Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 18 settembre 2021 | aggiornato alle 09:53 | 77928 articoli in archivio

Anche sulle app è scontro politico

Per la Fase 2 si sta cercando la tecnologia migliore per garantire la massima sicurezza agli italiani, ma i partiti si stanno già dividendo sulle modalità di scelta.

20 aprile 2020 | 18:20

Anche sulle app è scontro politico

Per la Fase 2 si sta cercando la tecnologia migliore per garantire la massima sicurezza agli italiani, ma i partiti si stanno già dividendo sulle modalità di scelta.

20 aprile 2020 | 18:20

E anche sulle App da introdurre per monitorare gli spostamenti e la salute degli italiani quando scatterà la Fase 2 si è aperta la polemica. Tra populismi all’insegna della difesa della libertà e prese di posizione prettamente politiche si prospetta una partita nauseabonda anche questa. «È importante che si stia procedendo con la scelta del contact tracing come parte della strategia per condurre in sicurezza la “fase due” - afferma il capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio - ma un terreno tanto delicato, che riguarda i diritti e le libertà costituzionali delle persone, non può essere affrontato esclusivamente con lo strumento dell'ordinanza commissariale»,

Scontro politico sull'utilizzo delle app - Anche sulle app è scontro politico

Scontro politico sull'utilizzo delle app

«Si deve procedere in fretta - spiega Delrio - e confrontarsi col governo ma come in altri paesi e tenendo conto delle indicazioni del Garante della Privacy, sulla sicurezza dei dati sensibili delle persone tracciate dall'app è necessario che la materia venga esaminata dalle Camere, come già richiesto dalla Commissione Trasporti di Montecitorio, nell'auspicio di giungere a una norma condivisa. Vanno assicurati la proprietà e la gestione pubblica dei dati e l'assenza di discriminazioni fra cittadini nel pieno rispetto della privacy».

Come si possa procedere in fretta facendo tutta questa trafila ce lo può spiegare solo Delrio, considerando poi che ad ogni tappa il rischio che tutto si areni è altissimo.

Per il segretario della Lega Matteo Salvini «usare le nuove tecnologie per combattere il virus è utile, ma con tutte le garanzie dovute ai cittadini italiani. Un commissario non può certo derogare dai diritti costituzionali senza che sia il Parlamento, e quindi il Popolo, ad essere investito di decisioni così delicate. Inoltre sulla “app Immuni” sono evidenti alcune gravi criticità, da molti sollevate, tra le quali: chi gestisce i dati raccolti, dove vengono conservati e per quanto e di chi è la proprietà dei dati? Garantire la protezione di diritti e dati privati degli italiani per la Lega è fondamentale, la strada scelta dal governo è pericolosa. La nostra libertà non è in vendita».

Su “Immuni”, «è stato già firmato il contratto così che possa accelerare nel più breve tempo possibile. L'app è uno degli strumenti: in questa vicenda non c'è una mossa salvifica»: sostiene  il ministro della Salute Roberto Speranza intervenendo alla trasmissione Circo Massimo su Radio Capital. «Oltre alla prima funzione essenziale di tracciare i contatti, la app potrà essere molto utile per rafforzare la sanità digitale del nostro Paese - aggiunge - dobbiamo lavorare in questa direzione».

«Con la scelta del Governo dell'utilizzo dell'app "Immuni" per tracciare i contatti dei contagiati da coronavirus, in modo da contenere gli effetti di un'eventuale seconda ondata, il tema della privacy -  dice Fiammetta Modena di Fi - torna prepotentemente, perchè riguarda da vicino il trattamento dei dati personali di tutti i cittadini italiani. Già lo scorso primo aprile il sito dell'Inps, che doveva gestire le domande per il bonus partite IVA previsto dal decreto "Cura-Italia", è andato in crash, impedendo l'accesso alle persone. In molti hanno anche segnalato che, dopo essere entrati con i propri username e password, potevano vedere le domande di altri utenti con le relative informazioni personali e riservate. Questa volta il governo ce la farà a garantire il rispetto della privacy? Da chi verranno gestiti tutti i dati sensibili? Il Governo pensa anche a delle limitazioni alla circolazione per chi sceglierà di non fare il download dell'app. Urge un confronto serio in Parlamento sulla libertà e tutela della privacy, non può cadere sulle nostre teste per circolari e Dpcm una semplice ordinanza che il commissario per l'emergenza Covid Domenico Arcuri ha firmato qualche giorno fa», conclude.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali