Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 22 settembre 2021 | aggiornato alle 07:11 | 78015 articoli in archivio

Matteo Scibilia dice #NoTripAdvisor contro anonimato e false recensioni

Dopo Tano Simonato e molti altri ristoratori italiani, anche il cuoco e titolare dell'Osteria della Buona Condotta di Ornago ha stracciato il certificato con i pallini verdi ed ha affisso la vetrofania #NoTripAdvisor. Un'altra voce si unisce al coro di quanti criticano un sistema ormai sempre più inattendibile e taroccato

29 maggio 2015 | 16:10
Matteo Scibilia dice #NoTripAdvisor 
contro anonimato e false recensioni
Matteo Scibilia dice #NoTripAdvisor 
contro anonimato e false recensioni

Matteo Scibilia dice #NoTripAdvisor contro anonimato e false recensioni

Dopo Tano Simonato e molti altri ristoratori italiani, anche il cuoco e titolare dell'Osteria della Buona Condotta di Ornago ha stracciato il certificato con i pallini verdi ed ha affisso la vetrofania #NoTripAdvisor. Un'altra voce si unisce al coro di quanti criticano un sistema ormai sempre più inattendibile e taroccato

29 maggio 2015 | 16:10

A distanza di un giorno da Tano Simonato, un altro ristoratore ha preso posizione contro TripAdvisor e il sistema di anonimato, false recensioni e classifiche truccate. Matteo Scibilia (nelle foto), cuoco e titolare dell'Osteria della Buona Condotta di Ornago (Mb), nonché responsabile scientifico di Italia a Tavola, ha aderito con entusiasmo e piena convinzione alla campagna #NoTripAdvisor lanciata dalla nostra testata (per ricevere gratuitamente la vetrofania CLICCA QUI e compila il form).

Matteo Scibilia

L'iniziativa vuole dare l'opportunità agli operatori titolari di esercizi pubblici di dissociarsi da un sistema di recensioni sempre più inattendibile, ed è anche un modo per comunicare ai clienti che non si vuole essere sospettati di avere comprato le recensioni. O magari di avere scritto, protetti dall’anonimato, delle recensioni negative sui locali concorrenti per farli scendere in graduatoria.

Sono già molte le richieste arrivate alla nostra redazione per ricevere gratuitamente la vetrofania, e il numero cresce di giorno in giorno (segnaliamo che si dovranno attendere i tempi tecnici per l’invio e la consegna tramite servizio postale). Il nostro invito è quindi di esporre il cartello #NoTripAdvisor eliminando l’eventuale “certificato di eccellenza”, e di inviare all’indirizzo notripadvisor@italiaatavola.net alcune fotografie o video che testimoniano la presa di posizione.

Come già hanno fatto Tano Simonato e altri ristoratori in tutta Italia, Matteo Scibilia ha dunque stracciato il "certificato di eccellenza" di TripAdvisor, e al suo posto ha affisso la vetrofania #NoTripAdvisor.

Matteo Scibilia

«Negli ultimi tempi - ha spiegato Scibilia - “bolle in pentola” questa storia di TripAdvisor, che non ci aiuta ma ci danneggia. Un problema molto serio per noi che lavoriamo nella ristorazione. L’anonimato e il modo di comportarsi di molti utenti non ci va più bene. Il certificato di TripAdvisor non ci interessa più, non è più legato alla serietà professionale, lo buttiamo via».

«Attraverso la nuova vetrofania di Italia a Tavola, che veicola l’hashtag #NoTripAdvisor, vogliamo prendere le distanze da questo sistema di false recensioni, ma anche chiarire che le recensioni non è che ci fanno male, anzi possono essere anche un aiuto, ma sono le FALSE recensioni che non ci vanno più bene. È questo il vero motivo per cui vogliamo combattere in ogni modo contro questo metodo non onesto».

«Ringrazio chi in questo modo ci sta dando veramente un aiuto. Voglio dire anch’io basta alle false recensioni, ed è per questo che affiggiamo questa nuova vetrofania. Ringrazio quindi Italia a Tavola - ha concluso Scibilia - che si è schierata al fianco dei ristoratori in un’operazione che a mio giudizio è davvero importante».

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

02/06/2015 16:28:57
1) POSSIILITA DI CANCELLARSI DA TRIPADVISOR
Ottima iniziativa, ma anche se il cartello NO TRIPADVISOR e' una possibilita', ci sono ristoranti che come il mio non hanno mai appeso il certificaato di eccellenza, ma hanno fatto un errore a iscriversi perchè le recensioni a volte sono false. Dovreste fare un sondaggio per chi vuole cancellarsi da TRIPDVISOR, e credo che buon parte degli iscritti lo voglia, per poi eventualmente aderire ad una richiesta a livello nazionale di cancellazione diretta. Cosa cmq troppo difficile potersi cancellare, ma dietro forse ad una numerosa richiesta, magari... Grazie a Voi, dell aiuto e sosteiamo la ristorazione italiana Milko Mansueti
MILKO MANSUETI
CUOCO
BISTRO' S.R.L