ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 18 settembre 2020 | aggiornato alle 12:53 | 67828 articoli in archivio
Castel Firmian
Molino Quaglia
HOME     CORONAVIRUS    
di Rocco Pozzulo
presidente FIC - Federazione italiana cuochi
Rocco Pozzulo
Rocco Pozzulo
di Rocco Pozzulo

Anziani lasciati soli nell’epidemia
Abbiamo perso valori e principi

Anziani lasciati soli nell’epidemia 
Abbiamo perso valori e principi
Anziani lasciati soli nell’epidemia Abbiamo perso valori e principi
Pubblicato il 11 luglio 2020 | 09:21

Nella società di oggi le persone anziane spesso vengono emarginate e abbandonate, chiuse in case di riposo. Hanno pagato un prezzo molto alto a causa del coronavirus.

La società in cui viviamo ha superato da tempo la soglia del 2000, portando con sé una serie di fattori positivi e negativi, che si possono ben vedere in gran parte del mondo occidentale considerato “civile”. Se da un lato il progresso, l’industrializzazione e l’aumento della ricchezza media pro capite hanno determinato una parallela crescita del benessere generale, è evidente però che diverse problematiche, spesso incontrollabili, affliggono il mondo contemporaneo. La perdita dei valori di riferimento è solo uno dei temi negativi di questo momento storico, di pari passo con la logica dell’assoluto consumismo e del massimo profitto.

Anziani lasciati soli nell’epidemia Abbiamo perso valori e principi

Negli ultimi tempi ho avuto modo di apprendere dalla televisione a notizie sempre più frequenti di maltrattamenti su anziani che vivono in uno stato di disinteresse generale, abbandonati dalla società e lasciati al proprio destino. L’emergenza sanitaria, poi, ha fatto emergere maggiormente e in maniera cruda le problematiche di un sistema che, se non usa la violenza, comunque emargina e discrimina le persone quando queste, dopo una vita di duro lavoro, non “servono” più. Per la restante popolazione produttiva sono considerate a tutti gli effetti “zavorra” di un apparato economico e finanziario.



Faccio una mia riflessione sui numerosi anziani abbandonati a se stessi, deceduti a causa della pandemia, in quelle strutture dove le benché minime tutele sanitarie dovute non sono state osservate. Non voglio entrare nel merito della questione giudiziaria in corso, la Federazione italiana cuochi si astiene, come è giusto che sia, dal puntare il dito contro qualcuno: saranno la magistratura e gli organi competenti ad appurare eventuali negligenze. Personalmente però non posso non provare rabbia e sconforto per questi morti, lontani dalle famiglie. Fino a pochi decenni fa gli anziani vivevano nell’ambiente famigliare, erano considerati e rispettati, per tutto l’arco della vita, mentre oggi molti finiscono nella solitudine, nell’abbandono e nel disagio, i più fortunati in case di riposo con rette da capogiro.

Ritengo che questo radicale mutamento sia il frutto dei tempi, di una società che, vinta dal ritmo del successo e dal superamento dei valori passati, trascura quelli più intimi e tradizionali, per effetto di un’evoluzione umana sempre più orientata a produrre ricchezza e sempre meno disponibile a sostenere coloro che, dopo aver dato, non possono più produrre e hanno poco da consumare.

Al mio insediamento come presidente di Fic, ho espresso subito il desiderio di lasciare più spazio ai giovani, coinvolgendoli direttamente anche in ruoli istituzionali di rappresentanza, questo non certo per “rimuovere” vecchie guardie, ma per consentire ai giovani il costruire fattivamente il futuro della Federazione. Molti “senatori Fic”, cui tutti noi dobbiamo rispetto e la più ampia considerazione, con un loro passo “di lato” hanno permesso l’avanzare titubante di questi promettenti giovani. Io sono convinto che l’anziano (sia anagraficamente che professionalmente) non sia un peso, ma una risorsa di vita e di esperienza per ognuno di noi, da custodire come un tesoro. La storia dei popoli antichi ci ha tramandato certi valori: una nazione civile e libera come la nostra ha il dovere etico e culturale di rispettarli, come facciamo noi di Fic! Un augurio a tutti di una veloce ripresa della normale vita quotidiana e lavorativa.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS anziani casa di riposo rsa valori societa moderna emergenza sanitaria Federazione italiana cuochi fic

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®