Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 30 novembre 2021 | aggiornato alle 00:23 | 79851 articoli in archivio

Tra pescato del giorno e bufala Dop Una bell'esperienza la cena al Tre Olivi

di Vincenzo D’Antonio
01 marzo 2018 | 09:47

Tra pescato del giorno e bufala Dop Una bell'esperienza la cena al Tre Olivi

di Vincenzo D’Antonio
01 marzo 2018 | 09:47

Siamo in quel luogo incantato dove alle vestigia archeologiche, templi maestosi che emanano la saggezza della storia antica, si affianca la bellezza di rigogliosa pineta, spiaggia ampia e mare fruibile.

Siamo in quel luogo incantato dove alle vestigia archeologiche, templi maestosi che emanano la saggezza della storia antica, si affianca la bellezza di rigogliosa pineta, spiaggia ampia e mare fruibile.

Siamo nell’anticamera del Parco nazionale del Cilento, a Paestum, Patrimonio mondiale dell’Unesco. Qui, da secoli, mandrie mansuete con gli occhi buoni, abitano le bufale. Sempre aperto, ad intendere non stagionale, elegante e maestoso, lusso godibile, il Savoy Beach Hotel.

Al suo interno, chicca per clienti gourmet che arrivano anche da lontano, il ristorante Tre Olivi. E qui d’intorno, di uliveti e di vigneti ce ne sono tanti. Ne conseguono ottimi oli ed ottimi vini. Atmosfera deliziosa, tavoli ben allocati e bene apparecchiati, servizio impeccabile con sala governata da Giovanni Celentano. In cucina, a coordinare brigata solerte, il cuoco, membro Euro-Toques, Matteo Sangiovanni.

Matteo Sangiovanni (Tra pescato del giorno e bufala Dop Una bell'esperienza la cena al Tre Olivi)
Matteo Sangiovanni

Vivere la deliziosa esperienza della cena ai Tre Olivi equivale a dolce immersione in un mare di carezze. Ci si sente coccolati e l’amore per il cliente permea ogni azione. L’animale che permea la zona giunge in tavola non solo nella squisita sembianza dell’eccellente Mozzarella di bufala campana Dop, ma anche con altra derivazione del suo latte, il cui esito è un ottimo erborinato Blu di Bufala, e con la carne del bufalo che Matteo lavora in cucina onde ne sortisca a beneficio del cliente un pregevole Stracotto di bufalino topinambur e parmigiana di cardi.

A ben cominciare, robusto l’appetito, una grande interpretazione di Baccalà Giraldo. Gli approvvigionamenti dal pescoso mare del Cilento, Matteo li effettua stando in sintonia con i pescatori quando costoro sono in notturna battuta di pesca. Tecnologia whatsapp per visionare il pescato ancora in barca, selezionare, prescegliere e ricevere in ora appena lucana tale prodigo dono del mare direttamente alla sua cucina. Ne sortiscono preparazioni di grande bontà.

(Tra pescato del giorno e bufala Dop Una bell'esperienza la cena al Tre Olivi)
Baccalà Giraldo

Assaggio imperdibile di Piccoli cappelletti di ricotta e bergamotto con tartare di gamberi rossi di Acciaroli ed a seguire un delicato Merluzzo cotto sott’olio capperi, cicerchia e bietolina. Nei calici, da doviziosa carta dei vini effettuando scelta, l’ottimo Trentenare by Azienda agricola San Salvatore. Il Paestum Fiano Trentenare, da vigneti coltivati in regime biologico situati nel comune di Stio, è ottenuto da sole uve Fiano. Molto buoni, in linea con l’alta qualità di tutta la cena, anche i dolci.
La famiglia Pagano, che ha titolarità dell’intero complesso, fa lodevole opera di mecenatismo contribuendo al restauro di quel gioiello dorico che è il tempio di Athena nel Parco Archeologico di Paestum.

(Tra pescato del giorno e bufala Dop Una bell'esperienza la cena al Tre Olivi)

Quanto bella l’esperienza della cena ai Tre Olivi. Nessuno stress da ritorno a casa immediato, dacché ci si giova del confortevole Savoy Beach per il pernottamento a cui segue al risveglio dell’indomani altra perla di ospitalità: gradevolissima prima colazione.

Per informazioni: lnx.treolivi.com

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali