Sofidel Papernet
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 07 agosto 2020 | aggiornato alle 21:02| 67135 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
di Guido Gabaldi
Guido Gabaldi
Guido Gabaldi
di Guido Gabaldi

Sine, il ristorante “gastrocratico”
di Roberto Di Pinto a Milano

Sine, il ristorante “gastrocratico” 
di Roberto Di Pinto a Milano
Sine, il ristorante “gastrocratico” di Roberto Di Pinto a Milano
Pubblicato il 02 luglio 2019 | 17:49

Un ristorante d’atmosfera senza tovaglie; un appuntamento da gourmet senza arredo firmato; quasi un bistrot dove si serve alta cucina, un po’ “napoletanizzata”.

Come stanno insieme tutti questi ossimori? Bisognerebbe chiederlo a Roberto Di Pinto, patron e chef del primo ristorante milanese e gastrocratico sito in viale Umbria, il “Sine”, che in latino sta per “senza”.

La sala del ristorante Sine di Milano (Sine, il ristorante gastrocratico di Roberto Di Pinto a Milano)
La sala del ristorante Sine di Milano

Di Pinto entra prestissimo in cucina, a partire dai suoi 16 anni, da garzone nella pasticceria Scaturchio di Napoli per poi continuare con la preparazione dei classici dolci partenopei. Subito dopo entra nel mondo Starwood, rinomata catena alberghiera con la quale gira mezzo mondo, muovendosi dai ristoranti stellati “Fiore” e “Conservatory” di Londra per poi tornare in Italia a Firenze al Grand Hotel.

Poi ancora verso nord, a Milano, con il Diana Majestic ma soprattutto con Nobu, prima di approdare a Parigi nel 2000 con Beltramelli, allievo di Marchesi e di Ferran Adrià: è l’occasione per approfondire le tecniche legate alla cucina molecolare. Prima sous-chef e poi chef executive al Bulgari, a cavallo tra i due ruoli ha l’incontro della svolta, quello con Gennaro Esposito alla “Torre del Saracino”, dove riscopre il valore e la meraviglia della cucina di casa. Dopo altre esperienze in Africa ed Estremo Oriente lo ritroviamo qui a Milano, con un locale tutto suo, che si caratterizza per una mancanza: “Sine”, appunto.

Roberto Di Pinto (Sine, il ristorante gastrocratico di Roberto Di Pinto a Milano)
Roberto Di Pinto

Lo chiediamo proprio a lui, per non azzardare interpretazioni: a cosa si rinuncia, da Roberto Di Pinto?
«Al lusso, a un certo tipo di esteriorità di cui si può fare a meno - risponde Roberto con un accento napoletano ingentilito dal viaggiare - Ho lavorato per tanti anni in un mondo un po’ altolocato, diciamo così, fra hotel e ristoranti di notevole livello, e mi son convinto che per fare al meglio il mestiere di chef e divulgatore bisogna allargare i confini. Niente tovaglie costose da mandare in lavanderia, dunque; niente fiori sulle tavole; arredi, posate e bicchieri eleganti ma sobri; e pure la collocazione, viale Umbria, non costa come il quadrilatero della moda. I miei spazi ospitano 35 coperti, dato che le piccole dimensioni aiutano. Queste accortezze mi permettono di offrire tutti i giorni un vero menu “gastrocratico” di 5 portate, per gourmet esigenti, a 45 euro, più un calice di vino a 5 euro. E poi tutti i martedì c’è un tavolo riservato agli under 25, con un menu degustazione a 35 euro, perché bisogna dare la possibilità ai giovani di acculturarsi con la gastronomia d’autore. Ero curioso e affascinato da questo mondo, ai miei tempi: perché non dare alle nuove generazioni la possibilità di crescere?».

Ogni martedì da Sine gli under 25 possono provare un menu a 35 euro (Sine, il ristorante gastrocratico di Roberto Di Pinto a Milano)
Ogni martedì da Sine gli under 25 possono provare un menu a 35 euro

Questo il mancante, Roberto: veniamo alle presenze.
«Gli ingredienti al top della gamma, anzitutto, e poi la continua ricerca, la fantasia in cucina che sintetizza l’esperienza fatta in giro per il mondo, la rigorosa preparazione del personale di sala, ecco quello che non deve mancare. C’è molta ricerca dietro ogni piatto riportato in menù.  E ancora qualcos’altro che potrebbe perdersi, una specialità tutta italiana di cui dovremmo andare più orgogliosi: l’ospitalità noi ce l’abbiamo nel sangue, e guai a nascondere questi tratti preziosi, che ci distinguono. Dico sempre ai miei collaboratori che bisogna far sentire le persone a proprio agio, quasi fossero a casa loro, ed anche i piatti vanno pensati in modo da avere sapori riconoscibili. Cucinare come lo si farebbe per la propria mamma».
    
Abbiamo ordinato le capesante con peperone arrostito, salame napoletano e limone candito, un po’ semicrude e un po’ flambée: poco riconoscibili, per la verità, ma erano così sfiziose da essere meritevoli di perdono, per questa digressione nel francese con ascendenze napoletane. Una raffinatezza che sfida il sushi e, forse, lo supera. I mezzi paccheri con rana pescatrice, limone candito e datterini erano qualcosa di più democratico, non certo popolare perché sarebbe un’esagerazione: ottimo tentativo di rivisitare la pasta col pesce, lasciando profumi e sapori in primo piano. Quanto al diaframma al barbecue con cipolla caramellata, ravioli di guanciale e wasabi napoletano, qui siamo di nuovo nell’insolito, a cominciare dal diaframma di manzo, introvabile in un qualsiasi ristorante, popolare o stellato, etnico o barbecue-fiendly: davvero una rarità, con un leggero sapore di affumicato, ad evocare le feste in famiglia.

Piatti creativi al Sine di Milano (Sine, il ristorante gastrocratico di Roberto Di Pinto a Milano)
Piatti creativi al Sine di Milano

Roberto, cosa è rimasto dell’origine napoletana nella sua cucina?
«Bella domanda, che mi riporta all’età in cui delle mie radici gastronomiche non ne volevo sentire parlare: sono arrivato ad odiarle. Ma poi si matura e si capisce quali sono le ricchezze che ti porti dentro e hai il dovere di condividere, anche grazie agli insegnamenti dell’amico Gennaro Esposito, due stelle Michelin con la sua ‘Torre del Saracino’.  Quando si assaggia la sua minestra di pasta col pesce si intuisce che ci sono tradizioni che non devono cambiare, vanno tramandate semplicemente così come sono per i secoli a venire».

E noi cosa lasciamo in eredità ai gastronauti curiosi che vorranno visitare il “Sine”? La certezza che “gastrocratico” non vuol dire necessariamente economico. La delicatezza delle capesante vi costerà 18 euro, i mezzi paccheri 19  e il diaframma 25, prezzi non ancora da ristorante stellato ma ben avviati su quella strada. Ma ne vale la pena, anche perché siamo a Milano, la città più cara d’Italia a pari merito con Roma; ma se accettate che lo chef/patron Roberto Di Pinto vi faccia l’occhiolino, accettando la degustazione a 45 euro (addirittura 35, per il lettore imberbe), avrete fatto l’affare del mese. Con l’ospitalità e il calore della cucina del “Sine” compresi nel prezzo.

Per informazioni: sinerestaurant.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristorante pizzeria restaurant Sine ristorante gastrocratico Roberto Di Pinto Milano gualtiero marchesi gennaro esposito la torre del saracino paccheri rana pescatrice capesante

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®