Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 03 luglio 2022 | aggiornato alle 12:45 | 85910 articoli in archivio

Re panettone si presenta a Milano Due giorni col dolce storico natalizio

di Renato Andreolassi
 
20 novembre 2017 | 19:18

Re panettone si presenta a Milano Due giorni col dolce storico natalizio

di Renato Andreolassi
20 novembre 2017 | 19:18
 

Al termine della conferenza stampa a Palazzo Marino, a Milano, ho deciso di fare violenza al mio fegato: ho praticamente e concretamente pranzato con tre diversi tipi di assaggi di panettoni della pasticceria Martesana.

Al termine della conferenza stampa a Palazzo Marino, a Milano, ho deciso di fare violenza al mio fegato: ho praticamente e concretamente pranzato con tre diversi tipi di assaggi di panettoni della pasticceria Martesana.

Il primo, il classico con uvette e canditi (senza cedro e solo arancia); il secondo - troppo sfizioso - con cioccolata e albicocche; il terzo - il più intrigante - con glassa, uvetta e cannella. Li ho gustati e apprezzati a lungo dopo la presentazione della 10ª Edizione di “Re panettone”, la due giorni all'insegna del dolce tipico milanese in programma il 25 e 26 novembre alla fabbrica Orobia di via Orobia a Milano.

(Re panettone si presenta a MilanoDue giorni col dolce storico natalizio)

A fianco di Stanislao Porzio anima e motore della rassegna, l'assessore comunale Cristina Tajani. Ingresso gratis dalle 10.00 alle 19.00 per gustare i dolci natalizi provenienti da tutta Italia, oramai sulle nostre tavole per tutto l'anno. 45 i pasticceri in vetrina, in maggioranza lombardi, seguiti dai maestri provenienti dalla Campania, Lazio, Piemonte, Emilia, Marche, Puglia e per la prima volta dalla Liguria. Fra le novità di quest'anno la notte Bianca del Panettone, sabato fino alle 2, e tante dimostrazioni a base solo di lieviti naturali e artigianali.

«E a tutela dei consumatori - ha annunciato Porzio - quest'anno ci sarà la certificazione del Re panettone. Si tratta di un bollo con ologramma anticontraffazione che certificherà l'assenza di mono e digliceridi degli acidi grassi (E 471) nel rispetto della qualità e della tradizione».

Ma non solo, a fianco dei dolci anche i panettoni salati e farciti. Insomma il Panettone guarda sempre più lontano, mira alle nuove tendenze del mercato, strizza l'occhio giovani pur vantando il glorioso anno di nascita 1606, certificato da un Decreto Ministeriale del 2005. E Porzio, appena finita la due giorni milanese si trasferirà in quel di Napoli, per organizzare Re panettone al Sud. Il “pan de Toni”, il più amato fiore all'occhiello della tradizione gastronomica milanese strizza l'occhio al sole partenopeo, sperando - forse - in un matrimonio con la verace Margherita napoletana.

Per informazioni: www.repanettone.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita