ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 21 aprile 2021 | aggiornato alle 13:52| 74174 articoli in archivio
Castel Firmian
Rational
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Turismo, numero chiuso
o nuove alternative?

Turismo, numero chiuso 
o nuove alternative?
Turismo, numero chiuso o nuove alternative?
Pubblicato il 02 maggio 2017 | 17:20

Da un lato c’è un indubbio segnale positivo: nonostante la crisi e le paure di attentati, italiani e stranieri scelgano di viaggiare. Dall'altro, preoccupano i picchi di concentrazione delle presenze in alcune località

Ancora un ponte in ripresa. Dopo Pasqua e il 25 aprile, col 1° maggio il sistema turistico italiano ha registrato quasi ovunque un altro tutto esaurito, mettendo in rilievo luci e ombre del comparto. Se da un lato c’è un indubbio segnale positivo che dimostra come, nonostante la crisi e le paure di attentati, italiani e stranieri scelgano di viaggiare nella Penisola, dall’altro va detto che hanno ormai raggiunto livelli di guardia i picchi di concentrazione delle presenze in alcune località.

Turismo, numero chiuso o nuove alternative?

Il dato di partenza è che il turismo in sé è un fenomeno complesso, che contiene molte motivazioni, ma che spesso è legato anche a fattori di mode, tendenze o in genere ignoranza di alternative. Ciò spiega ad esempio la polarizzazione sui centri storici (da Venezia a Firenze) che regolarmente mettono in crisi sistemi di ricezione e trasporto, per non parlare di vandalismi e sporcizia. Ma che non risparmiano nemmeno ambienti non urbani, non per questo meno delicati. Pensiamo solo alle Cinque Terre che nei giorni scorsi, nonostante un tempo inclemente, avevano i sentieri frequentati senza soluzione di continuità, vanificando il godimento di ambienti per molti versi unici.

Queste eccessive affluenze in aree urbane ad alto valore storico-artistico o in ambienti naturali protetti, da tempo fanno parlare della necessità di porre dei limiti, per permettere a tutti di usufruire al meglio di meritate vacanze o semplicemente di tempo libero. Così come vi sono limiti di accesso per musei o siti archeologici, in molti propongono di regolamentare anche gli accessi nei centri storici o nei parchi, in molti casi affollati oltre ogni livello minimo di controllo e sicurezza. Nei giorni scorsi più persone si sono fatte male ad esempio a Venezia nel salire o scendere dai vaporetti per la troppa gente.

Decidere cosa fare è però difficile. Qualcuno pensa a delle tasse di ingresso (con tutti i problemi del controllo del pagamento effettivo e della limitazione della libertà). Altri ad accessi limitati in alcuni orari, fatti salvi i residenti (e magari i loro parenti, amici, fornitori, ecc...). Trovare una soluzione non sarà facile, ma non si può nemmeno far finta di nulla e chiudere gli occhi.

Un possibile rimedio, che richiede tempo ma alla lunga potrebbe portare vantaggi a tutti, aumentando davvero il numero dei turisti senza troppi danni, potrebbe essere quello di avviare serie politiche di promozione e informazione per dirottare sui centri ritenuti “minori” parte di queste masse di turisti. Dall’arte all’ambiente, e a partire ovviamente dall’enogastronomia, in Italia c’è solo l’imbarazzo della scelta. Occorre però un coordinamento che finora è mancato e che il ministero dei Beni culturali ora sembra volere finalmente attuare. L’importante è fare scelte meditate e magari cogliere l’occasione per proporre soluzioni intelligenti e utili, comprese anche manifestazioni e sagre che con l’occasione potrebbero essere finalmente selezionate e garantite.

© Riproduzione riservata


“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo ponte crisi economica attentato rischio di attentato ripresa sovraffollamento cultura arte beni culturali museo sito archeologico ambiente territorio sagra festa di piazza

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®