Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 14 ottobre 2019 | aggiornato alle 19:55| 61440 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Cibo, da Carosello agli influencer
Servono garanzie per i consigli...

Cibo, da Carosello agli influencer 
Servono garanzie per i consigli...
Cibo, da Carosello agli influencer Servono garanzie per i consigli...
Pubblicato il 10 giugno 2019 | 14:47
Negli anni del boom economico, e poi per un paio di decenni, la spinta ai consumi aveva coinciso in Italia con Carosello, un fenomeno socio-economico che aveva coinvolto creativi e artisti. E intanto si diffondeva la televisione. Negli ultimi anni, all’insegna della recessione, i consigli per gli acquisti sono progressivamente passati sul web e i protagonisti sono diventati i blogger o gli influencer che anche da noi hanno segnato la realtà dei social, puntando a superare la televisione come negli Usa.

Secondo recenti ricerche, gli italiani in molti casi si fiderebbero più dei suggerimenti colti sulla rete che non di quelli di amici o parenti. Nel campo alimentare saremmo arrivati a scelte che 4 volte su 10 dipendono dal web. E le aziende hanno cavalcato una tendenza che rappresenta ormai più o meno un terzo degli investimenti pubblicitari.

Influencer, un fenomeno in crescita (Cibo, da Carosello agli influencer Servono garanzie per i consigli...)
Influencer, un fenomeno in crescita

Quel che sembra convincere molti consumatori a “fidarsi” è il coinvolgimento dei video che, attraverso simulazioni di esperienze, colmano di fatto il vuoto che si è creato in famiglia: non è infatti frequente che un Millennial abbia appreso da genitori o nonni come cucinare e ovviamente cosa comprare. Se MasterChef è la punta di una distorsione del rapporto col cibo, siti e profili sui social potrebbero essere l’alternativa per apprendere, grazie all’interattività che sta alla base di Internet. Ma in verità sono poche le occasioni in cui questa cosa si fa seriamente.

La questione vera è che, a fianco di iniziative serie e utili, ce ne sono molte che sono semplici uffici di rappresentanza di aziende che usano finte massaie per promuovere prodotti puntando sulla presunta “genuinità” di chi spadella davanti a una videocamera o a uno smartphone.

Questa nuova frontiera della pubblicità presenta però molti rischi, perché per sua natura è spesso subdola o celata. La pasta o l’olio che vengono proposti dal piccolo guru della cucina di turno non sono accompagnati da spiegazioni tecniche, né tanto meno sono chiariti i valori (o i limiti) a livello di salute. Pensiamo solo all’incontrollato proliferare di siti che propongono diete miracolose e senza alcun supporto scientifico.

Eppure ci sarebbero sistemi efficaci per sistemare questa situazione. Sull’esempio di quanto si sta facendo negli Stati Uniti va ad esempio introdotto l’obbligo di segnalare quando il “consiglio” avviene dietro pagamento di un’azienda o per accordi con agenzie di comunicazione. Secondo alcune esperienze non verrebbe intaccata la credibilità di influencer seri e preparati. L’hashtag o un bollino servirebbe solo ad avvertire l’utente meno smaliziato che serve un po’ di atteggiamento critico e riflessione. E ciò vale soprattutto quando si parla di cibo, e quindi di salute. Comprare un paio di mutande o una borsa è un’altra cosa.

editoriale web internet influencer social network alimenti salute promozione pubblicita adv carosello acquisti millennials blogger investimenti pubblicitari televisione

RESTA SEMPRE AGGIORNATO! Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail, oppure iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp, oppure ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram.
SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).