Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 18 gennaio 2022 | aggiornato alle 20:13 | 81102 articoli in archivio

L'Oms va in Cina, alla scoperta del virus nella “tana del lupo”

Un team di 25 ricercatori ha visitato alcune città cinesi e tirato le somme del coronavirus nel suo luogo di nascita. Risultato: otto casi di contagio su 10 avvengono tra le mura domestiche.

05 marzo 2020 | 14:44

L'Oms va in Cina, alla scoperta del virus nella “tana del lupo”

Un team di 25 ricercatori ha visitato alcune città cinesi e tirato le somme del coronavirus nel suo luogo di nascita. Risultato: otto casi di contagio su 10 avvengono tra le mura domestiche.

05 marzo 2020 | 14:44

Si va alla radice dell'epidemia. Così si può definire l'invio di un team di 25 esperti da parte dell'Oms direttamente in Cina, per indagare sulla situazione. Il team ha visitato Pechino, Wuhan, Shenzhen, Guangzhou e Chengdu. Dopo questa visita, in una conferenza stampa sono stati resi noti dati interessanti sul virus che ancora non erano stati bene affrontati dai media e conosciuti dall'opinione pubblica.

Come la Cina ha affrontato il virus - Oms in Cina, alla scoperta del virus nella tana del lupo

Una rilevazione della temperatura

Il maggior numero di contagi causato da diffusioni in casa
Quando in Cina si è verificato un gruppo di diverse persone infette, il più delle volte (tra il 78 e l'85%) è stato causato da un'infezione all'interno della famiglia da goccioline e altri portatori di infezione a stretto contatto con una persona infetta. La trasmissione di aerosol fini nell'aria su lunghe distanze non è una delle principali cause di diffusione. La maggior parte dei 2.055 lavoratori ospedalieri infetti sono stati infettati a casa o nella fase iniziale dell'epidemia a Wuhan, quando le misure di sicurezza dell'ospedale non erano ancora state incrementate.

I numeri di Wuhan
Il 5% delle persone a cui è stata diagnosticata la Covid richiede respirazione artificiale. Un altro 15% ha bisogno di respirare ossigeno altamente concentrato - e non solo per alcuni giorni. La durata dall'inizio della malattia fino al recupero è in media da 3 a 6 settimane per questi pazienti gravi e critici (rispetto a solo 2 settimane per i malati lievi). Il numero e la durata dei trattamenti hanno sovraccaricato molte volte il sistema sanitario esistente a Wuhan. La provincia di Hubei, la cui capitale è Wuhan, finora ha avuto 65.596 persone infette. Un totale di 40mila impiegati sono stati inviati a Hubei da altre province per aiutare a combattere l'epidemia. 45 ospedali di Wuhan si prendono cura di pazienti Covid, 6 dei quali si concentrano su pazienti in condizioni critiche mentre 39 si occupano di pazienti gravemente ammalati e di persone infette di età superiore ai 65 anni. In breve tempo sono stati costruiti due ospedali improvvisati con 2.600 posti letto. L'80% degli infetti ha una malattia lieve, dieci ospedali temporanei sono stati istituiti in palestre e sale espositive per quelli.

1,6 milioni di kit di test alla settimana
La Cina può ora produrre 1,6 milioni di kit di test per il nuovo coronavirus alla settimana. Il test fornisce il risultato il giorno stesso. In tutto il Paese, chiunque si rechi dal medico con la febbre viene sottoposto a screening per il virus: nella provincia del Guangdong, lontano da Wuhan, sono state testate 320mila persone e lo 0,14% di queste era positivo per il virus.

Gli asintomatici sono rari
La stragrande maggioranza di quelli infetti prima o poi sviluppano sintomi. I casi di persone in cui è stato rilevato il virus e che non presentano sintomi sono rari - e la maggior parte di loro si ammala nei prossimi giorni.

I sintomi più comuni
I sintomi più comuni sono febbre (88%) e tosse secca (68%). Esaurimento (38%), espettorazione di muco quando si tossisce (33%), respiro corto (18%), mal di gola (14%), mal di testa (14%), dolori muscolari (14%), brividi (11%). Meno frequenti sono nausea e vomito (5%), naso chiuso (5%) e diarrea (4%).

Il virus e il sistema sanitario
Sistema sanitario: il 20% delle persone infette in Cina ha bisogno di cure ospedaliere per settimane. La Cina ha letti ospedalieri per curare contemporaneamente lo 0,4% della popolazione - altri Paesi sviluppati hanno tra lo 0,1% e l'1,3% e la maggior parte di questi letti sono già occupati da persone che hanno altre malattie. La cosa più importante è innanzitutto contenere in modo aggressivo la diffusione del virus al fine di mantenere basso il numero di pazienti Covid gravemente ammalati e in secondo luogo aumentare il numero di letti (incluso materiale e personale) fino a quando non sono abbastanza per i malati gravi. La Cina ha anche testato vari metodi di trattamento per la malattia sconosciuta e quelli di maggior successo sono stati implementati. Grazie a questa risposta, il tasso di mortalità in Cina è ora inferiore a un mese fa.

Condizioni preesistenti
Il tasso di mortalità per le persone infette da malattie cardiovascolari preesistenti in Cina era del 13,2%. Era del 9,2% per quelli infetti da alti livelli di zucchero nel sangue (diabete non controllato), 8,4% per ipertensione, 8% per malattie respiratorie croniche e 7,6% per cancro. Le persone infette senza una precedente malattia rilevante sono morte nell'1,4% dei casi.

Più sei giovane, meno è probabile che tu sia infetto/che ti ammali gravemente

età % della popolazione % degli infetti  mortalità
0-9 12.0% 0,90% 0 ad oggi
9-19 11.6% 1.2% 0.1%
20-29 13.5% 8.1% 0.2%
30-39 15.6% 17.0% 0.2%
40-49 15.6% 19.2% 0.4%
50-59 15.0% 22.4% 1.3%
60-69 10.4% 19.2% 3.6%
70-79 4.7% 8.8% 8.0%
80+ 1.8% 3.2% 14.8%


Tra tutte le persone che vivono in Cina, il 13,5% ha un'età compresa tra 20 e 29 anni. Di quelli che sono stati infettati in Cina, l'8,1% era in questa fascia di età (questo non significa che l'8,1% delle persone tra i 20 e i 29 anni fosse infetto). Ciò significa che la probabilità che qualcuno a questa età prenda l'infezione è leggermente inferiore rispetto alla media. E di quelli che hanno contratto l'infezione in questa fascia di età, lo 0,2% è deceduto.

Donne e uomini: le differenze
Genere: le donne prendono la malattia con la stessa frequenza degli uomini. Ma solo il 2,8% delle donne cinesi che sono state infettate è morto a causa della malattia, mentre il 4,7% degli uomini infetti è morto. La malattia sembra non essere più grave nelle donne in gravidanza che in altre. In 9 nascite esaminate di donne infette, i bambini sono nati con taglio cesareo e sani senza essere infettati. Le donne sono state infettate nell'ultimo trimestre di gravidanza. Non è chiaro quale effetto abbia un embrione nel primo o secondo trimestre sugli embrioni poiché questi bambini non sono ancora nati.

La più probabile origine del virus
Il nuovo virus è geneticamente identico al 96% a un coronavirus noto nei pipistrelli e all'86-92% identico a un coronavirus nella pangolina. Pertanto, la trasmissione di un virus mutato dagli animali all'uomo è la causa più probabile della comparsa del nuovo virus.

Il reale calo in Cina
Dalla fine di gennaio, il numero di nuove diagnosi di coronavirus in Cina è in costante calo. «Questo calo dei casi Covid-19 in tutta la Cina è reale», afferma il rapporto. Gli autori concludono questo sulla base della loro esperienza sul posto, diminuendo le visite ospedaliere nelle regioni colpite, il numero crescente di letti ospedalieri non occupati e i problemi degli scienziati cinesi di reclutare abbastanza nuovi contagiati per gli studi clinici dei numerosi studi farmacologici.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali