ABBONAMENTI
 
Rational
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 30 settembre 2020 | aggiornato alle 18:16 | 68112 articoli in archivio
Rational
Molino Quaglia
HOME     CORONAVIRUS    
di Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
di Marco Di Giovanni

Milano vuol tornare alla normalità
La Mantia: Una situazione surreale

Milano vuol tornare alla normalità 
La Mantia: Una situazione surreale
Milano vuol tornare alla normalità La Mantia: Una situazione surreale
Pubblicato il 29 febbraio 2020 | 09:54

La Lombardia ha attraversato giorni di emergenza, che hanno creato grandi difficoltà al settore della ristorazione. A dire la sua è lo chef e socio Euro-Toques Filippo La Mantia, che parla di errori nella comunicazione che hanno contribuito in maniera decisiva a creare un generale allarmismo nella popolazione.

La vita a Milano prova a tornare normale. Dalla rettifica dell'ordinanza di chiusura dei locali dopo le 18, pare che l'intenzione sia quella di ripristinare le abitudini quotidiane. Ma i casi di coronavirus continuano, mentre lo stesso governatore della Lombardia è in quarantena volontaria in attesa di scoprire se positivo o meno al coronavirus. Ma come dice il sindaco Sala, #milanononsiferma. E come Milano non si ferma neppure lo chef Filippo La Mantia che ormai, seppur palermitano di nascita, si sente a tutti gli effetti cittadino milanese.

Filippo La Mantia - Milano vuol tornare alla normalità La Mantia: Una situazione surreale
Filippo La Mantia

Da milanese acquisito non ha avuto difficoltà a raccontare quanto l'allarmismo degli scorsi giorni abbia condizionato la sua routine lavorativa. «Qui è cominciato tutto dopo il weekend. Fino a domenica a pranzo avevamo il ristorante strapieno, abbiamo fatto circa 230 coperti. Poi domenica sera e lunedì, come sempre, siamo chiusi. Durante chiusura ho ricevuto disdette di ogni genere, c'è stata una sorta di ecatombe, annullamenti sia da aziende che da privati».

Filippo La Mantia, come la cuoca stellata Viviana Varese e i tanti ristoratori a Milano e in tutta Italia, ha avvertito quanto l'allarmismo sia riuscito a fare male al settore. «Sono rimasto scioccato non tanto dagli eventi di aziende estere, che capisco non siano nemmeno venute qui per l'annullamento delle fiere, ma per i milanesi: anche da parte loro, un sacco di disdette».

A fronte di una situazione del genere, la forza maggiore sta nel reagire fin da subito: «Già martedì ho parlato con un po' di colleghi, abbiamo deciso di fare un gruppo, l'abbiamo chiamato "Positive Energy", circa un'ottantina di aziende che si occupano di ristorazione. Abbiamo partecipato in molti perché tutti abbiamo avuto lo stesso problema. Uniti abbiamo deciso di stanziare una cifra che andrà ad aiutare chi affronterà situazioni più drastiche di altri».

Quello che ha fatto (e che continua a fare) Filippo La Mantina, è essere «freddo, distaccato, senza farsi prendere dal panico e cercando di guardare avanti». Il suo ristorante, Filippo La Mantia Oste e Cuoco, conta 32 dipendenti che - qualora questa situazione continuasse - sarebbero a rischio: «Non sono l'unico a Milano... È una situazione surreale».

La Mantia, come altri, ha indicato il vero problema sì nell'allarmismo, ma anche in ciò che lo ha alimentato: la comunicazione. «E dire che qui a Milano siamo così bravi a comunicare! Si comunica tutto al meglio: moda, design, architettura e da qualche anno il food. Io penso che ogni cittadino a Milano si sia reso conto che nei primi giorni di questa crisi, la comunicazione è stata davvero pesantissima: ho sentito di persone anziane stare a casa davanti alla televisione per ascoltare aggiornamenti descritti come situazioni quasi apocalittiche».

#torniamoalristorante
#milanononsiferma

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


coronavirus Milano ecatombe ristorazione ospitalita licenziamento locale crisi Filippo La Mantia Oste e Cuoco Positive Energy virus contagi Filippo La Mantia beppe sala

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®