ABBONAMENTI
Rational
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 29 settembre 2020 | aggiornato alle 09:47 | 68033 articoli in archivio
HOME     CORONAVIRUS    

Stop a sagre e discoteche al chiuso
Mascherine nei locali tutto luglio

Stop a sagre e discoteche al chiuso 
Mascherine nei locali tutto luglio
Stop a sagre e discoteche al chiuso Mascherine nei locali tutto luglio
Pubblicato il 13 luglio 2020 | 10:06

Il via libera che era precedentemente previsto per il 14 luglio dovrebbe slittare di due settimane per via di un nuovo Dpcm in fase di approvazione. Più controlli sulle spiagge e fuori dai locali pubblici.

Da domani, martedì 14 luglio, un nuovo Dpcm dovrebbe ritracciare alcune linee guida anti contagio prolungando la permanenza degli strumenti di protezione e modificando la data di riapertura di alcuni locali. Tra questi sagre, fiere e discoteche al chiuso che il Governo dovrebbe stoppare proprio mentre tutti si preparavano a riaprire visto che la data del via libera era stata fissata proprio a domani. Ma, c’è un “ma” come ormai siamo stati abituati. Le Regioni potranno comunque scegliere in autonomia se riaprire o meno queste manifestazioni. Quanto alle mascherine: obbligo nei luoghi chiusi, ma anche dove non è possibile garantire il distanziamento, almeno fino al 31 luglio.

Sagre e discoteche rinviate - Stop a sagre e discoteche al chiuso Mascherine nei locali tutto luglio
Sagre e discoteche rinviate

La curva epidemica non consente - secondo il ministro della Salute Roberto Speranza condivisa dal premier Giuseppe Conte - allentamenti, come era stato programmato nel provvedimento attualmente in vigore. La disposizione è quella di stringere proprio su quelle misure che secondo gli scienziati hanno consentito soprattutto nelle ultime settimane di contenere la diffusione del Covid-19. Ecco perché negli ultimi confronti con i governatori il titolare degli Affari regionali Francesco Boccia ha chiesto di non discostarsi dalla linea di prudenza che si basa sui tre “pilastri” ormai divenuti un’abitudine per i cittadini: mascherina, un metro di spazio tra le persone, igiene frequente delle mani. L’appello che Speranza farà in Parlamento sarà rivolto soprattutto ai giovani e a chi si accalca sulle spiagge o nei quartieri della movida: «Se continueremo a rispettare le regole di base, riusciremo a non vanificare quanto fatto finora. Sono sacrifici minori, ma sono i più importanti».



Sagre e discoteche
La mancata garanzia di rispettare il distanziamento in quei luoghi dove alto è il rischio di assembramenti ad aver spinto il governo a posticipare ancora il via libera a fiere, sagre, eventi pubblici e discoteche al chiuso (quelle all'aperto in altre regioni sono già partite da settimane), inizialmente previsto per domani (nonostante le forti e giustificate polemiche dei ristoratori, costretti invece a limitazioni difficilmente comprensibili). Il comitato tecnico scientifico dovrà fornire oggi il proprio parere, ma sembra ovvio che almeno per altre due settimane rimarrà in vigore il divieto a meno che non siano le Regioni ad autorizzare la riapertura. La scelta di delegare ai governatori la decisione nasce proprio dall’impossibilità di muoversi seguendo l’andamento della curva epidemiologica che non è uguale in tutta Italia.
Controlli rafforzati.

Spiagge e movida
Sulle spiagge, di fronte ai locali pubblici, nei luoghi della movida, i controlli saranno incrementati per controllare che le persone rispettino le misure di protezione. Verifiche e accertamenti anche negli uffici pubblici e soprattutto nei ristoranti, nei bar, nelle palestre, in tutti i punti di ritrovo. Chi non sarà in regola rischia la multa e per i gestori potrà scattare il ritiro della licenza, o comunque la chiusura temporanea del locale.

Mascherine
Gli addetti alle vendite nei negozi, i ristoratori e i camerieri non potranno togliere mai le mascherine. In caso di ricevimenti sarà obbligatoria per chi gestisce il catering mentre gli ospiti potranno toglierla, ma solo se staranno a distanza di sicurezza dagli altri. Il personale degli uffici pubblici non potrà toglierla, così come quello sanitario. Nel nuovo provvedimento sarà ribadito che per entrare negli uffici pubblici, nei negozi e nei centri commerciali deve essere indossata correttamente. L’obbligo continuerà a valere anche al ristorante quando ci si alza per andare alla cassa oppure al bagno, quando si entra nelle palestre prima di cominciare l’allenamento, dal parrucchiere o nei centri estetici, negli ambulatori pubblici o privati, nelle strutture sanitarie. Rimane l’imposizione pure per musei, cinema, teatri. E ancora su treni, autobus, metropolitane.

Distanziamento
Tutte le Regioni hanno eliminato l’imposizione quando si sta all’aperto, tranne la Lombardia che potrebbe comunque farla cadere domani. Questo non vuol dire però che quando si è all’esterno si potrà stare senza. Rimane infatti l’obbligo di tenere la mascherina quando non si può garantire lo spazio di un metro tra le persone.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS sagra discoteca mascherina distanziamento dpcm ministro governo regione Roberto Speranza Giuseppe Conte

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®