Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 19 settembre 2021 | aggiornato alle 09:38 | 77941 articoli in archivio

Swisstainable, turismo sostenibile. Una Svizzera tutta da scoprire

Una nuova strategia per far conoscere le mille sfaccettature di un Paese ricco di natura. L’ambiente è uno dei suoi asset fondamentali, e inciderà sempre di più nella scelta della meta di vacanze

20 giugno 2021 | 10:30

Swisstainable, turismo sostenibile. Una Svizzera tutta da scoprire

Una nuova strategia per far conoscere le mille sfaccettature di un Paese ricco di natura. L’ambiente è uno dei suoi asset fondamentali, e inciderà sempre di più nella scelta della meta di vacanze

20 giugno 2021 | 10:30

Da sempre Svizzera Turismo concentra i suoi sforzi nell’intento di creare un equilibrio armonico tra le esigenze degli ospiti, della popolazione locale e dell’ambiente. Con la nuova strategia di sostenibilità Swisstainable, Svizzera Turismo e tutto il settore desidera dare vita a un movimento che faccia del Paese la meta di viaggio più sostenibile del mondo.

Svizzera e natura, binomio indissolubile Swisstainable, turismo sostenibile Una Svizzera tutta da scoprire

Svizzera e natura, binomio indissolubile


La sostenibilità contraddistingue infatti la Svizzera da decenni. Ad esempio, per l’uso intensivo dell’energia idrica, l’elevata consapevolezza della popolazione per l’ambiente, nonché per il potenziamento della rete di mezzi di trasporto pubblico su tutto il territorio nazionale. In Svizzera, inoltre,è possibile nuotare perfino in citta, una prerogativa unica nel suo genere. Con i suoi 1500 laghi,  è il castello d’acqua d’Europa e la sorgente di molti fiumi, tra cui ad esempio il Reno. Più di un ottavo della superficie della Svizzera (5269 km2) è composto da un totale di 19 parchi. Inoltre, la legge forestale prescrive da 125 anni che  il 30% del territorio sia ricoperto di boschi. E la tendenza è in aumento. Da sempre è un Paese celebre come stazione di climaterapia e vanta   il più  alto consumo pro capite di prodotti biologici al mondo. Secondo il Travel & Tourism Competitiveness Report 2019 del Forum economico mondiale (WEF), la Svizzera è prima in classifica nel settore “environmental sustainability”. Anche altre classifiche la premiano nel rispetto dell’ambiente. Tuttavia, solo una piccola parte degli ospiti è consapevole di questi primati della Svizzera.

Un fattore di arricchimento

La sostenibilità è quindi un asset prezioso che inciderà sempre di più nella scelta della meta di vacanze. Secondo uno studio condotto su booking.com, un turista su due preferisce viaggiare in modo piu sostenibile e il 69% degli intervistati auspica un numero maggiore di offerte turistiche sostenibili. Viaggiare in modo sostenibile non implica per forza delle rinunce. Un viaggio sostenibile vuol dire più consapevolezza, pienezza e intensità. Ed è proprio questo principio che si ritrova come filo conduttore della strategia Swisstainable. Si invitano pertanto gli ospiti a vivere da vicino la natura, consumare prodotti regionali, conoscere la cultura locale, prolungare il proprio soggiorno per approfondire la conoscenza del territorio. I soggiorni lunghi non solo influiscono positivamente sul riposo, ma anche sull’ambiente e sull’economia locale. In Svizzera, anche le valli più isolate sono raggiungibili con i trasporti pubblici. Ciò aumenta le possibilità di esplorare tutto il territorio. Un territorio, come vediamo di seguito, molto variegato.

Il giardino botanico sulla Schynige Platte

Prendendo la cremagliera fino allo Schynige Platte si arriva non solo a un’emozionante vista panoramica dei monti Eiger, Mönch e Jungfrau, ma si giunge anche a un giardino botanico molto speciale. Fondato nel 1927, è un’attrazione unica con oltre 720 specie di piante native delle Alpi svizzere che crescono nel loro ambiente naturale. Un sito di ricerca scientifica e conservazione ambientale a 1967 metri s.l.m., che offre la possibilità di osservare da vicino la bellezza, la varietà e i segreti della flora alpina.

La clinica olistica che punta sulla arrampicata

È invisibile, ma molto diffusa: la sindrome da Burnout. In Svizzera, i disturbi da esaurimento causato da stress sono trattati con terapie efficaci. Nella Clinica Holistica della Bassa Engadina, a Susch, a 1450 metri, anche la natura svolge un ruolo cruciale nel processo di guarigione. Questo centro, specializzato nella cura del Burnout, punta sull’arrampicata come terapia: un percorso sicuro in salita è ideale per vincere le paure e ritrovare la fiducia in sé stessi. Il ruolo del terapista è un po’ come quello della guida di montagna.

L’hotel salvato dagli ambientalisti

Il Grand Hotel Giessbach, complesso in stile Bell’Epoque, domina il Lago di Brienz ed è circondato da un parco naturale di 22 ettari dove scrosciano le cascate di Giessbach che con 14 salti si gettano nel lago. È dotato di molo privato da cui si prende la funicolare più antica d’Europa, costruita nel 1879. È oggi un hotel museo che custodisce l’eredità del passato negli arredi e nella tutela del paesaggio circostante. La sua storia è un inno alla sostenibilità: grazie all’ambientalista Franz Weber venne salvato dalla speculazione nel 1984 e grazie all’amore di tanti azionisti privati è riuscito a mantenere intatto il suo patrimonio architettonico e culturale. In epoca più recente un vecchio magazzino è stato trasformato in un giardino dove si coltivano piante, ortaggi e frutti classificati “Pro specie rara” che riforniscono la dispensa del ristorante Le Tapis Rouge. Si pratica anche l’apicoltura per servire a colazione solo miele locale.

La tradizione orologiera nella Vallée de Joux.

Viste panoramiche che abbracciano laghi e pascoli, boschi di conifere e le vette più alte del Giura: la Vallée de Joux è un invito a fare nuove scoperte e a rilassarsi. La valle è unica anche sul piano culturale: non vi è nessun altro luogo al mondo in cui si concentrino così tante conoscenze sull’arte orologiera in uno spazio così ridotto. Una tradizione di quasi trecento anni coltivata ancora oggi. Vi sono più di trenta fabbriche artigianali che producono orologi e sono note in tutto il mondo. Rappresentano la tradizione, l’artigianato, l’autenticità e la swissness. All’«Espace Horloger» di Le Sentier, su più di 400 metri quadrati, sono esposti oltre 130 degli orologi più belli prodotti nella valle.

Sono circa 1500 i laghi in territorio elvetico Swisstainable, turismo sostenibile Una Svizzera tutta da scoprire
Sono circa 1500 i laghi in territorio elvetico

Il trail dedicato a Guglielmo Tell

La nuova escursione a tappe “Tell Trail” parte da Altdorf e giunge al Brienzer Rothorn dopo aver attraversato la regione del Lago di Lucerna. Durante otto tappe si incontrano laghi montani, villaggi ricchi di storia e le Big 6 delle montagne della Svizzera centrale: Fronalpstock (Stoos), Rigi, Pilatus, Stanserhorn, Titlis e Brienzer Rothorn. La varietà di flora e fauna e lo spettacolare panorama montano accompagnano lungo tutto il tragitto.

La traversata Monte Tamaro – Monte Lema

L’escursione in cresta dal Monte Lema al Monte Tamaro è ormai un classico tra i percorsi d’alta quota. La vista spazia dalla Leventina alle valli circostanti, per terminare con le Alpi vallesane a ovest e quelle grigionesi a est. Un’escursione in quota di 13 km, che prevede solo due salite un po’ impegnative: quella al Monte Gradiccioli e, verso la fine, quella che porta al Monte Tamaro. Chi non se la sente, può aggirare questi due tratti faticosi. Invece non c’è altro sentiero che permetta di evitare la salita alla Capanna Tamaro, poco sotto la cima. Il rifugio è abbarbicato sul pendio e serve specialità fatte in casa accompagnate dalla vista dalla terrazza soleggiata.

Sulle tracce del cembro: la Via Engiadina

Il sentiero in quota “Via Engiadina” percorre l’Alta Engadina da Maloja a Zernez attraversando paesini con le tipiche case engadinesi e centenari boschi di pino cembro. Il legno di cembro diffonde nell’ambiente un profumo aromatico e ha un effetto rilassante. Suddiviso in cinque tappe, attraversa Silvaplana, Celerina, Bever e Zuoz e poi giunge a Zernez (punto da cui prosegue verso la Bassa Engadina per raggiungere Vinadi). Il percorso invita a pernottare e a degustare le proposte gastronomiche nelle tradizionali Stu¨vas.

La Via Francigena

È la più importante strada di pellegrinaggio europea dal Medioevo. In Svizzera si snoda attraverso i paesaggi del Giura e delle Alpi; straordinaria è soprattutto la tappa sul Gran San Bernardo. Dal 1300 è la principale strada di pellegrinaggio europea che attraversa la Svizzera. Il sentiero da Sainte-Croix a Vuiteboeuf costeggia i tratti solcati dalle ruote dei carri, peculiari della Svizzera, per poi seguire la placida Venoge fino al Lago di Ginevra. Da Losanna, la Via Francigena si snoda attraverso i vigneti di Lavaux fino all’ansa del Rodano. Dall’antica città di Octodurus, il sentiero serpeggia attraverso la strettoia formata dalla selvaggia Dranse fino al versante settentrionale del Passo del Gran San Bernardo. Nella Val d’Entremont, il sentiero è punteggiato da borghi medievali e culmina nella famosa Combe des Morts.

Quello che molti non sanno è che la Svizzera è anche una roccaforte della gastronomia basata sulla natura, dove la regionalità e la sostenibilità diventano parte del piacere. In questa selezione si spazia dai menu a chilometro zero a basse emissioni alla pura cucina biologica, che mette la natura nel piatto in modo sostenibile.

