Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 17 novembre 2019 | aggiornato alle 06:14| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli

Firenze, il Caffè Giubbe Rosse
diventa “bene culturale” da tutelare

Firenze, il Caffè Giubbe Rosse 
diventa “bene culturale” da tutelare
Firenze, il Caffè Giubbe Rosse diventa “bene culturale” da tutelare
Pubblicato il 12 agosto 2019 | 16:16

Il riconoscimento per lo storico bar degli artisti è arrivato a pochi giorni dal passaggio di proprietà sancito pochi giorni fa dal tribunale. Fondato nell’Ottocento, fu ritrovo dei pittori futuristi e di Eugenio Montale.

A Firenze lo conoscono tutti, ma anche nel resto d’Italia le tovaglie, e soprattutto le divise rosse dei suoi camerieri, sono entrate ormai da tempo nell’immaginario collettivo. Un immaginario che riporta, al solo pensiero del Caffè Giubbe Rosse, alle sue celebri frequentazioni che risalgono ormai al primo Novecento.

La storica insegna del locale, già posta sotto tutela (Firenze, il Caffè Giubbe Rossediventa bene culturale da tutelare)
La storica insegna del locale, già posta sotto tutela

Sede fissa dei Futuristi e culla delle più importanti riviste culturali del secolo scorso, il locale è ora diventato un “bene culturale da tutelare”. Lo ha stabilito con un decreto il ministero dei Beni Culturali. Nell'atto il Mibac sancisce la tutela dello storico locale.

Fondato nel 1897 come Birreria Fratelli Reininghaus, il caffè prese il nome attuale dalla divisa dei camerieri: giacche rosse, all'uso viennese. Diventò sede fissa dei futuristi fiorentini (tra loro, Giovanni Papini, Ardengo Soffici, Aldo Palazzeschi) e negli anni successivi è stato punto di ritrovo per gli intellettuali gravitanti attorno a riviste come Lacerba, La Voce, Il Selvaggio, Solaria: da Luzi a Vittorini, da Bonsanti a Saba, da Rosai a Montale. Per questo il caffè «rappresenta una testimonianza tangibile dell'atmosfera e del fervore intellettuali che animavano Firenze nel corso del Novecento e costituisce dunque un forte valore identitario», questo il parere della Soprintendenza espresso nel documento presentato al ministero per chiederne la tutela.

Il decreto del Mibac va a rafforzare le tutele di cui le Giubbe Rosse già godevano come esercizio storico certificato dal Comune di Firenze, col vincolo sugli arredi come l'insegna e la vetrata storica incorniciata in legno, le boiserie e i banconi in legno scuro degli anni Trenta, le lampade e le appliques complete di paralume in tessuto rosso: un vincolo già previsto nel bando di gara stilato dalla curatela fallimentare. Un’ombra, quest’ultima, che sembra ormai definitivamente superata con l'assegnazione, seppure ancora provvisoria del caffè da parte del Tribunale di Firenze, alla società Scudieri, controllata attraverso il gruppo senese Nannini dal magnate kazako Igor Bidilo.

Per informazioni: www.giubberosse.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


bar pub Firenze il Caffe Giubbe Rosse diventa bene culturale tutelare soprintendenza ministero beni culturali mibac futurismo eugenio montale tovaglie rosse toscana Giovanni Papini Ardengo Soffici Aldo Palazzeschi mario luzi elio vittorini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).