Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 15 novembre 2019 | aggiornato alle 16:51| 62042 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Cucina mantovana “come un tempo”
da 41 anni al ristorante Ambasciata

Cucina mantovana “come un tempo” 
da 41 anni al ristorante Ambasciata
Cucina mantovana “come un tempo” da 41 anni al ristorante Ambasciata
Pubblicato il 18 marzo 2019 | 10:42

Quella dello stellato Romano Tamani è vera cucina italiana, tramandata nei secoli e rinata ogni giorno all’Ambasciata.

41 anni non sono pochi. Cambiano mode e cambiano tendenze, «cambia l'ospite - spiega Romano Tamani - e cambiano le cucine. Con l'attuale filosofia del mondo della ristorazione, noi alleggeriamo e veniamo incontro al cliente», ma rispettando il valore di uno stile italiano. Una grande passione quella di Romano per il proprio mestiere, che continua anche dopo un'esperienza traumatica come la recente aggressione subita da quattro malviventi all'interno del suo stesso locale. Un impegno tra i fornelli che ne ha fatto uno dei custodi più autentici dell’alta cucina italiana.

(Cucina mantovana come un tempo da 41 anni al ristorante Ambasciata)

Nonostante le cose possano essere diverse tra i fornelli dopo quasi mezzo secolo, nonostante esistano novità come ad esempio i vegani, «che 40 anni fa non esistevano», ma che comunque sono da soddisfare, per Romano Tamani «è sempre bello cucinare, anche con il tempo che passa». Il segreto di tutto questo amore per il mestiere e per la cucina in generale sta in una presa di coscienza inalienabile: «La tradizione rimarrà sempre la stessa». È questo un principio cardine dell'Ambasciata: piatti alleggeriti, certo, rielaborati e, perché no, nobilitati, ma tutti figli di una tradizione emiliano-mantovana ancora viva nelle mani di Romano Tamani, che ancora ricorda «quando la stufa si doveva accendere con la legna verde».

Romano può essere considerato uno dei pilastri di una tradizione a tavola che è fatta anche di un’accoglienza che si rifà alla nostra cultura e per questo non disdegna tappeti, fiori o argenti per dare più valore al rito di un pranzo o di una cena con amici o parenti. Per molti versi l’Ambasciata è quasi un tempio della cucina italiana in cui la faraona, le lumache o il coniglio restano centrali, e Romano ne è il gran sacerdote o l’abate che vigila sulla tradizione. E con l’aria serena e rassicurante parla dei suoi piatti un nonno affezionato ai suoi nipoti.


E se la cucina rimanda con la giusta dose di nostalgia alla genuinità dei piatti del passato, anche la sala come detto non si slega dalla tradizione. Partendo dal presupposto che «quello che mangiavano una volta - dice Carlo Tamani - mangiano anche adesso e quello che bevevano una volta bevono anche adesso», il maitre sommelier dell'Ambasciata porta avanti, per quanto possibile, il servizio com'era inteso nei decenni passati, vale a dire «servire le frittate con le padelle, tagliare noi le anatre, i vitelli...», insomma, sporzionare in sala. «Perché altrimenti cos'è il cameriere? - si domanda retoricamente Romano - soltanto un porta-piatti?». Usi e costumi di un tempo per i camerieri di oggi sopravvivono, quindi, con la differenza che «una volta quando si serviva - specifica Carlo - c'era più calma». E in questo Carlo è un interprete, come il fratello Romano, di una sorta di ortodossia senza la quale non si potrebbe parlare di stile italiano a tavola.


Cosa, oggi come allora, viene servito in tavola all'Ambasciata? «I piatti della tradizione». Li cita uno ad uno, Romano Tamani: «Dalla Frittata con le cipolle alla Faraona con l'uva fino all'Anatra con le ciliegie, dal Pavone al cotechino coi fagioli alla polenta». Tutto a portata di mano, tutti prodotti di cui la Food Valley è ricca, un luogo dove «c'è praticamente tutto».

Per provare questa tradizione vengono da tutta Italia, così come dall'estero, «americani e tedeschi, passa un po' di tutto qui», racconta Romano. Tanti vengono appositamente per l'Ambasciata. E tutti coloro che si siedono ai tavoli dell'Ambasciata «non sono solo clienti che spendono - chiarisce Carlo - ma ospiti che come tali vanno coccolati».


Con un'esperienza ben radicata nel territorio e duratura nel tempo, l'Ambasciata può davvero dirsi ad oggi un'istituzione nel settore ristorativo italiano, e Carlo e Romano ne sono i rappresentanti, sono - come lo chef stesso esordisce - «due bandiere italiane». Ma anche le bandiere invecchiano e hanno bisogno di trovare qualcuno che le sostituisca, che ne raccolga il retaggio. I figli di Carlo potrebbero essere le persone giuste, ma ancora è tutto da definirsi; per ora Carlo ricorda che all'Ambasciata «ci sono ancora i Tamani».

foto: Lido Vannucchi

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Ambasciata Romano Tamani Carlo Tamani tradizione Mantova cucina italiana cucina mantovana faraona cotechino pavone ristorante restaurant stella Michelin

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).