Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 27 settembre 2022 | aggiornato alle 05:53| 88111 articoli in archivio

Emilia Romagna, terra di…terme

La Regione con i suoi 23 centri termali situati tra il mare e l’Appennino è una vera e propria “valle del benessere”, tanto che il 27 agosto si celebra la Notte Celeste dedicata al benessere e alle acque curative

di Emanuela T. Cavalca
 
15 giugno 2022 | 18:59

Emilia Romagna, terra di…terme

La Regione con i suoi 23 centri termali situati tra il mare e l’Appennino è una vera e propria “valle del benessere”, tanto che il 27 agosto si celebra la Notte Celeste dedicata al benessere e alle acque curative

di Emanuela T. Cavalca
15 giugno 2022 | 18:59
 

L'Emilia Romagna è una vera e propria patria degli stabilimenti termali; ce ne sono ben 23 all'interno del suo territorio. Alcuni centri si trovano sulla Costa adriatica, dunque si ha la possibilità di abbinare una cura termale con una vacanza al mare. Altri sono immersi nella natura incontaminata dell’Appennino, così la clientela può assaporare antichi sapori della cucina, visitare le città d’arte e curarsi alle terme. Il 27 agosto torna la “Notte Celeste” nelle Terme dell’Emilia Romagna, dedicata al benessere, alle acque curative e al Wellness in tutte le sue forme. In questa occasione le località termali e centri termali dell’Emilia si vestono a festa, proponendo un cartellone ricco di appuntamenti che si estendono a tutto il week-end dal 26 al 28 agosto. Per l'occasione in questi giorni è stata presentata la nuova Guida Terme e Benessere per la stagione 2022/23, ispirata allo slogan “il tuo benessere naturale”.

  Le Terme di Salsomaggiore Emilia Romagna, terra di…terme

Le Terme di Salsomaggiore

L’acqua termale non è tutta uguale in Emilia Romagna

L’Emilia Romagna è una delle Regioni con il più alto numero di centri termali in Italia, grazie ai suoi 23 centri termali è una vera e propria “valle del benessere”.

Le acque termali dell’Emilia Romagna sono prevalentemente sulfuree e salsobromoiodiche, con proprietà terapeutiche, efficaci per la cura e la prevenzione di diverse patologie. Ideali per la salute dei bimbi, curano raffreddore, tosse e mal d’orecchio, proteggendo l’apparato respiratorio. Non solo aiutano a curare artrosi e reumatismi negli adulti. Le cure termali sono convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale.  «Il bonus terme, sottolinea Massimo Caputi, presidente Federterme, ha stimolato il mercato. Sono arrivate 1 milione e200mila richieste, anche da parte di persone che non erano mai state in un centro termale. L’effetto positivo ha fatto da moltiplicatore economico, non solo è stata una campagna pubblicitaria indotta. Lo insegnano gli antichi romani, le acque termali prevengono le malattie e coadiuvano nelle cure riabilitative, ideali soprattutto nelle cure post Covid. Le località termali si integrano con le eccellenze del territorio: cibo e turismo nelle città d’arte».

DolceVita                                                                                                                                              

Il rilancio delle Terme di Porretta

Porretta Terme si trova nel Comune di Alto Reno Terme, ultimo lembo dell’Appennino bolognese al confine con la Provincia di Pistoia, è situato in una delle aree più belle dell’Appennino bolognese.  Ad una altezza di 350 metri circa, è un punto di partenza ideale per escursioni naturalistiche nelle colline circostanti dove sorgono località di grande suggestione, non solo ha anche il vantaggio di essere raggiungibile in treno da Bologna. Le Terme di Porretta erano conosciute e frequentate dai Romani, hanno vissuto il loro periodo di maggior splendore a fine Ottocento. La leggenda vuole che la loro fama derivi da un bue ammalato, oggi simbolo della località termale, che guarì poco dopo essersi abbeverato alla fonte termale. Le dodici sorgenti (8 sulfuree e 4 salsobromoiodiche) contengono i due gruppi più importanti di acque termo-minerali, cioè acque sulfuree e salso-bromo-iodiche con differenti caratteristiche per molteplici funzioni terapeutiche. Il rilancio si basa su un accordo, promosso dalla Regione Emilia-Romagna, tra Inail (che ha acquisito la struttura delle “terme basse”) e il Gruppo Monti Salute Più (già proprietario del circuito delle 5 Terme di Bologna). Porretta Soul Festival è l’appuntamento europeo dedicato interamente alla musica soul e rhythm & blues e si tiene nel mese di luglio. Dedicato ai buongustai: da non perdere le ricette povere della cucina montanara: focaccine, zampanelle (una sorta di crepes salate), necci a base di farina di castagne (crepes con farina di castagne), la “Tortina" e gli "zuccherini montanari. Nella zona è possibile anche gustare la tipica birra Beltaine fatta con le castagne.

Per informazioni: info@termediporretta.it

Un particolare delle terme di Porretta Emilia Romagna, terra di…terme

Un particolare delle terme di Porretta

Le specializzazioni in medicina termale e la nuova Guida Terme e Benessere 

«Sono stati creati sei master in medicina termale, conclude il presidente di Federterme, così da creare un trait d’union con il paziente e le unità sanitarie. Abbiamo partecipato alla Fiera mondiale del benessere in Francia, per capire come vendere al meglio le nostre strutture soprattutto all’estero, imitando i francesi e gli spagnoli. In arrivo una piattaforma per collegare facilmente l’utente, soprattutto straniero, con le strutture termali.»

È stata sottolineata l’importanza di fare rete, così i centri termali dell’Emilia Romagna si presentano compatti e uniti: le Terme dell’Emilia Romagna presentano la nuova Guida Terme e Benessere per la stagione 2022/23, ispirata allo slogan “il tuo benessere naturale”. «Con il lancio della nuova Guida apriamo ufficialmente la nuova stagione, sottolinea Lino Gilioli, presidente del Coter, Consorzio del Circuito Termale dell’Emilia Romagna in sinergia con Apt e i territori termali della Regione, contiene tutte le offerte proposte dalle strutture termali dell’Emila Romagna.” È importante ricordare che le strutture termali sono strutture autorizzate e accreditate dal Ministero della Salute e tutti i cittadini hanno diritto di effettuare ogni anno un ciclo di cure a carico del SSN.» Il 2021 segna una decisa ripresa dopo la pandemia, infatti l’avvio della stagione 2022 fa pensare a un recupero e un incremento del fatturato e delle presenze. Restano aperti due temi che possono fare la differenza sui risultati: l’andamento delle cure dell’apparato respiratorio di persone che sono state colpite in questi due anni da covid e l’altro il benessere termale condizionato dalla pandemia.

 

 

Ad agosto torna la Notte Celeste 

Il 27 agosto torna la “Notte Celeste” nelle Terme dell’Emilia Romagna, dedicata al benessere, alle acque curative e al Wellness in tutte le sue forme. In questa occasione le località termali e centri termali dell’Emilia si vestono a festa e propongono un cartellone ricco di appuntamenti che si estendono a tutto il week-end dal 26 al 28 agosto. I centri termali si colorano di celeste e propongono attività fino a tarda sera, dai trattamenti benessere allo scrub al sale celeste, all’ingresso ai percorsi e alle piscine termali. Tutto il territorio sarà coinvolto con spettacoli, animazione e musica.  Per informazioni sull’evento delle località e dei centri termali(www.lanotteceleste.it). 

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Hotel - Fiera Bolzano 2022

deGusto