Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 07 luglio 2020 | aggiornato alle 18:43| 66593 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO
di Andrea Radic
di Andrea Radic

Stop a chioschi, pizze d'asporto e kebab
Venezia tutela il decoro del centro storico

Stop a chioschi, pizze d'asporto e kebab 
Venezia tutela il decoro del centro storico
Stop a chioschi, pizze d'asporto e kebab Venezia tutela il decoro del centro storico
Pubblicato il 14 marzo 2017 | 18:29

Il sindaco Brugnaro fa leva sul decreto che consente di vietare alcune attività che possono danneggiare il decoro pubblico. Un traguardo che mette un freno a kebab, pizze d'asporto, street food e baracchini di ogni tipo

Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha sollecitato quasi una volta a settimana il governo affinché intervenisse per tutelare il centro storico più famoso del mondo dal proliferare di kebab, pizze d'asporto, street food e baracchini di ogni tipo. E questa volta pare che il risultato sia stato raggiunto con il decreto legislativo 222 del 2016, nato appunto da un incontro tra il sindaco della laguna e il viceministro Carlo Calenda. Il decreto autorizza i sindaci a vietare o sottoporre ad autorizzazione (non bastando più la semplice comunicazione di avviata attività) alcune attività dopo aver rilevato la particolare importanza storica, artistica o paesaggistica di determinate zone.

Stop a chioschi, pizze d'asporto e kebab  Venezia tutela il decoro del centro storico

In pratica Luigi Brugnaro, d'intesa con la Regione e la Soprintendenza, potrà impedire la presenza di chioschi, banchetti e kebab di ogni genere. In effetti 53 pizzerie al taglio nel centro storico di Venezia sono decisamente un numero elevato, soprattutto se si pensa che turisti o studenti in gita scolastica le consumano sul posto con relative conseguenze sul decoro urbano.

Come dichiara il presidente della Commissione attività produttive del Consiglio comunale di Venezia Paolo Pellegrini «vogliamo rispondere sul piano dell'offerta ad un turismo mordi e fuggi di bassa qualità che crea un super lavoro per la raccolta dei rifiuti i cui costi ricadono sui cittadini veneziani. Ci attendiamo una buona risposta anche dalla Regione con la quale firmeremo un protocollo d'intesa».

Non sarà tutto facile, arriveranno i consueti ricorsi al Tar, ma intanto si cerca almeno di affermare una volontà politica: nuovi locali solo se autorizzati e nel rispetto del patrimonio artistico. Oggi sono 120 le attività sparse nei luoghi più frequentati di Venezia, con un tasso di crescita altissimo. Gli ultimi arrivati sono i due negozi di patatine fritte a Rialto e Strada Nova, ma prima c'erano i pasta take away e ancor prima kebab, pizza al taglio, una globalizzazione gastronomica che è bene arginare.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Venezia kebab pizza al taglio centro storico Luigi Brugnaro decreto legislativo sindaco decoro urbano

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®