ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 23 settembre 2020 | aggiornato alle 08:49 | 67901 articoli in archivio
Rational
Ros Forniture Alberghiere
HOME     CORONAVIRUS    
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Bombana, sopravvivere al virus:
Disinfettanti ai tavoli e mascherine

Bombana, sopravvivere al virus: 
Disinfettanti ai tavoli e mascherine
Bombana, sopravvivere al virus: Disinfettanti ai tavoli e mascherine
Pubblicato il 26 febbraio 2020 | 18:34

Lo chef pluristellato tra Cina e Hong Kong ha respirato l’atmosfera da coronavirus; ora la racconta ai colleghi italiani, raccomandando attenzione all’igiene per creare un clima sereno.

Umberto Bombana, chef bergamasco pluristellato (7 stelle Michelin nel mondo e unico chef italiano con un ristorante tre stelle Michelin all'estero) che gestisce ristoranti a Pechino, Shangai, Macao e Hong Kong, è rientrato in Italia una settimana fa. La sua esperienza a due passi dal focolaio da cui è scaturito il contagio di coronavirus è una fonte utile per capire come cosa succede all’estero e cosa bisogna aspettarsi qui in Italia.

L'Otto e Mezzo Bombana di Macao - Bombana, sopravvivere al virus: Disinfettanti ai tavoli e mascherine
L'Otto e Mezzo Bombana di Macao

«La situazione là è molto critica - spiega - c’è l’ordinanza statale di chiudere i ristoranti a Pechino, Shanghai e Macao e noi ovviamente ci siamo attenuti. A Hong Kong siamo rimasti aperti, ma anche là siamo molto preoccupati soprattutto per i clienti e per il personale: abbiamo il disinfettante a tavola, lavoriamo con la mascherina, prendiamo ogni tipo di precauzione per creare un clima che sia il più possibile sereno. La gente vuole uscire, vuole mangiare, non può stare a casa per settimane e settimane, bisogna dare tempo al virus di fare il suo corso naturale e poi speriamo con la bella stagione finisca tutto».

In termini di affari il peso del coronavirus è ingente su tutta l’economia e la ristorazione non fa certo eccezione: «Abbiamo due ristoranti in centro e abbiamo perso il 70% del business - prosegue lo chef - gli alberghi hanno chiuso perché non ci sono più clienti e un po’ anche per sicurezza. Bisogna cercare di limitare un po’ i danni in questo periodo, fortunatamente noi non abbiamo lasciato a casa nessuno, magari prendono un po’ di no pay live, che vuol dire stare a casa senza essere pagati. Le conseguenze certo sono gravi, ho sentito i miei colleghi, tanti ristoranti hanno chiuso, 2mila a Hong Kong, altri 2mila sono a rischio, ci sono scenari economici disastrosi».

Stando così le cose, che consigli si sente di dare ai ristoratori italiani dopo che lei ha affrontato la situazione in Cina? «Quello che posso consigliare - risponde Bombana - è di dare quel senso di sicurezza con il disinfettante a tavola, nei bagni, prestare massima attenzione ogni volta che ci si tocca, dire al personale di mettere la mascherina e poi bisogna aspettare che il virus faccia il suo corso. Magari è una buona opportunità anche per chiedere riduzioni dell’affitto o per abbassare altri costi. Il governo di Hong Kong ad esempio ha dato 20mila euro al ristorante, che è una bella cifra, per andare incontro a questa emergenza. Si pagano quasi dieci persone così, è una scelta valida».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS chef cuoco cina pechino shanghai hong kong virus ristorante ristorazione igiene Umberto Bombana

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®