Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 12 agosto 2022 | aggiornato alle 01:34 | 86899 articoli in archivio

Pinte vincenti

MC77 è il Birrificio dell'anno 2021 per Unionbirrai. Lombardia regione più premiata

Va nelle Marche, in provincia di Macerata, l'ambito premio Birra dell'Anno svelato nel corso di Cibus. 1599 le birre degustate, 45 le categorie diverse di premiati. Il concorso segna la ripartenza del settore

 
31 agosto 2021 | 18:09

MC77 è il Birrificio dell'anno 2021 per Unionbirrai. Lombardia regione più premiata

Va nelle Marche, in provincia di Macerata, l'ambito premio Birra dell'Anno svelato nel corso di Cibus. 1599 le birre degustate, 45 le categorie diverse di premiati. Il concorso segna la ripartenza del settore

31 agosto 2021 | 18:09
 

Anche per il 2021 Birra dell’Anno ha decretato le migliori birre artigianali italiane. L’appuntamento con la premiazione della sedicesima edizione del concorso organizzato da Unionbirrai, associazione di categoria dei Piccoli Birrifici Indipendenti, si è svolto in occasione della prima giornata di Cibus e ha visto alternarsi i mastri birrai di tutta Italia sul palco della sala Barilla presso Fiere di Parma.

MC77 riceve il primo premio Unionbirrai, MC77 è Birrificio dell'anno 2021. La Lombardia è la regione più premiata

MC77 riceve il primo premio

 

MC77 birrificio dell'anno, Lombardia regione più premiata

Tanti i riconoscimenti assegnati (in allegato tutti i premiati), fra podi e menzioni speciali, ai piccoli birrifici indipendenti che da Nord a Sud producono le più buone birre artigianali italiane. Il premio al Birrificio dell’Anno 2021 è andato nelle Marche a MC77, con sede in provincia di Macerata, che si è aggiudicato il titolo per aver ottenuto con le sue birre due primi posti (Breaking Hops - Double Ipa e San Lorenzo - Blanche) e un secondo posto (Zerbster Bitterbier) in tre differenti categorie. Ma la regione che ha portato a casa più premi è stata la Lombardia con 25 birre premiate, seguita da Veneto (14), Emilia Romagna e Piemonte (13), Marche e Toscana (12).

 

45 le categorie di concorso

A definire i vincitori delle 45 categorie in gara sono stati i 60 giudici impegnati nell’edizione 2021 del concorso, che dopo aver degustato le 1599 birre iscritte alla competizione per 207 birrifici, hanno assegnato il trofeo alle tre birre migliori per ogni categoria. Ancora una volta Birra dell’Anno ha registrato numeri importanti, nonostante la pandemia, e riscontrato l’alta qualità della produzione italiana generale di birra artigianale. «Possiamo ritenerci soddisfatti anche di questa edizione, nonostante la formula rivisitata per le necessità del momento - ha sottolineato Simone Monetti, segretario nazionale Unionbirrai -  Il concorso quest’anno segna simbolicamente la ripartenza del comparto dopo il difficile periodo pandemico, e lo fa con numeri inaspettati e soprattutto riscontrando prodotti sempre di maggiore qualità. La giuria ha lavorato in piccoli gruppi e in più giorni, per agevolare le operazioni di degustazione in sicurezza. Siamo contenti di aver potuto svolgere la fase di assaggi con tutti i giudici in presenza a luglio, anche con la partecipazione di dieci componenti stranieri ai tavoli. Dati da non sottovalutare, viste le difficoltà del momento».

 

Unionbirrai a Cibus

Fino al 3 settembre 2021 presso il Padiglione 7 di Fiere di Parma proseguiranno i momenti di approfondimento a cura di Unionbirrai che si svolgeranno nell’area lounge birra artigianale. Ma Cibus sarà anche occasione per degustare la birra artigianale italiana in città, dal 3 al 5 settembre, nel Cibus Off Village che animerà il centro di Parma. Ben quaranta saranno le spine artigianali che si potranno assaggiare nella Food & Beverage court nel Borgo delle Cucine venerdì 3 settembre dalle ore 18.00, sabato 4 e domenica 5 dalle ore 10.00 per tutto il giorno.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali