Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 12 agosto 2022 | aggiornato alle 01:45 | 86899 articoli in archivio

Affitti dimezzati da marzo a luglio? Si studia una soluzione per i locali

Il Decreto Rilancio prevede che le società sportive abbiano uno sconto del 50% sui canoni d'affitto degli impianti. Fipe sta lavorando per ampliare questa possibilità anche agli esercizi pubblici.

 
27 maggio 2020 | 16:47

Affitti dimezzati da marzo a luglio? Si studia una soluzione per i locali

Il Decreto Rilancio prevede che le società sportive abbiano uno sconto del 50% sui canoni d'affitto degli impianti. Fipe sta lavorando per ampliare questa possibilità anche agli esercizi pubblici.

27 maggio 2020 | 16:47
 

La questione degli affitti nel mondo della ristorazione, dei locali pubblici, ma anche del commercio non smette di tenere banco. Il tira e molla tra proprietari e “inquilini” sembra vedere i primi con il coltello dalla parte del manico; a parole non voglio applicare sconti sostanziosi anche quando l’emergenza sarà definitivamente smantellata, ma qualcosa potrebbe presto cambiare.

Corso Como, zona ricca di locali - Milano, spauracchio locali sfitti I ristoranti sperano in canoni minori

Corso Como, zona ricca di locali

Il Decreto rilancio ha stabilito che chi ha visto ridurre o azzerare gli incassi prevede un credito fiscale pari al 60% del canone, cedibile al proprietario, per ogni mese da aprile a giugno in cui si sia registrato un calo di fatturato di oltre il 50% sul 2019. Un aiuto per superare la prima fase dell’emergenza. Il problema è che cosa avverrà dopo. Molti esercizi dovranno fare i conti con incassi ancora ridotti, sia perché il distanziamento sociale riduce i clienti, sia perché molti hanno poco da spendere. Con incassi che calano la strada obbligata è ridurre i costi fissi e la scelta spesso è tra personale e affitto. Ma anche quando l’emergenza non ci sarà più e quella economica morderà meno molti negozi soprattutto del non alimentare dovranno fare i conti con un terzo fenomeno, già in atto ma cresciuto a dismisura e in maniera irreversibile: l’e-commerce.

Fipe ha da subito iniziato a lavorare sul tema consapevole del fatto che i ristoratori non possono permettersi di versare più del 10% del fatturato ai titolari degli immobili dove sorge l'attività. Dopo aver proposto una differenziazione dei canoni di locazione, ora sta lavorando sodo per far applicare un emendamento al Dl Rilancio. Nel testo infatti è previsto che "le associazioni e le società sportive, professionistiche e dilettantistiche che esercitino un'attività sportiva all'interno di un immobile concesso in locazione, hanno il diritto di ottenere una riduzione dei canoni pari al 50%, da marzo 2020 a luglio 2020".

Lino Stoppani - Affitti dimezzati da marzo a luglio? Si studia una soluzione per i locali
Lino Stoppani

«Chiederemo che l'applicazione venga estesa anche agli esercizi pubblici - ha detto il presidente di Fipe Lino Stoppani - perchè rappresenterebbe una bella boccata d'ossigeno, un'occasione ghiotta per respirare. Quello che ha previsto il Dl Rilancio con i crediti d'imposta è buono, ma non va dimenticato che è previsto un tetto di 5 milioni di euro di fatturato, il quale esclude le attività più strutturare che, tuttavia, hanno anch'esse risentito del lockdown. Il tema affitti è un tema delicato sul quale stiamo lavorando a stretto contatto con il Governo chiedendo anche delle facilitazioni fiscali atte ad aiutare l'incontro tra i titolari e gli affittuari. Su chi la spunterà, non lo so dire ora, molto dipenderà da come e quando si ripartirà a pieno regime: di certo questa situazione evidenzia un altro problema del nostro settore relativo al fatto che i gestori di pubblici esercizi non possono investire sugli immobili e diventarne titolari».

Sul tema è intervenuto anche Marco Accornero, segretario generale dell'Unione Artigiani: «È presto per fare dei bilanci su come cambieranno le imprese dell'attrattività dopo il lockdown  del Coronavirus - ha detto - nel mondo artigiano abbiamo delle eccellenze riconosciute a livello internazionale. Basti pensare alla moda, all'arte e alla ben più vasta filiera della creatività capace di caratterizzare i più diversi settori del saper fare. Purtroppo, oltre alle terribili perdite umane e alle malattie causate da questo flagello, ci saranno pesanti conseguenze sull'economia. Per quanto riguarda gli affitti e i pagamenti per molte imprese diventa difficile far fronte e per questo sono necessari interventi urgenti per dare un aiuto effettivo e concreto. Si tratta ora di una fase difficile e delicata. Siamo accanto alle imprese e lo saremo con ancora maggior forza nel momento della ripresa, che speriamo vicino. Sarà una fase determinante e di grande impegno per tornare a scommettere sull'economia milanese, traino per l'intero Paese».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali