Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 20 gennaio 2020 | aggiornato alle 23:03| 63024 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     EVENTI     GOURMET
di Roberto Vitali
Roberto Vitali
Roberto Vitali
di Roberto Vitali

I ricercatori e tartuficoltori orobici
festeggiano i 25 anni dell'associazione

I ricercatori e tartuficoltori orobici 
festeggiano i 25 anni dell'associazione
I ricercatori e tartuficoltori orobici festeggiano i 25 anni dell'associazione
Pubblicato il 09 aprile 2015 | 14:06

L'Associazione ricercatori e tartuficoltori orobici ha celebrato il suo 25° anniversario al ristorante Orchidea di Dalmine (Bg). Tra le prossime iniziative dell’associazione, un corso teorico e pratico a Rota Imagna (Bg)

Andrea Bonucci (nella foto in basso, il terzo da sinistra), venuto nel 1969 da Spoleto, terra umbra vocata per la raccolta del tartufo, a Bergamo per motivi professionali e, nel 1990, fondando l’Arto-Associazione Ricercatori e Tartuficoltori Orobici, ha fatto conoscere a tutti che anche la Bergamasca è terra vocata per la crescita dei tartufi neri.

Da sinistra: Roberto Benussi, Salvatore Starace, Andrea Bonucci e Gloria Bonucci
Nella foto, da sinistra: Roberto Benussi, Salvatore Starace, Andrea Bonucci e Gloria Bonucci

«Il pericolo è l’avidità dei cercatori - dice lo Bonucci - che pur di portare a casa del raccolto non si limitano a usare i cani addestrati ma ricorrono alla zappa, rovinando l’habitat naturale che si ribella e non produrrà più. In Bergamasca c’è sempre maggiore richiesta, anche nei ristoranti, di tartufo nero pregiato e la produzione locale ormai non basta più, ecco perché la nostra associazione riunisce anche i tartuficoltori, quelli che mettono a disposizione un terreno per piantare gli alberi idonei a produrre, dopo almeno cinque anni, ottimi tartufi».

«In provincia - non posso dire le località esatte per ovvi motivi - ci sono quattro impianti tartufigeni di grossa entità - continua il fondatore e presidente di Arto - con 150-250 piante; inoltre ce ne sono altri 11 che stanno crescendo e produrranno nei prossimi anni. Si pensi che il periodo migliore di produzione è dopo 10-12 anni di impianto della tartufaia. Una decina di altri giovani imprenditori stanno facendo richiesta di mini-impianti tartufigeni».

Salvatore Starace e lo staff del ristorante Orchidea«Insomma - prosegue Bonucci - il settore è vivo e fa parte della economia bergamasca. Un calcolo approssimativo dice che ogni anno, tra raccolta e produzione in tartufaia, la terra bergamasca metta sul mercato circa un quintale di tartufo nero per un valore approssimativo di circa 300mila euro, cifra che può aumentare a seconda della stagione e della produzione. La richiesta comunque è superiore almeno dell’80%».

Andrea Bonucci è fondatore e presidente dell’Arto da sempre, prima a Dalmine, dove l’associazione  è nata e mantiene la sede (i soci sono 120), oggi dalla sua residenza di Rota Imagna (Bg). Il traguardo dei 25 anni associativi, con i suoi 120 soci, è stato celebrato al ristorante-pizzeria Orchidea di Mariano di Dalmine (Bg), il cui titolare, Salvatore Starace, oltre che cuoco abilissimo (la Federazione italiana cuochi gli ha assegnato la massima onorificenza del “Collegium Cocorum”, con l’intervento del presidente dei cuochi bergamaschi, Roberto Benussi) è cofondatore e vicepresidente dell’Arto. Da una scissione dell’Arto, nel 2004 è nata l’Associazione tartufai bergamaschi con circa 50 iscritti, presidente Pino Ciocchetti.

«Quando una trentina d’anni fa - ricorda Bonucci - con i primi ricercatori appassionati che mi seguirono, mi recai in amministrazione provinciale per mettermi in regola chiedendo il patentino di ricercatore di tartufi, i funzionari ne ignoravano ancora l’esistenza. Oggi il patentino mi risulta dato a circa 700 tartufai bergamaschi. Tantissimi, ma molti cominciano e poi lasciano perdere: quelli che più o meno costantemente fanno questa attività non arrivano a un centinaio. Io continuo a sostenere che anche la Bergamasca è terra vocata per i tartufi neri di pregio: l’estivo, da giugno ad agosto; l’uncinato, da settembre a novembre; il nero pregiato, in dicembre e gennaio. Gli alberi più indicati sotto i quali si possono cogliere pregiati tuberi sono il carpino nero o bianco e il nocciolo. In pianura anche il tiglio produce bene».

Da sinistra: Salvatore Starace e Andrea BonucciÈ calcolato che per dare sostegno economico discreto a una famiglia, bisognerebbe poter disporre di una tartufaia con circa 200 piante, calcolando che la massima produzione avviene verso i dieci anni dalla piantumazione. Ogni pianta può produrre 800-1000 grammi l’anno di tartufo nero, il cui valore sul mercato bergamasco varia da 80 euro al chilo per l’estivo fino a 6-700 euro al chilo per il nero pregiato.

Tra le prossime iniziative dell’associazione, l’11 aprile a Rota Imagna corso di quattro ore, teorico e pratico, per coloro che vogliono avvicinarsi al mondo della ricerca e raccolta del tartufo. Il 18 aprile, a Costa Imagna corso di tartuficoltura specifico per il territorio bergamasco. La segretaria dell’Arto, Gloria Bonucci, figlia del presidente, ha da tempo avviato il commercio online sul sito ufficiale e all’ingrosso di tartufi e prodotti per la tartuficoltura.

Per informazioni:
Tel 339 3783311
associazione.arto@gmail.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Arto tartufo Andrea Bonucci ristorante Orchidea Gloria Bonucci Roberto Benussi Federazione italiana cuochi Salvatore Starace

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).