Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 19 gennaio 2022 | aggiornato alle 15:45 | 81122 articoli in archivio

Da Bruno, dove la semplicità è un’arte

Bruno Meloni del ristorante Da Bruno di Fertilia, Alghero, è un veterano della buona tavola. Nel suo locale propone una carta che spazia dai piatti di pesce a quelli di carne ed anche di selvaggina

di Marinella Argentieri
17 agosto 2021 | 09:30

Da Bruno, dove la semplicità è un’arte

Bruno Meloni del ristorante Da Bruno di Fertilia, Alghero, è un veterano della buona tavola. Nel suo locale propone una carta che spazia dai piatti di pesce a quelli di carne ed anche di selvaggina

di Marinella Argentieri
17 agosto 2021 | 09:30

Elogio della semplicità, mi si perdoni la citazione dell’Ode di Orazio, ma è la sintesi che mi è balenata nella mente per commentare la cucina di Bruno Meloni del ristorante Da Bruno di Fertilia – Alghero, al termine di una cena approntata per ospiti eccellenti: Anna Moroni, la famosa cuoca personaggio televisivo del programma di successo “La prova del cuoco”, Giovanni Fancello giornalista, scrittore e storico della cucina sarda, Alberto Lupini direttore di Italia a Tavola.

La carta spazia dai piatti di pesce a quelli di carne  Da Bruno, dove la semplicità è un’arte

La carta spazia dai piatti di pesce a quelli di carne


Una vita dedicata alla cucina

Decano della ristorazione della splendida Riviera del Corallo, Bruno classe 1940 comincia giovanissimo la sua professione, dalla gavetta come si faceva un tempo che, alle giovani generazioni affascinate da “talent show di cucina e da più o meno improvvisati food blogger”, deve apparire giurassico.


A 23 il primo ristorante

A 14 anni faceva il garzone in pasticceria e, dopo avere lavorato in alcuni locali, a soli 23 anni inaugurava il suo primo ristorante ad Alghero. Unico nel panorama della ristorazione della bella cittadina catalana del nord ovest della Sardegna, il suo locale propone una carta che spazia dai piatti di pesce a quelli di carne ed anche di selvaggina che Bruno si procura con la sua passione per la caccia. Semplice nell’aspetto e nell’approccio al suo lavoro, sostiene che la qualità della materia prima è il segreto di ogni ricetta che non deve essere troppo manipolata, proprio per non penalizzare le prerogative degli ingredienti.


Malloreddus, icona del locale

Per gli esperti di gastronomia ha cucinato un menu di pesce con l’unica eccezione dei suoi “Gnocchetti alla Bruno” dei Malloreddus preparati con una ricetta che non ama svelare e che sono diventati un’icona del locale.


Una carrellata di antipasti: gattuccio in agliata, coda di rospo alla Catalana,  alici marinate, polpo con le olive, per citarne alcuni, ha aperto la cena che è continuata con una gustosa Pasta Lada ai gamberi e una ricca e succulenta grigliata di pesce, vanto del ristorante. Unanime il commento dei commensali: buono.

Pasta Lada ai gamberi Da Bruno, dove la semplicità è un’arte

Pasta Lada ai gamberi


La semplicità è un’arte

Un menu che presenta i piatti chiamandoli per nome, senza voli pindarici, realizzato con quella capacità frutto di lavoro, concentrazione, impegno. Semplice e autentico, come il suo autore, che fa da contraltare a certe mode imperanti.


 

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali