ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 30 ottobre 2020 | aggiornato alle 13:37| 69010 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
HOME     CORONAVIRUS    
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

1° maggio dei lavoratori essenziali

[1° maggio] dei lavoratori essenziali
[1° maggio] dei lavoratori essenziali
Pubblicato il 01 maggio 2020 | 12:33

La festa dei lavoratori assume quest'anno un particolare valore. Celebriamo chi è rimasto al fronte per mandare avanti l'Italia alla faccia di furbate e redditi di cittadinanza.

L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Art 1. della Costituzione. E oggi il lavoro dell’Italia e degli italiani conta più che mai, proprio oggi che è l’1 maggio e si festeggia la conquista dei diritti dei lavoratoi. Oggi il lavoro in Italia conta più che mai. Primo: perché sta venendo a mancare in maniera tragica a causa dell’emergenza coronavirus. Secondo: perché chi ha continuato a lavorare nonostante tutto è riuscito a mandare avanti un Paese in ginocchio e a tenere in vita persone che stavano soffrendo. Non sempre ce l’hanno fatta, ma di sicuro ce l’hanno messa tutta.

Medici sempre in prima linea - L'1 maggio dei lavoratori essenziali
Medici sempre in prima linea

Anche senza tutele, anche senza diritti, anche senza orari, anche mettendo a repentaglio la propria salute, qualche volta la propria vita, di conseguenza anche la propria famiglia. Ogni lavoro e ogni lavoratore hanno pari dignità, ma il 1° maggio 2020 merita un occhio di riguardo per i medici, gli infermieri, le forze dell’ordine, gli addetti ai lavori della filiera agroalimentare dal contadino al cassiere del supermercato. E si badi bene che non è retorica: se questi avessero incrociato le braccia preoccupandosi (anche comprensibilmente) della propria salute l’Italia sarebbe crollata, definitivamente. E invece l’articolo 1 della nostra Costituzione è diventato ancor più saldo. Senza cadere in quella che davvero sarebbe retorica chiamando tutti quei lavoratori “eroi”, “salvatori”, “martiri”, ma un grazie sentito e doveroso glielo dobbiamo.

Forse, accanto a questo, gli dobbiamo anche qualche scusa perché se è vero che il nostro Belpaese ferito è fondato sul lavoro è anche vero che lo Stato deve garantire che quel lavoro venga svolto in piena sicurezza. E invece forse qualcosa è andato storto, soprattutto all’inizio, e tra medici e infermieri hanno lasciato la pelle sul campo 150 medici e 65 tra operatori sanitari, infermieri e farmacisti. Numeri enormi che vanno sempre tenuti in considerazione a monte di ogni discorso sull’emergenza. Come, va detto, bisogna anche tenere conto del fatto che si poteva fare molto meglio, ma che prevedere una strage del genere prima che si palesasse in tutta la sua gravità era impresa davvero ardua. Però oggi è il momento di fermarsi, una volta di più, per ricordare chi ha resistito come un soldato al fronte, là fuori dalle proprie case, a combattere con dignità e orgoglio.

Anche tornando al lavoro dopo un mese, un anno, 10 anni, dall’inizio della pensione. Alla faccia di furbetti, redditi di cittadinanza, lavori in nero. L’Italia del dopo covid, forse, sarà un po’ più fondata sul lavoro. Quello vero, essenziale, capace di andare oltre a interessi economici, di carriera, di invidie. Il lavoro vero, insomma, quello che manda avanti un Paese anche se in crisi.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS virus 1 maggio lavoro lavoratori medici infermieri sanitari alimentari repubblica cassieri magazzinieri mercati ortofrutta

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®