Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 27 settembre 2022 | aggiornato alle 06:41| 88111 articoli in archivio

Ora D'Aria al Dai Dai, il ritorno “a casa” di Marco Stabile

Il cuoco ha aperto da pochi giorni un ristorante sulla terrazza della gelateria Dai Dai della frazione di Rosignano (Li), lo stesso luogo dove, anni fa, fece la sua prima stagione

di Annamaria Tossani
 
13 giugno 2022 | 11:13

Ora D'Aria al Dai Dai, il ritorno “a casa” di Marco Stabile

Il cuoco ha aperto da pochi giorni un ristorante sulla terrazza della gelateria Dai Dai della frazione di Rosignano (Li), lo stesso luogo dove, anni fa, fece la sua prima stagione

di Annamaria Tossani
13 giugno 2022 | 11:13
 

Lo chef dell’Ora D’Aria a Firenze, Marco Stabile, ha aperto da pochi giorni un nuovo ristorante sulla terrazza della Gelateria Dai Dai a Castiglioncello, Livorno, prendendo in gestione gli spazi dagli eredi della vecchia Gelateria artigianale di cui utilizza ed interpreta i prodotti alla base dei nuovi dessert.

Ora D’Aria al Dai Dai è un locale dove si cena ma anche si ha l’angolo relax per il dopocena e uno spazio mixology affidato ad un noto bartender, Lorenzo Giorgi, che dopo aver lavorato anni a Firenze torna a Castiglioncello dove è nato.

Il ristorante è aperto solo la sera dal martedì alla domenica ed offre un menu essenzialmente di pesce. È un luogo incantevole che si affaccia sulla baia del Quercetano con una vista spettacolare ed un giardino intimo e fresco.

Marco Stabile Ora D'Aria al Dai Dai, il ritorno “a casa” di Marco Stabile

Marco Stabile

Ora D'Aria al Dai Dai, l'emozione di tornare 

La scelta di Castiglioncello per una apertura stagionale non è casuale ci racconta Marco Stabile con la pacatezza di chi è felice. 

«La mia prima stagione l’ho fatta qui e sento ancora quella emozione, un viaggio nell’anima mi ha riportato a Castiglioncello… - ha detto - Nella mia vita ho sempre cercato di far coincidere passione e sentimento e alla base onestà e umiltà: i valori di ogni uomo perbene e che si legano a ricordi e ad immagini passate… Amo il mare perché in linea con i miei pensieri sempre, riesce a rasserenarmi con la sua totale azzurra limpidezza, quando è mosso assorbe le mie inquietudini e mi aiuta a riflettere. Dopo il tumulto delle onde torna sempre calmo. Insegna tanto osservare il mare e respirare l’aria intensamente profumata di salsedine, di alghe, degli aromi delle piante della macchia mediterranea ed il fruscia del vento rinfresca la mente e torna la voglia infantile di una fetta di cocomero fresco o di un bel gelato… Soprattutto il tempo forzatamente regalato dalla pandemia, con tanti pensieri e ansie e senso di precarietà inevitabile, mi ha dato (a me che corro come una trottola senza fermarmi) la possibilità di guardarmi dentro. Ricordi e nuovi sogni si sono legati nella mente alla gioia di una nuova sfida. E poi la magia di questa terrazza e le lunghe conversazioni con Aurora Bernardo e Rosa, proprietari della Gelateria Dai dai. E quando si ha voglia di rimettersi in gioco e si trovano persone con lo stesso sentire tutto diventa semplice e così è iniziata questa nuova avventura, incontro felice di due storie di vita, la mia e la loro». 

DolceVita

Nel piatto freschezza e limpidezza nei sapori 

«Per ora pensiamo di rimanere aperti sino ad ottobre ma chissà! - continua a raccontarci lo chef - Il mio entusiasmo nella ricerca e nella scoperta di nuovi prodotti veri si è fuso con la bellezza delle storie di questi artigiani del gusto. Storie di fatica e di soddisfazioni e sono orgoglioso di utilizzare tante materie prime così nobili nella loro semplicità. Il menu è essenzialmente di mare con pochi piatti di carne. Pesci grandi freschissimi perfetti per le mie marinature e salse che danno ad ogni piatto la aromaticità delle erbe della macchia mediterranea e frutta e insalatine appena colte e ostriche e gamberoni e carne di altissima qualità… Limpidezza nei sapori benefica per il corpo e per lo spirito in equilibrio con tutta la mia storia di chef. Tanta vita dedicata a rendere magico non il nutrirsi ma l’innamorarsi di un piatto, di un sapore o di un profumo perché diventi un ricordo di gioia». 

Ora D'Aria al Dai Dai, il ritorno “a casa” di Marco Stabile

La storia della Gelateria Dai Dai 

È d’obbligo ricordare anche la storia della Gelateria Artigiana Dai Dai che inizia nel secolo scorso ed oggi rappresenta un marchio di qualità e tradizione nel settore dei semifreddi riconosciuto in tutto il mondo. Alla fine degli anni ’20 il gelataio del paese di Castiglioncello percorreva con il suo carretto, trainato dalla ciuchina Dorotea, i viottoli ghiaiosi e la pineta di Castiglioncello offrendo le sue cassatine di panna ricoperte di cioccolato, tenute in fresco in una salamoia di ghiaccio e sale. Dai dai!!! era l’affettuoso incitamento per Dorotea e semplicemente “Dai Dai” diventò così per tutti anche il nome della buonissima cassatina. Dopo la guerra che aveva interrotto ogni attività ,il gelataio aveva ripreso la produzione delle cassatine. Dorotea non c’era più, al suo posto un furgoncino bianco, ma nella mente risuonava il vecchio incitamento e così rimase il nome Dai Dai.

Arrivarono gli anni della Dolce Vita e con essi, sulle spiagge di Castiglioncello, i grandi divi del cinema. Tra gli imprenditori più importanti della zona c’era la famiglia Bartoletti. Toni, a quel tempo il mezzano di casa Bartoletti, trascorse la sua infanzia tra il ristorante e il circolo tennis gestiti dai genitori. Ed è proprio in quegli anni che assaggiò la celebre cassatina.

Agli inizi degli anni ’80, Toni lavorava a Castiglioncello, portando avanti l’attività dei genitori nel settore turistico. Il vecchio gelataio non c’era più, ma in Toni era nato un desiderio: recuperare l’antica ricetta e dare nuova vita al sapore inconfondibile della cassatina alla panna e riuscì ad acquisire l’autentico procedimento di preparazione e i diritti di produzione.

Nel 1984 Toni aprì il suo primo laboratorio di pasticceria in una cantina di Casale Marittimo, un piccolo borgo a pochi passi da Castiglioncello. Iniziarono per lui anni di duro lavoro, dedicati alla creazione di nuove ricette, alla ricerca di clienti importanti, alla messa a punto del processo di produzione, svolto interamente a mano.

La Gelateria Artigiana Dai Dai era nata e muoveva così i suoi primi importanti passi, creando nuove piccole delizie come i celebri bocconcini e le mattonelle, mantenendo assoluta fedeltà alla sua storia e alla sua vocazione artigianale.

Tradizione di famiglia che prosegue oggi sotto la guida dei figli di Toni Bernardo, Aurora e Rosa che hanno visto in Marco Stabile la persona perfetta per far rivivere i vecchi spazi della gelateria unendo Ora D’Aria al Dai Dai. 

Ora D'Aria al Dai Dai, il ritorno “a casa” di Marco Stabile

Doppio impegno 

Ma come ci si riesce ad organizzare con due ristoranti? «Ora D’Aria al Dai Dai è un impegno notevole perché per me significa gestire il ristorante a Firenze che ha prenotazioni sino a luglio e correre il fine settimana in via del Sorriso a Castiglioncello, ma ho ragazzi giusti e con tanto entusiasmo e bravura ed accanto a me una Musa ispiratrice a cui devo molto , Liudmila Musatova, per cui mi sento sereno! E poi con un indirizzo con questo nome non si può che andarci con il sorriso e a cuor leggero», ha concluso Stabile. 

Ora D'Aria al Dai Dai 
Via del Sorriso, 16, 57016 Rosignano Solvay-Castiglioncello LI
Tel. 0586 753390

 

 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Hotel - Fiera Bolzano 2022