Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 24 ottobre 2021 | aggiornato alle 08:01 | 78896 articoli in archivio

La cena itinerante di Faenza Tre giorni di cucina e arte in piazza

13 maggio 2019 | 17:11

La cena itinerante di Faenza Tre giorni di cucina e arte in piazza

13 maggio 2019 | 17:11

Una cena itinerante a tappe, per le vie di Faenza (Ra), lunga un weekend, tra il 17 e il 19 maggio e capace di coinvolgere migliaia di persone. Un evento tra alta gastronomia e arte; tema di quest’anno, la gentilezza.

Una cena itinerante a tappe, per le vie di Faenza (Ra), lunga un weekend, tra il 17 e il 19 maggio e capace di coinvolgere migliaia di persone. Un evento tra alta gastronomia e arte; tema di quest’anno, la gentilezza.

Non è una notte bianca, ma il senso è un po’ quello: durante Distretto A Weekend, questo il nome della manifestazione giunta alla 12ª edizione e per la prima volta spalmata su tre giorni, la città accoglierà cuochi e produttori (vignaioli e birrifici), che proporranno un’esperienza culinaria a tappe per far conoscere le eccellenze del territorio. Ma sarà l’occasione anche per visitare esposizioni e musei, per un coinvolgimento totale, che va oltre la buona cucina.

(La cena itinerante di Faenza Tre giorni di cucina e arte in piazza)

L’iniziativa si svolgerà in un percorso distribuito fra 54 luoghi urbani “abitati” per l’occasione da 45 chef e 35 produttori. In particolare, venerdì 17 maggio per le vie di Faenza si potranno scoprire le postazioni di grandi chef nei luoghi più inusuali, gustando pietanze e vini lungo una mappa di punti di ristoro dalle molteplici gastro-proposte. Come la cucina fra primordialità e avanguardia di Gianluca Gorini, i piatti sorprendentemente inusuali di Benso di Forlì con l’impronta della supervisione di Pier Giorgio Parini.

Immancabili i lievitati di Pummà e ’O Fiore Mio che da qualche settimana ha inaugurato con grande successo il nuovo 'O Fiore Mio Hub. Prima volta per Mattia Borroni, giovane chef dell’ Alexander di Ravenna, che per una sera si trasferisce al Museo Carlo Zauli, mentre sono ormai degli habitué i ragazzi di Postrivoro. Da uno degli stabilimenti balneari più cool della costa, arriva dal Marè di Cesenatico, lo chef Omar Casali e dagli uliveti delle colline di Cesena si sposta in città il picnic di Scamporella che per una sera avrà una allure meno bucolica e più urban style.

Tema del Distretto A Weekend 2019, come anticipato, è la gentilezza in tutte le sue accezioni. Quella basic del #grazieprego ma anche del sorriso, di una mano o una parola in più, gesti molto spesso dimenticati. Quella che significa anche rispetto per l'ambiente e che in cucina si traduce in sostenibilità e riduzione degli sprechi. Questi saranno i concetti cardine dell’evento di sabato 18 maggio, convertiti in una cena Tempi di Recupero, dal titolo del libro di Carlo Catani, che vedrà protagonista ai fuochi Marta Scalabrini. La chef di Marta in Cucina di Reggio Emilia interpreterà la sua visione della sostenibilità attraverso piatti dove lo speco sarà ridotto al minimo, presentandoli in un dialogo con l’autore.

(La cena itinerante di Faenza Tre giorni di cucina e arte in piazza)

Il rispetto dell’ambiente ha quest’anno ancor più rilevanza nell’organizzazione di Distretto A Weekend, per questo è già partita una attività di promozione fra padroni di casa e patron di ristoranti e cantine a favore dell’utilizzo di materiali biocompostabili e della limitazione della vendita di bottiglie di plastica. Un gruppo di volontari i “Puliziotti” cercheranno, durante l’evento, di trasmettere al pubblico la volontà di mantenere un comportamento rispettoso nei confronti del quartiere.

Come da tradizione il sabato arrivano in città i Food Truck che si distribuiscono fra le vie del centro storico con le molteplici variazioni sul tema cibo di strada, dal più rude all’interpretazione più gourmet, come propone il Magnolia to go, il furgoncino dello chef bistellato Michelin Alberto Faccani. Domenica 19 maggio sarà dedicata invece alla colazione lenta, in luoghi inusuali, come gli atelier di artisti e le sale di palazzi storici per poi lasciarsi trasportare, fra passeggiate urbane e visite guidate, alla scoperta di laboratori, di botteghe artigiane e di ceramisti che saranno aperti numerosi per celebrare anche la collaborazione con Buongiorno Ceramica . Evento nazionale che si svolge in contemporanea con le città della ceramica italiane.

Per informazioni: distrettoa.it

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali