ettolitri.

«Bere birra italiana - ha continuato Michele Cason - significa bere emozioni, sentirsi italiani. La birra è uno dei prodotti che si sta innovando di più, partendo però dalla tradizione. La sostenibilità del settore, inoltre, è a tutto tondo. Grazie alla filiera agricola si valorizzano i territori».

«Per continuare a favorire una crescita dell’intera filiera della birra - ha puntualizzato il vicepresidente di AssoBirra Alfredo Pratolongo - è necessario individuare un percorso che riporti la quota di tassazione a livelli più equi. La strada intrapresa dal Governo e dal Parlamento è decisamente quella giusta, ma a fronte di aumenti del 30% nel triennio 2013-2015, le diminuzioni del 2017-2019 non raggiungono neppure l’1,7%. Quindi occorrerebbe aumentare la velocità e la profondità di questa ‘road map’ per poter ritornare a livelli pre crisi in tempi ragionevoli». La birra, va ricordato, in Italia è l’unica bevanda da pasto a pagare le accise.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


beer birra Assobirra mercato accise produzione consumi Michele Cason Alfredo Pratolongo consumo produzione birrificio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).