Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 02 agosto 2021 | aggiornato alle 10:49 | 76911 articoli in archivio

Pizze d'autore e cucina di pesce al Capanno di Ostia

Oltre a sport come palestra e beach tennis, il nuovo volto dell'ospitalità in riva al mare per i romani offre anche pizze di alta qualità e pesce abbinato alle migliori etichette

di Mariella Morosi
06 giugno 2021 | 10:30

Pizze d'autore e cucina di pesce al Capanno di Ostia

Oltre a sport come palestra e beach tennis, il nuovo volto dell'ospitalità in riva al mare per i romani offre anche pizze di alta qualità e pesce abbinato alle migliori etichette

di Mariella Morosi
06 giugno 2021 | 10:30

Tutto è pronto al Capanno di Ostia, la spiaggia dei romani, per la bella estate che finalmente si meritano. Non è solo stabilimento balneare con ampi spazi e terrazze sul mare, ma anche ristorante di pesce, pizzeria d’autore, cocktail bar e polo sportivo. L’ha voluto così il titolare Cristiano Giacometti, forse pensando alle grandi spiagge di Miami dove tutto è divertimento ma anche relax.

Lo staff

Lo staff


Ha portato a nuova vita la storica struttura preesistente, lo stabilimento Caio Duilio, edificato in stile razionalista nel 1936 dall’architetto Luigi Moretti, e formato una squadra di giovani ma già di grande esperienza. Ne fanno parte Pier Danicele Seu di Seu Pizza Illuminati, Simone Curti del ristorante gourmet Molo Diciassette e talentuosi barman come Valerio Mazziotti e Helena Fabiani, attivissimi al bancone del cocktail bar, in legno e gres porcellanato bianco, aperto tutto il giorno.

Oltre alle varie attività sportive legate al mare e alla spiaggia, il Capanno sa offrire un’accoglienza speciale anche quando il sole è tramontato, un modo per superare ogni aspettativa. «Ostia - dice Cristiano Giacometti - merita un polo di qualità non solo tradizionale, che parli di food, sport e eventi per vivere alla meglio una giornata al mare».

L’offerta parte dalla mattina, per una colazione completa con caffè, succhi di frutta, lievitati, e torte. Irresistibili sono le ciambelle fritte e zuccherate della tradizione romana.

La pizza di Pier Daniele Seu, l'inventore della pizza dolce

Lo spazio-pizza è il “Tac”, acronimo di Thin and crunchy (sottile e croccante, come la vogliono i romani). Pier Daniele Seu con la moglie Valeria ha creato il suo nuovo format con pizze interpretate con fantasia ed equilibrio, dalla scelta delle farine all’impasto fino al topping. Le classiche rivisitate e le signature, apprezzate anche in un noto locale di Dubai, hanno portato il giovane pizzaiolo, autodidatta e collezionista di allori, ai vertici della primi 50 migliori pizzaioli del mondo. Da provare la Margherita Dop (pomodoro, mozzarella di bufala sfilacciata, Parmigiano Reggiano 36 mesi e basilico), quella con Tartare di tonno, burrata, pistacchio e zeste di lime; quella Baciata, farcita con insalata di pollo.

Pizza con tartare di tonno, burrata, pistacchio e zeste di lime
Pizza con tartare di tonno, burrata, pistacchio e zeste di lime


Seu vanta anche la primogenitura della pizza dolce, da dessert, come la Pizzacolada al fior di fragola. «Sono stato il primo - dice con orgoglio - in questa e altre innovazioni. Poi mi hanno imitato tutti». Non mancano nel suo menu crocchette di patate e supplì, mirabilmente fritti e con panatura finissima, e per finire, il dolce “Tiramiseu”.

Cucina di pesce, veloce a pranzo, elaborata alla sera

Al ristorante in terrazza regna invece Simone Curti, un grande artefice del pesce del Tirreno - non solo orata e spigole, ma cefali, alici, palamita, sgombro, pesce sciabola e triglie - acquistati tutti i giorni dall’asta di Fiumicino. Il menu si articola in due diversi momenti. A pranzo con piatti veloci e dinamici, dal classico Spaghetto alle vongole alle Pokè, per uno spuntino appagante ed equilibrato. La sera invece la scelta si arricchisce di piatti più elaborati con attenta combinazione di sapori e più spazio alla tecnica. Da provare i suoi crudi di mare, con ostriche, mazzancolle e gamberi rossi e viola; la Tartare di tonno, gazpacho e feta; la Parmigiana di pesce sciabola; le Linguine con gambero rosso, lime e vaniglia o gli Gnocchetti alla puttanesca di tonno. Il tutto da abbinare a vini scelti tra le migliori etichette, con prevalenza di bianchi e bollicine, oppure cocktail. Tra i più richiesti c’è un’interpretazione di cocktail Champagne con gin, cordiale di lamponi, salvia e succo di limone, oppure una variante dell’Americano con bitter riserva Martini ed erbe aromatiche: timo, salvia, rosmarino e finocchio marino.

Frittura di calamari e gamberi
Frittura di calamari e gamberi


E spazio anche allo sport

Per chi ama lo sport c’è anche una grande palestra all’aperto con varie attrezzature e con la presenza di istruttori professionisti. Il rimessaggio gestito dal team della Water Sport Center Roma. Spazio anche agli appassionati della racchetta col Beach Tennis di Cristiano Lucaroni, con corsi e tornei. C’è davvero tutto per offrire sul litorale romano una nuova impostazione per vivere il mare dentro e fuori l’acqua, durante tutto l’anno.

Foto: Andrea Di Lorenzo


© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali