Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 luglio 2020 | aggiornato alle 00:51| 66554 articoli in archivio
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

A New York si cena con cuochi vip
Piatti internazionali in scenari da urlo

A New York si cena con cuochi vip 
Piatti internazionali in scenari da urlo
A New York si cena con cuochi vip Piatti internazionali in scenari da urlo
Pubblicato il 28 dicembre 2016 | 16:40

Nella grande mela tanti cuochi vip provenienti da tutto il mondo hanno aperto locali originali in diverse zone della città. Per provarli tutti un gustoso tour è in programma dal 23 gennaio la NYC Restaurant Week

New York City conferma il suo ruolo di rilievo all’interno del panorama della ristorazione internazionale, con un’offerta sempre più ampia, variegata e di alto profilo. Tra le inaugurazioni degli ultimi mesi, principalmente all’interno di hotel e musei o in quartieri emergenti di Manhattan e Brooklyn, spiccano i ristoranti di celebrity chef come Carla Hall e Tom Colicchio, resi popolari dalla loro partecipazione a programmi televisivi, e i nuovi indirizzi di guru della ristorazione newyorkese, come April Bloomfield e Keith McNally.

A New York si cena con cuochi vip Piatti internazionali in scenari da urlo
 
«Gustare il piatto preparato da uno chef famoso è un’esperienza straordinaria che i visitatori di New York City possono provare in tanti nuovi ristoranti. Questi chef di talento continuano ad arricchire la scena culinaria della nostra città e a renderla sempre più interessante e competitiva», ha detto Fred Dixon, presidente e ceo di NYC & Company.
 
Tra i celebrity chef che hanno aperto un ristorante a New York City negli ultimi mesi, si menzionano:
 
Andrew Carmellini
Lo chef italo-americano Andrew Carmellini vanta nel suo curriculum diversi ristoranti a Manhattan, da Madison Square Park, a Soho e Noho. Recentemente ha inaugurato due spazi a Williamsburg, Brooklyn, all’interno del nuovo William Vale Hotel: Leuca, il ristorante principale, propone un menu ispirato ai piatti dell’Italia meridionale, mentre Westlight, rooftop bar al 22° piano dell’hotel, offre piccoli piatti in stile street food (leuca.com; westlightnyc.com)

Anne Burrell
L’esuberante chef bionda, famosa in America per il suo show Worst Cooks in America, aprirà il suo nuovo ristorante, Phil & Anne’s Good Time Lounge entro la fine dell’anno a Boerum Hill, Brooklyn. Il menu sarà ispirato alla cucina italiana e mediterranea e includerà pizzette grigliate e brasato di pollo servito con purea di mandorle. Il ristorante avrà una capienza di 85 coperti.

A New York si cena con cuochi vip Piatti internazionali in scenari da urlo

April Bloomfield
è una veterana della ristorazione di New York e proprietaria di diversi ristoranti di successo come The Spotted Pig, Breslin Bar e John Dory Oyster Bar. Il suo nuovo White Gold, nell’Upper West Side a Manhattan, è un ristorante con 38 posti a sedere e una macelleria. Oltre a carne e salumi fatti in casa, la macelleria venderà anche brodo di ossa e carne, Kombucha, sottaceti e altro ancora. (whitegoldbutchers.com)

Carla Hall
è conosciuta in America come concorrente di Top Chef e più recentemente come co-conduttrice di The Chew. Ora si sta affermando anche come ristoratrice, con l’apertura di Southern Kitchen nel Columbia Waterfront District a Cobble Hill, Brooklyn. Il suo cavallo di battaglia, l’hot chicken, è disponibile in diverse varianti, una più piccante dell’altra, da Hootie Hoot a Boomshakalaka. Il resto del menù comprende alcuni dei piatti preferiti della chef come banana pudding, pimento cheese e cavolo. (carlahallsouthernkitchen.com)

Dale Talde
è un personaggio televisivo di Top Chef e Top Chef: All Stars e proprietario di Talde, un ristorante di successo a Brooklyn. Il suo nuovo progetto, Massoni, ispirato alla cucina italiana, ha aperto nel novembre 2016 all’interno di Arlo Hotel NoMad a Midtown Manhattan. (massoninyc.com)

Harold Moore
è entrato nella ristorazione newyorkese lavorando in alcune delle più celebri cucine della città come Daniel, Jean-Georges e Commerce. Ha anche partecipato ai programmi televisivi The Dish e Knife Fight. A settembre di quest’anno ha aperto il suo ristorante Harold’s Meat + Three, all’interno di Arlo Hotel Hudson Square a downtown Manhattan dove è possibile ordinare un piatto a base di carne con tre contorni a scelta. (haroldsmeatandthree.com)

Ignacio Mattos e Thomas Carter
sono i ristoratori visionari che stanno dietro a successi come Estela e Cafè Altro Paradiso, quest’ultimo recentemente visitato dal presidente Obama. La loro nuova avventura si chiama Flora Bar and Coffe all’interno del nuovo museo Met Breuer nell’Upper East Side di Manhattan. Il Flora Bar è un ristorante prevalentemente di pesce e il menu comprende capesante, ravioli di aragosta e ricci di mare; mentre al Flora Coffee sono disponibili diverse opzioni per un pranzo veloce con sandwich e insalate. (florabarnyc.com)

A New York si cena con cuochi vip Piatti internazionali in scenari da urlo

Keith McNally
ristoratore newyorkese con un’esperienza trentennale conosciuto soprattutto per Balthazar, ha inaugurato a novembre 2016 Augustine presso il Beekman Hotel di Lower Manhattan. Il menu è caratterizzato da prodotti tipici delle brasserie francesi con diversi piatti del giorno. In linea con lo stile dell’hotel, Augustine è arredato con candelabri in ferro battuto e vetro colorato. (thompsonhotels.com)

Todd English
star del programma televisivo Cooking Under Fire, a ottobre 2016 ha aperto il suo primo concept restaurant focalizzato sui cocktail, The Stinger Cocktail Bar and Kitchen, all’InterContinental New York Times Square Hotel a Midtown Manhattan. Lo chef, vincitore del premio James Beard, utilizza gli alveari situati sul rooftop dell’hotel come punto di partenza per preparare i suoi menu e i drink. Il menu include barbecue chicken nachos, un piatto con formaggi locali serviti con miele Stinger e numerosi cocktail originali. (thestingernyc.com)

Tom Colicchio
è stato giudice di tutte le stagioni di Top Chef. Ha co-fondato nel 1994 il celebre ristorante Gramercy Tavern ed è stato premiato cinque volte ai James Beard Foundation Awards. Ha da poco aperto Fowler & Wells, ristorante all’interno nel nuovo Beekman Hotel a Lower Manhattan dove sono proposti piatti della cucina americana tradizionale come ostriche Rockefeller e foie gras, oppure piatti più contemporanei come il coniglio schnitzel. (thompsonhotels.com)

Wolfgang Puck
è il proprietario di diversi ristoranti CUT a Los Angeles, Las Vegas, Londra, Singapore e Bahrain. Ora ha portato il suo brand di lusso anche a New York City, la capitale mondiale delle steakhouse. Cut a New York City si trova al Four Seasons New York Downtown a Lower Manhattan e il suo menu comprende la miglior scelta di carne giapponese e americana cotta alla griglia. Il ristorante può ospitare fino a 86 persone ed è arredato con poltrone di velluto rosso, comodi divanetti, pavimenti in parquet e tende di seta dorata. (fourseasons.com)
 
L’occasione giusta per provare i migliori ristoranti di New York City è la NYC Restaurant Week, in programma dal 23 gennaio al 10 febbraio 2017, l’iniziativa che prevedere menu a tre portate a prezzi fissi a pranzo e cena in oltre 200 location.

Maggiori informazioni sul sito nycgo.com/restaurantweek

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


New York Manhattan Brooklyn cuoco chef vip ristorante

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®