La Svizzera è una roccaforte della gastronomia basata sulla natura  Swisstainable, turismo sostenibile Una Svizzera tutta da scoprire
La Svizzera è una roccaforte della gastronomia basata sulla natura


Kartause Ittingen, ristorante autosufficiente

Il ristorante Mu¨hle utilizza il formaggio Kartause fatto in casa, fresco o stagionato, i propri vini, la birra Ittingen, il pesce o la frutta dei dintorni. I piatti fatti con gli ingredienti della fattoria possono essere identificati dal menu a chilometro zero, come l'hamburger di manzo, formaggio della fattoria, pancetta e panna acida Ittinger, che arriva in un panino fatto in casa.

Magdalena: il ristorante stellato che ricicla i fondi di caffè

Pochi ristoranti in Svizzera combinano sostenibilità e cucina ambiziosa così bene come fanno lo chef Dominik Hartmann e il suo team sopra Schwyz. Evitano prodotti come il pesce di mare, la carne gioca solo un ruolo minore, lavorano intensamente con i produttori regionali e creano qui un dessert a partire da prodotti smaltiti altrove, come i fondi di caffè. Hartmann vanta due stelle Michelin.

Una natura non solo nel piatto, anche da scoprire tra parchi e riserve naturali.

A piedi nel Parco Nazionale

Tutti i sentieri nel Parco Nazionale della Svizzera promuovono il ritorno alla natura. Creato già nel 1914, con i suoi 80 km di sentieri dotati di segnaletica è un vero paradiso escursionistico. Chi visita la regione del Parco Nazionale fra la Bassa Engadina e la Val Mu¨stair non giunge lì per caso. Bisogna volerlo, perché questa regione situata sulla punta sudorientale del Paese è veramente discosta, anche se la galleria della Vereina facilita un po' le cose. All'escursionista consente di esplorare un paesaggio naturale, che in quanto a varietà e bellezza idilliaca non teme confronti. I contrasti non mancano: da un lato i sentieri di montagna scavati nella roccia nella gola Uinaschlucht, dall'altro la camminata sul fondovalle della Val Mu¨stair. O ancora, la ripida salita nella selvaggia Val Cluozza e il comodo sentiero nella Val Mora, i lariceti tra Zernez e Lavin e il turchese dei laghetti montani sul Sesvennapass.

Pasaggi a perdita d'occhio per ogni tipo di escursione Swisstainable, turismo sostenibile Una Svizzera tutta da scoprire
Panorami a perdita d'occhio: itinerari per ogni tipo di escursione


Il progetto di riserva forestale nella Valle di Lodano

A soli 15 chilometri da Locarno sorge il paesino in pietra di Lodano. Tutto intorno è circondato da una grande riserva. Gli antichi faggeti della Valle di Lodano hanno avuto un’eccezionale sviluppo ecologico dall’ultima glaciazione. E sono quindi un esempio eccezionale inserito nella lista ufficiale per il riconoscimento come patrimonio mondiale dell’Unesco. Niente quindi è come salire e scendere lungo uno dei quattro sentieri dell’ancora sconosciuta Valle di Lodano e scoprire una moltitudine di vetusti faggi.

La foresta vergine della Muotatal

Con 600 ettari il bosco di Bödmeren  nella Muotatal, nel Canton Svitto, è considerato il più esteso bosco di abeti rossi con carattere di foresta vergine dell’intero spazio alpino. È simile a una foresta vergine, perché il bosco di Bödmeren non ha subito alcuna attività antropica. Il bosco si estende su un ampio paesaggio carsico solcato da grotte. Un mondo selvatico e scosceso, in cui un albero su tre ha tra i 250 e i 400 anni, il più vecchio addirittura 500. Una benefica oasi verde.

Parco naturale del Gantrisch

Il Parco naturale del Gantrisch e l’omonima vetta si trovano nel triangolo delimitato dalle città di Berna, Thun e Friburgo. In brevissimo tempo gli amanti della natura possono raggiungere boschi sconfinati, prati incontaminati e gole profonde. Il modo migliore per scoprire il territorio è fare un’escursione o un tour in bici, per esempio sul sentiero panoramico, sul sentiero in quota della Gu¨rbetal, sul percorso didattico naturale di Grasburg, nel paesaggio intatto di Brecca o nell’imponente gola dei fiumi Sense e Schwarzwasser. Imperdibile la visita al parco avventura del Gantrisch o al sentiero di arrampicata sul Gurnigel. E per ristorarsi si può andare al caseificio dell’alpe della famiglia Mäder e assaggiare ormaggi d’alpeggio o accomodarsi nel bistro Irmas Mahlwerk presso la Dittligmu¨hle. Altri piaceri culinari sono assicurati dalle oltre 200 specialità regionali contrassegnate con il marchio del Parco naturale del Gantrisch.

Per informazioni: www.myswitzerland.com


© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali