Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 22 novembre 2019 | aggiornato alle 06:53| 62165 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli

Dal carcere alla cucina
Capasso apre una pizzeria tutta sua

Dal carcere alla cucina 
Capasso apre una pizzeria tutta sua
Dal carcere alla cucina Capasso apre una pizzeria tutta sua
Pubblicato il 25 ottobre 2019 | 18:06

Dal Nisida ad un locale come segno di riscatto sociale. Il giovane pizzaiolo napoletano ce l’ha fatta, a 30 anni, ad aprire “Casa Capasso” a Napoli, pizzeria e trattoria tipica.

È una storia di riscatto sociale quella di Enzo Capasso, un ragazzo che ce l’ha fatta passando tra le mille difficoltà di una Napoli talvolta tentacolare. Oggi ha 30 anni, fa il pizzaiolo di mestiere ed ha aperto “Casa Capasso”, una pizzeria e trattoria tipica nel cuore della città in via dei Tribunali.

Enzo Capasso (Dal carcere alla cucina La storia di Enzo Capasso)
Enzo Capasso

La via percorsa per arrivare al successo è stata molto tortuosa. Iniziando da un’adolescenza difficile, colpa di un padre che lo abbandonò al suo destino per dedicarsi al gioco d’azzardo, tanto da sperperare un risarcimento di un incidente stradale da 400 milioni di lire in poco meno di sei mesi. La mamma, casalinga, tra debiti e vendita di prodotti casalinghi tenta di tirar su al meglio i suoi ragazzi nella casa di via San Giovanni, sacrifici su sacrifici fino al 2005 quando purtroppo muore per una trasfusione di sangue infetto, lasciando Enzo 16enne praticamente solo quando già da qualche anno aveva abbandonato la scuola per lavorare e per “portare soldi a casa”.

Un’adolescenza dura, lavorando prima in un bar per poi infornare pizze dal Presidente, ma la strada e qualche amicizia sbagliata lo conducono ad essere arrestato in flagranza di reato per una rapina, lui che mai aveva fatto uso di droga o alcol, neanche una sigaretta. «Gli anni di Nisida - racconta Enzo - sono stati duri. Mi seguiva l’assistente Giusy Imbimbo. Nessuno veniva a trovarmi, solo la mia fidanzata Marianna. Ricordo che il giudice Marina Ferrara era cattivissima con me, non voleva farmi uscire più. Intanto facevo corsi di ceramica e altre forme d’arte, sempre con voti altissimi. Pensavo di aver rovinato per sempre la mia vita, ma mi diedero 48 ore di tempo per uscire e trovare un lavoro. Ho fatto due anni di volontariato, ho lavato e accudito barboni nella mensa delle suore di Calcutta. Intanto tramite un amico riuscii fui preso nella pizzeria Aiello al Museo. Vinsi un premio a Nisida e con l’assegno di 1.800 euro comprai uno scooter che mi serviva per andare al lavoro».

E allora lì la vita svolta, Enzo sposa la sua fidanzata, inizia a lavorare al Pomodorino di Piazza Municipio dove produce una media di 500 pizze al giorno. Dai 19 fino ai 27 anni mette da parte tutti i soldi guadagnati. Nel 2013, poi passa a lavorare da For o mar sul Lungomare dove inizia a frequentare la “Napoli bene” tra giudici, calciatori, medici. Lì conosce un procuratore di calcio, Vincenzo Pisacane, con il quale decide di aprire “Casa Capasso” nello stabile dove lavora con la sua famiglia, con moglie e il figlio di 10 anni, in via dei Tribunali 292. «Quando ero piccolo la gente scappava da questo quartiere per i numerosi atti di criminalità, oggi è cambiato ed ho deciso di aprire il mio locale nelle strade dove sono nato».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristorante pizzeria restaurant napoli pizza carcere nisida tribunali enzo capasso

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).