ABBONAMENTI
Rational
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 17 maggio 2021 | aggiornato alle 23:49| 74967 articoli in archivio
HOME     CORONAVIRUS    

L'ennesima follia di Ciampolillo: Congeliamo gli alberi di ulivo per salvarli dalla Xylella

L'ennesima follia di Ciampolillo: Congeliamo gli alberi di ulivo per salvarli dalla Xylella
L'ennesima follia di Ciampolillo: Congeliamo gli alberi di ulivo per salvarli dalla Xylella
Pubblicato il 21 gennaio 2021 | 10:28

Il senatore che sogna il ministero dell'Agricoltura suggerisce, a La Zanzara, anche idee pericolose sulla pandemia: no al vaccino anti-covid e alle mascherine, meglio essere vegano o usare la cannabis.

Fino a qualche giorno fa nessuno lo conosceva. E magari sarebbe stato meglio così. Ora il suo nome è sulla bocca di tutti. Stiamo parlando di Alfonso Ciampolillo, l’uomo che nessuno si sarebbe aspettato potesse cambiare le sorti del Paese, e che ora, forse anche per la troppa popolarità mediatica che gli ha data alla testa, le sta sparando grosse su temi delicati, sui quali nessuno, a maggior ragione un senatore, dovrebbe scherzare.

Lello Ciampolillo (Fonte: La Repubblica) - Ciampolillo: No al vaccino, contro il covid meglio essere vegano
Lello Ciampolillo (Fonte: La Repubblica)

Sognando il ministero dell'Agricoltura con "soluzioni" alternative per la Xylella 
Ma il problema è che lui ci crede davvero e anzi, rincara le dosi dicendo di sentirsi pronto a fare il ministro dell’Agricoltura: «Mi piacerebbe» ha detto in radio a La Zanzara, il programma condotto da Giuseppe Cruciani e David Parenzo in onda su Radio 24, suggerendo anche tre metodi di cura alquanto alternativi per gli ulivi malati di Xylella che guarirebberoo ibernandoli -70 gradi.

Più che un metodo una follia: non solo perché non si capisce come sia possibile prendere tutti gli ulivi e metterli in abbattitori e poi ripiantarli, ma soprattutto perché un ulivo comincia a essere sofferente quando la temperatura invernale scende sotto i -3-4°C. Figuriamoci a -70.

Contro il covid: non mask e no vax, basta essere vegano
Ma se “mancasse” l’incarico all’agricoltura, e lo diciamo con aperta ironia, Ciampolillo non si scoraggia e non direbbe di no nemmeno all'ipotesi di diventare sottosegretario alla Salute. Ma anche qui ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli per le idee bizzarre e pericolose che ha sulla situazione Covid.

Convinto no mask, che probabilmente indossa per non ricevere troppe critiche, Ciampolillo ha espresso chiaramente anche la sua opinione sul vaccino: «La mascherina la uso, ma non è quella la soluzione. Io sono per il modello svedese dove i morti sono pochi e non hanno fatto un giorno di lockdown. Questa è la mia idea».

Idee sbagliate sul modello svedese
Peccato che anche qui, non si sa dove Ciampolillo abbia preso i dati visto che anche il re di Svezia Carlo XVI Gustavo ha accusato il proprio governo di aver mancato nella strategia anti-coronavirus e ora l’occupazione dei posti in terapia intensiva della regione di Stoccolma ha raggiunto il 99%, con altre regioni sature al 90%. Per non parlare dei morti.

No secco al vaccino
Ma nonostante tutto Ciampolillo il vaccino non lo farà. Non serve dice, meglio essere vegano: «A oggi ci sono delle evidenze di danni collaterali da vaccino già pubblicate, paralisi facciali, ci sono anche delle morti. Non è la soluzione per uscire dal Covid. Bisogna puntare molto sulle difese immunitarie personali. Io sono vegano e ho difese immunitarie altissime».

Senza nulla togliere a una scelta alimentare, se fatta con consapevolezza e criterio, viene da chiedersi come si possano “misurare” le difese immunitarie di un vegano. Un discorso che peraltro non è nuovo nel nostro Paese, già tentato qualche mese fa da Daniela Martani che, però, di lavoro non fa la senatrice.

Ed è proprio anche questo il punto: ora l’eco mediatico delle dichiarazioni insensate di un senatore potrebbero raggiungere le orecchie di chi debole o facilmente influenzabile potrebbe credere che per non ammalarsi (e morire) di covid basti non mangiare la carne e magari fumarsi qualche canna. Già perché nel delirio Ciampolillo anche la cannabis guarirebbe il Coronavirus.

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS covid cannabis mascherina vaccino vegano difese immunitarie ministro agricoltura Xylella puglia olivi Lello Ciampolillo Conte Spaeranza


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®