Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 05:08| 61996 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

È tempo di green new deal
Il turismo può fare la sua parte

È tempo di green new deal 
Il turismo può fare la sua parte
È tempo di green new deal Il turismo può fare la sua parte
Pubblicato il 14 ottobre 2019 | 11:59

Elicicoltura, nuove forme di pesca e biometano sono alcune strategie per avviare un circolo virtuoso contro lo spreco. Ma anche ristoranti ed hotel dovrebbero iniziare a scegliere prodotti ecocompatibili

Vale almeno il 2,4% del Pil il business dell’economia circolare in Italia, il settore con le più alte prospettive di crescita. Un termine di moda che non si limita certo alla tendenza attuale del viaggiare in bicicletta, magari nella versione e-bike. E non è un caso che il premier Conte abbia lanciato la scommessa di una “stretta di mano” fra economia ed ecologia, abbinata con cui vuole giocare la non facile carta della ripresa dopo un decennio di progressiva caduta del nostro tasso di crescita e del potere d’acquisto. Cardine di questa strategia è la “green economy” (espressione che spesso si sovrappone a quella di economia circolare), tanto che il Governo parla di “green new deal”, vista la nostra leadership in Europa per l’economia pulita.

Turismo e ristorazione posso essere protagonisti nella lotta allo spreco (È tempo di green new deal Il turismo può fare la sua parte)
Turismo e ristorazione posso essere protagonisti nella lotta allo spreco

Certo se considerassimo realtà come quelle di Roma o della terra dei fuochi ci sarebbe da vergognarsi solo a parlare di questa prospettiva, ma la realtà è in effetti quella di una larga presenza di imprese che sul recupero e il riciclaggio di materie prime e scarti di lavorazione, nonché sul risparmio energetico, hanno costruito modelli di sviluppo originali e vincenti. E fra i comparti interessati in primo piano c’è, non a caso, quello della filiera agroalimentare. I cuochi, come abbiamo raccontato a più riprese nelle ultime settimane, si stanno spendendo per questa causa in maniera concreta, con il tristellato Massimo Bottura tra i più attivi.

Sfruttando ad esempio gli scarti agricoli delle coltivazioni e degli allevamenti, secondo il presidente di Coldiretti, Ettore Prandini, i mini impianti per il biometano possono arrivare a coprire fino al 12% del consumo di gas in Italia. «È necessario passare da un sistema che produce rifiuti e inquinamento - dice Prandini - a un nuovo modello economico circolare in cui si produce valorizzando anche gli scarti, con una evoluzione che rappresenta una parte significativa degli sforzi per modernizzare e trasformare l’economia italiana ed europea, orientandola verso una direzione più sostenibile in grado di combinare sviluppo economico, inclusione sociale e ambiente». E dall’elicicoltura (vedi il metodo Cherasco, come abbiamo raccontato) a nuove forme di pesca rispettose dell’ambiente (come se ne è discusso a ‘Nnumari, di cui abbiamo dato ampiamente notizia nei giorni scorsi), molte sono le concrete opportunità di sviluppo.

E a maggior ragione ciò vale per il settore industriale dove novità come l’idrogeno, se davvero il Governo ci vorrà puntare, potrebbero cambiare radicalmente il modo di produrre, riducendo drasticamente l’inquinamento. Insomma di carne al fuoco ce ne può essere molta, tanto che ci sono previsioni per almeno mezzo milione di nuovi posti di lavoro entro 4 anni. Il “green” dovrebbe garantire un quinto della nuova occupazione, il doppio di quelli del comparto digitale che era visto come quello con più chances fino a qualche tempo fa.

In questa prospettiva anche ristoranti ed hotel possono fare la loro parte preferendo prodotti di aziende ecocompatibili e segnalando ai clienti questa scelta. Sarebbe un modo per fare crescere una sensibilità e consolidare un ruolo di servizio e attenzione verso i temi del benessere e della salute. Se poi le istituzioni sostenessero programmi per un’accoglienza green (dai pannelli fotovoltaici alla scelta di attrezzature a impatto zero, dalla promozione di ricette antispreco alla tracciabilità dei prodotti bio) sarebbe un modo per sostenere allo stesso tempo l’economia circolare e il turismo.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sostenibilita green new deal green economy ambiente biometano ecologia governo Ettore Prandini Giuseppe Conte

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).