Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 17 novembre 2019 | aggiornato alle 06:46| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
di Monica Di Pillo
Monica Di Pillo
Monica Di Pillo
di Monica Di Pillo

Acquolina, debutta Daniele Lippi
In cucina nel segno di Narducci

Acquolina, debutta Daniele Lippi 
In cucina nel segno di Narducci
Acquolina, debutta Daniele Lippi In cucina nel segno di Narducci
Pubblicato il 21 giugno 2019 | 12:14

Esordio in grande stile per il nuovo cuoco del ristorante stellato capitolino, ricordando Alessandro Narducci che con Angelo Troiani è stato socio fino alla scomparsa di un anno fa.

Daniele Lippi, classe 1990, ha fatto il suo debutto al timone della cucina di Acquolina, il ristorante gourmet dell’hotel The First Roma Arte, di via del Vantaggio, che dal 2009 ha conquistato l’ambita stella Michelin. In cucina è entrato nel segno di Alessandro Narducci, il socio di Troiani morto il 22 giugno 2018.

Daniele Lippi (Acquolina, debutta Daniele Lippi In cucina nel segno di Narducci)
Daniele Lippi

Cresciuto alla scuola dei fratelli Troiani, per 9 anni presso il Convivio, head chef dal 2015, Daniele Lippi perfeziona il suo stile con varie “incursioni” ai vertici del panorama stellato internazionale, da Yannick Alléno - Pavillion Ledoyen, Paris a Enrico Crippa, Piazza Duomo fino a Grant Achat, presso Alinea Restaurant di Chicago e ancora in Spagna con Paolo Casagrande al Lasarte di Martin Bersategui.

L’arrivo di Daniele Lippi conferma da una parte continuità con la gestione di Angelo Troiani, ma nello stesso tempo rivendica il desiderio di sperimentare e di innovare, di sorprendere e divertire, di padroneggiare la tecnica e di lasciarsi guidare dalla fantasia. Chi conosce la cucina di Daniele Lippi sa che non si annoierà.

Con i suoi 28 anni, Daniele è curioso, ha ancora voglia di giocare, il suo sguardo è lieve ma acuto: «Non mi prendo mai troppo sul serio - dice - ma prendo la cucina molto sul serio. Ho troppo rispetto per questo lavoro, cosa c’è di più importante del cibo? Ma la vita è anche leggerezza e voglia di guardare oltre le apparenze».

Acquolina (Acquolina, debutta Daniele Lippi In cucina nel segno di Narducci)
Un tavolo da Acquolina

Oltre le apparenze, una specie di mantra per Daniele, capace di servirci un carciofo che in realtà è un topinambur, di far giocare midollo e capasanta allo scambio dei ruoli, di far vestire l’anguilla da costina di maiale. Acrobazie? Espedienti? Niente di tutto ciò. Daniele è a suo modo poetico trasformando un tubero che vive sottoterra in un fiore che si apre al sole. Si lascia sorprendere dai sensi, il gusto di un vegetale che ne richiama un altro, la vista di un prodotto che gli ricorda la forma di un altro, il profumo di un ingrediente che lo riporta in uno scenario diverso e poi insegue un’idea e la realizza con maestria e senso estetico.

«Daniele vuole sorprenderci con il miglior cibo possibile ma farci sognare - dice Andrea La Caita, general manager e partner di Acquolina - abbiamo sempre scommesso sui giovani, l’arrivo di Daniele Lippi come head chef è la conferma in chiave evolutiva del percorso di Acquolina, che si è guadagnata sul campo un’ottima reputazione nello scenario della ristorazione contemporanea capitolina».

Topinambur come un carciofo (Acquolina, debutta Daniele Lippi In cucina nel segno di Narducci)
Topinambur come un carciofo

La brigata in cucina è confermata - con una new entry, il pastry chef Pier Simone Guarino - così come in sala, con Benito Cascone, restaurant manager e Emanuele Pica, head sommelier. Il menu firmato da Daniele Lippi che oltre al pesce ha offerto anche piatti di carne e vegetariani con un menu degustazione “Bosco e Riviera” in omaggio all’amico Alessandro Narducci. Forse il modo migliore per capire lo spirito della nuova cucina di Acquolina è sentire lo chef che racconta uno dei suoi piatti: topinambur come un carciofo.

Il concetto di questo piatto è legato alla tradizione romana, ad un tubero che vuole diventare un fiore, alla rinascita e al voler arrivare a vedere la luce. Tecnicamente la storia nasce, in un bel giorno di inizio estate, quando i carciofi erano finiti, e non ci siamo persi d’animo e abbiamo voluto cercare in un ortaggio il sapore, la struttura del carciofo e l’aspetto visivo. Qual è l’ortaggio che si avvicina di più al carciofo? Nel linguaggio comune il topinambur si definisce “una patata che sa di carciofo”, da qui il nome inglese “jerusalem artichoke”. Dopo la selezione del prodotto arriviamo a dargli la struttura e il sapore sempre più vicino alla tradizione del carciofo alla romana. I topinambur vengono affettati finemente ottenendo delle foglie, che vengono cotte sottovuoto con olio, prezzemolo, mentuccia e aglio (qui troviamo la tecnica della tradizione romana) dopodiché viene formata una rosa con le fette di topinambur e viene fritta non per immersione ma versando olio bollente (qui troviamo la tecnica della giudia) in modo da farlo aprire come se fosse un carciofo.

Alla base abbiamo una crema di topinambur che non subisce caramellizzazione e andiamo a reinterpretare il cuore del carciofo molto dolce. In superficie poniamo il ripieno di aglio prezzemolo e mentuccia. E andiamo a glassare con un fondo di topinambur, ottenuto con la sola caramellizzazione delle bucce, poi ridotte come se fosse un fondo di carne. Così facendo concentriamo gli zuccheri e le pectine di topinambur e conferiamo al piatto una nota amara e di liquirizia, proprietà molto vicina al carciofo.

Per informazioni: www.acquolinaristorante.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristorante pizzeria restaurant daniele lippi acquolina alessandro narducci roma cucina menu debutto topinambur carciofo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).