Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 25 settembre 2021 | aggiornato alle 16:53 | 78143 articoli in archivio

Cucina italiana con «influssi dal mondo» da Burkhard Bacher al Kleine Flamme

di Alberto Lupini
direttore
26 febbraio 2019 | 15:14

Cucina italiana con «influssi dal mondo» da Burkhard Bacher al Kleine Flamme

di Alberto Lupini
direttore
26 febbraio 2019 | 15:14

Il cuoco altoatesino ha riportato da ogni parte del mondo stili e gusti che arricchiscono oggi i suoi piatti nel ristorante di Vipiteno (Bz).

Il cuoco altoatesino ha riportato da ogni parte del mondo stili e gusti che arricchiscono oggi i suoi piatti nel ristorante di Vipiteno (Bz).

Con Burkhard Bacher in cucina e la moglie Annelies in sala (in realtà entrambi in sala vista la cucina totalmente a vista), il Kleine Flamme è una tappa irrinunciabile per una cucina che a ben ragione si può definire ricercata e inusuale.

(Cucina italiana con «influssi dal mondo» da Burkhard Bacher al Kleine Flamme)

Il ristorante è divenuto nel tempo un'istituzione nel panorama ristorativo altoatesino, risultato raggiunto dopo un percorso lungo e non facile: «Siamo stati forse i primi a portare una proposta di questo livello in Alto Adige. All'inizio è stata dura, la nostra non è una cucina "normale", stabile. Per sintetizzare la definirei mediterranea, ma contaminata da influssi provenienti da tutto il mondo». Una proposta quasi "fusion", ma in realtà assolutamente italiana per gusto e varietà di ingredienti.

(Cucina italiana con «influssi dal mondo» da Burkhard Bacher al Kleine Flamme)
Cappesanta arrostita con polenta al chili, riso venere, bisi e pomodoro

Per quasi 21 anni tante tradizioni - italiana, tailandese, giapponese o francese - sono state unite armoniosamente in quelli che non sono solo piatti, ma opere d'arte culinaria. «Siamo partiti dall'Italia, poi ricordo la Germania, tutta l'America e il Belgio. Tante cose abbiamo appreso anche in Oriente, da Hong Kong a tutta la Cina, da Macao a Singapore. E ovviamente non poteva mancare la Francia». Ed ecco allora pesce e spezie, frutta e verdura, erbe fresche ed erbe secche, tutti prodotti che ad ogni menu cambiano vita, richiamano sapori lontani o vicini, immagazzinati da Burkhard nella mente dopo tutti i suoi viaggi. «Ho sempre lavorato e ho sempre mangiato, non si vede?», scherza lo chef indicandosi la pancia.

(Cucina italiana con «influssi dal mondo» da Burkhard Bacher al Kleine Flamme)

Una sfida che ogni giorno soddisfa ospiti di tutte le nazionalità: «Tanti sono del posto, altri vengono dall'Austria o da Monaco. Ma non mancano quelli da tutta Italia e addirittura dall'Asia». A rendere ancora più intrigante e stimolante questa sfida è il carattere assolutamente familiare dello "staff". In cucina solo Burkhard, in sala solo la moglie Annelies: una situazione unica in Italia, possibile grazie al «tanto amore per il lavoro», al «tanto impegno» ha spiegato Annelies. Una donna capace di ricordare anche i minimi dettagli di ogni cliente, così da farlo sentire come a casa propria.

(Cucina italiana con «influssi dal mondo» da Burkhard Bacher al Kleine Flamme)

Una situazione, se vogliamo, anche non facile nella gestione; ma non hanno dubbi i due titolari del Kleine Flamme, tornassero indietro rifarebbero tutto allo stesso modo. «Se abbiamo ottenuto questo fino ad oggi, ora non possiamo mollare», ha detto all'unisono la coppia felice. «Abbiamo questa cucina, questa "linea" - ha aggiunto Annelies - che è una firma di mio marito», il quale non ha mai voluto cambiare filosofia in cucina, che anzi se mai si trovasse nella situazione di doverla trasformare, preferirebbe chiudere.

(Cucina italiana con «influssi dal mondo» da Burkhard Bacher al Kleine Flamme)

Il Kleine Flamme ha pochi coperti ma ben distribuiti nel piccolo locale arredato con eleganza e ricavato da una vecchia cantina in un cortile della strada porticata di Vipiteno (una delle più belle vie dell'arco alpino). La cucina è più che a vista: uno spazio separato dai tavoli solo da un bancone con delle vetrate basse. E del resto la trasparenza è una delle colonne portanti del locale. Se d'inverno a farla da padrone è proprio questa particolare "disposizione", d'estate gli ospiti possono usufruire di un piccolo ma pittoresco Giardino delle Erbe. Per diversi anni, a cominciare dal 2010, il ristorante aveva avuto una stella Michelin.

Per informazioni: www.kleineflamme.com

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       




Consorzio Vini Abruzzo