Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 23 ottobre 2019 | aggiornato alle 15:13| 61608 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Basta truffe sugli alimenti
No anonimato e chiudiamo l’azienda

Basta truffe sugli alimenti 
No anonimato e chiudiamo l’azienda
Basta truffe sugli alimenti No anonimato e chiudiamo l’azienda
Pubblicato il 29 aprile 2019 | 16:45
I sequestri nel mondo del cibo passano spesso sotto silenzio dei più. Anche perché in Italia, pur in flagranza di reato, i truffatori restano coperti dall’anonimato fino a sentenza (quando ci arrivano). Salvo che non siano nomi noti, nel qual caso le fughe di notizie e le indiscrezioni si moltiplicano. Eppure non si può passare sotto silenzio il caso recente di due ristoranti romani denunciati per frode in commercio per avere falsamente indicato nel menu come Parmigiano Reggiano, Mozzarella di bufala campana e Gorgonzola (tre Dop) altri formaggi, fra cui un erborinato tedesco. E che dire delle analoghe denunce per due caseifici campani, che aggiungevano zucchero per fare la mozzarella di bufala “Dop”, e per due commercianti siciliani che indicavano come “di Bronte Dop” pistacchi di altra provenienza?

Di truffe più importanti legate agli alimenti se ne fanno molte in Italia, ma questi ennesimi episodi segnalati dai Carabinieri del gruppo per la tutela agroalimentare dovrebbero aprire gli occhi, soprattutto ai politici, riguardo alla diffusione di pratiche scorrette a un po’ tutti i livelli. Si tratta di situazioni che non devono essere generalizzate. Per fortuna la stragrande maggioranza dei ristoratori, dei produttori e dei commercianti sono onesti. Ma certo una riflessione va fatta.

(Basta truffe sugli alimenti No anonimato e chiudiamo l’azienda)

Parmigiano, mozzarella e gorgonzola sono 3 prodotti simbolo della nostra produzione lattiero-casearia e sono anche i più taroccati in giro per il mondo. Ma se in Italia non alziamo la guardia per evitare queste truffe, non potremo certo pensare di combattere l’Italian sounding a livello internazionale. E questo anche perché i truffati sono tanti. È il caso dei ristoratori onesti, che magari dedicano tempo e risorse per cercare e valorizzare prodotti tipici autentici, che costano certamente di più dei tarocchi spacciati per Dop dai due “colleghi” romani. Ci sono poi i produttori di Dop che subiscono la concorrenza di prodotti “simili” ma che non sono garantiti da nulla. E infine i consumatori, che si trovano nel piatto formaggi finti, pagandoli come autentici e rischiando magari qualche intossicazione (se va bene).

Di casi simili ce ne sono quasi tutti i giorni. Abbiamo ricordato nei giorni scorsi gli agnelli venduti come “italiani” pur essendo per la gran parte di provenienza estera. Ora è però tempo di dire basta.

È assolutamente ridicolo che in Italia si possa ancora considerare in negativo l’utilizzo di alimenti surgelati (che danno garanzie di conservazione e tracciabilità), mentre le frodi in commercio alla fine si esauriscono solo in qualche sanzione. Ne va dell’immagine del sistema Paese, della possibilità di dare più valore alla filiera agroalimentare e di fare sviluppare un turismo sempre più attento all’enogastronomia.

In un Paese che sembra incantato da un tema come quello della legittima difesa, dobbiamo pensare a “difendere” sul serio le nostre produzioni, le nostre professionalità e la nostra salute. Da tempo Italia a Tavola chiede un inasprimento delle pene per i crimini commessi col cibo ai danni della nostra salute e delle nostre imprese oneste. I ristoratori che decidono consapevolmente di spacciare in menu prodotti falsi non devono più poter gestire un esercizio pubblico. Le aziende che taroccano vanno chiuse e ciò vale anche per i commercianti che truffano. Dobbiamo alzare il livello di guardia e della repressione. L’Italia deve rafforzare la posizione di miglior produttore alimentare al mondo e la ristorazione deve esserne la prima linea. Chi imbroglia chiude e deve uscire dal giro. E, da subito, andrebbe fatta una riforma per cui le denunce per frode alimentare devono essere accompagnate dal nome dell’azienda che le ha commesse. Ne va del buon nome di tutti gli altri protagonisti del comparto.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


truffa italian sounding made in Italy falso made in Italy agroalimentare prodotti italiani ristorante ristorazione commercio cibo food inganno crimine sanzione salute sicurezza alimentare intossicazione Dop denominazione di origine Parmigiano Reggiano mozzarella di bufala campana gorgonzola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).