Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 18:03| 62070 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Le attese di agricoltura e ospitalità
per il Governo che verrà

Le attese di agricoltura e ospitalità 
per il Governo che verrà
Le attese di agricoltura e ospitalità per il Governo che verrà
Pubblicato il 26 agosto 2019 | 10:55

Il comparto enogastronomico e turistico necessita di interventi pubblici a tutti i livelli. Servono nuove leggi e dovrebbero anche essere rivisti recenti provvedimenti, primo fra tutti il reddito di cittadinanza

Nel difficile momento politico che sta attraversando l’Italia, ai non addetti ai lavori sembra che tutto ruoti attorno ai nomi di chi dovrebbe entrare nel nuovo Governo (scontato che un Governo, elezioni anticipate o meno, si dovrà fare). In attesa che si cominci a parlare anche di un programma concreto, che non potrà non contenere norme per evitare un aumento dell’Iva che sarebbe drammatico in tempi di recessione, ci sono già molte richieste da parte dei sindacati dei lavoratori e delle imprese per evitare che la crisi economica si avviti su se stessa e ci faccia perdere ulteriori occasioni di sviluppo.

Nicola Zingaretti (Pd), Luigi Di Maio (M5s), Matteo Salvini (Lega) (Le attese di agricoltura e ospitalità per il Governo che verrà)
Nicola Zingaretti (Pd), Luigi Di Maio (M5s), Matteo Salvini (Lega)

Per quanto riguarda il settore del turismo e dell’ospitalità già abbiamo richiamato l’importanza di non disperdere le opportunità che si stanno concretizzando grazie all’abbinamento dei ministeri delle Politiche agricole e del Turismo. L’enogastronomia è il terminale di una filiera importante che unisce oggi anche a livello di immagine agricoltori, trasformatori, ristoratori e albergatori. Si tratta di un mondo che ha assolutamente bisogno di interventi pubblici a tutti i livelli. Da un miglior coordinamento fra i diversi protagonisti ad una più efficace promozione, da una nuova formazione (soprattutto per l’accoglienza) a infrastrutture capaci di rendere competitive sui mercati globali tutte le nostre offerte. Pensiamo solo a più efficienti servizi di trasporto (dalla Tav alle varie Pedemontane, dalla rete stradale quasi abbandonata a se stessa nel centro-sud agli aeroporti da collegare con le ferrovie) e a collegamenti Internet ad alta velocità.

Servono anche nuove leggi che mettano ordine in un campo delicatissimo come quello del cibo. Oltre 300mila attività che somministrano cibo (con norme ed obblighi diversificati) è un assurdo per chi immagina di costruire sull’enogastronomia uno dei suoi pilastri di uno sviluppo virtuoso. Gli home restaurant senza controlli o i kebab che diventano esercizi pubblici senza gli obblighi e gli oneri a carico dei ristoranti sono segnali da Paese del Terzo mondo. Almeno quanto il far west che si è creato nei posti letto con l’attività di molti B&B che di fatto sono diventati alberghi, ma senza regole.

A queste cose nuove da fare (delle quali si parla da anni...) ci sono da aggiungere anche le recenti riforme da rivedere, considerati i guasti prodotti da politiche governative poco attente alla realtà e ai bisogni delle nostre comunità. Pensiamo al reddito di cittadinanza che ha mostrato tutta la sua incostanza per agevolare l’ingresso di nuovi occupati, enfatizzando al contrario una concezione assistenzialistica, soprattutto al sud, e consolidando la piaga del lavoro nero. Si tratta di una norma che ha peggiorato, se possibile, i guasti prodotti dal cosiddetto “decreto dignità” con cui aziende agricole, esercizi pubblici e hotel sono stati letteralmente messi in ginocchio per l’impossibilità di utilizzare personale saltuario nelle punte di lavoro. Il vulnus vero di quella legge, che poteva avere una sua ragione, è stata la conferma dell’abolizione dei voucher già decisa dal Governo Pd di Gentiloni sotto la pressione di una Cgil oltranzista e fuori dalla realtà. Il risultato è che molte piccole imprese sono tornate ad avere personale in nero, invece che tutelare i dipendenti saltuari pagando i contributi, e in molti casi hanno rinunciato a migliorie ed investimenti per la difficoltà di poter avere personale nelle occasioni di punta del lavoro (giornaliere, settimanali o stagionali).

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


editoriale governo crisi di governo nuovo governo governo del cambiamento governo giallo verde governo giallo rosso sergio mattarella matteo salvini luigi di maio nicola zingaretti giuseppe conte crisi politica enogastronomia turismo accoglienza ospitalita politiche agricole ministero reddito di cittadinanza home restaurant lavoro nero

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).