Allegrini
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 05 luglio 2020 | aggiornato alle 15:30| 66553 articoli in archivio
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO
di Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
Marco Di Giovanni
di Marco Di Giovanni

Centri commerciali verso il collasso
E i clienti dove mangeranno, online?

Centri commerciali verso il collasso 
E i clienti dove mangeranno, online?
Centri commerciali verso il collasso E i clienti dove mangeranno, online?
Primo Piano del 07 agosto 2017 | 10:24

In America oltre 4mila tra negozi e mall hanno chiuso i battenti nell'ultimo anno, una tendenza che presto potrebbe arrivare in Europa, lasciando al posto dei centri commerciali, tonnellate di cemento abbandonate; il sistema capitalistico come lo conosciamo potrebbe trovarsi a convivere con l'emergente sharing economy

La realtà dei consumatori, pronta ad un'inversione di rotta. Si pensi a come, per decenni, la tendenza dell'acquisto al dettaglio sia passata dalle botteghe di paese ai grandi centri commerciali, agglomerati di esercizi pubblici, spesso di basso livello, che attraggono clientela in ogni momento della settimana. Ma le cose cambiano, e anche un sistema come quello dei super-market sta entrando in crisi.

Centri commerciali verso il collasso E i clienti dove mangeranno, online?

Ad averlo predetto sono stati molti economisti, Jeremy Rifkin per primo: sarà una rivoluzione che partirà dalla base, i centri commerciali diverranno tonnellate di cemento mezze svuotate perché l'economia capitalista fondata sul mercato dovrà coesistere con la nascente - e ascendente - sharing economy. Rifkin definisce questa prospettiva come una naturalmente consequenziale «Terza Rivoluzione industriale».

I primi segnali di questa controtendenza sono già tangibili: in America oltre 4mila negozi e grandi magazzini hanno chiuso nel giro di pochi mesi, a cavallo tra l'ultimo scorcio del 2016 e il primo scorcio del 2017, entro fine anno il numero potrebbe salire a 9mila. Il Fort Steuben Mall, nell'Ohio, ha visto il proprio valore precipitare dai 43 ai 7 milioni di dollari in una decina d'anni. In parole povere, un esempio per mostrare l'avviata de-industrializzazione d'America. Un fenomeno che presto arriverà anche in Europa e in Italia.

Jeremy Rifkin - Centri commerciali verso il collasso E i clienti dove mangeranno, online?
Jeremy Rifkin

Si tratta di un'inevitabile questione ciclica: il tempo scandisce le fasi, una forma economica prende il via, come è stato per il modello tradizionale della rivoluzione industriale del XX secolo, cresce fino ad ammalarsi, si espande traumatizzata da disparità e squilibri. Per fare qualche esempio, rimanendo sempre sul suolo americano, da gennaio a luglio i licenziamenti nel settore retail sono aumentati del 46,7%, in 15 anni il comparto ha perso un quarto dei suoi dipendenti, il nuovo esercito del lavoro è composto da cassieri e commessi a 25mila dollari lordi l'anno.

Ma se il capitalismo è un padre che sta invecchiando, l'economia dello scambio è il figlio che ne sta raccogliendo il retaggio. Il risultato, fra qualche anno, sempre a parere di Rifkin, sarà un sistema ibrido nel quale "padre" e "figlio" coesisteranno, «le piattaforme digitali si svilupperanno e consentiranno all'economia di scambio di ridurre quasi a zero i costi marginali, l'economia dello scambio crescerà sempre di più ed avrà un rapporto paritario con il suo padre naturale».

Centri commerciali verso il collasso E i clienti dove mangeranno, online?

Restringendo però la questione, viene spontaneo chiedersi: se i centri commerciali, stracolmi di esercizi pubblici rivolti al settore food & beverage, chiuderanno i battenti, la gente dove andrà a mangiare? Perché i grandi servizi di rete non dispongono di tavolo, sedie e un cordiale servizio in sala atto all'accoglienza. Quando i grandi mall come Oriocenter collasseranno, che ne sarà della spesa dei cittadini? Quale direzione prenderà insomma l'economia di tutti i giorni, quella a cui siamo così tanto abituati e, per quanto riguarda l'uscire a mangiare con amici e parenti, diciamolo, anche piuttosto affezionati?

Perché, se si guarda dall'altra parte, è palese il successo della sharing economy, è chiaro l'espandersi dell'e-commerce, che dall'inizio della recessione del sistema economico attuale ad oggi ha generato come settore ben 355mila posti di lavoro (secondo Michael Mandel). Un esempio concreto? Una job fair per assumere 50mila persone appena tenuta da Amazon.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Jeremy Rifkin economia Capitalismo sharing economy centro commerciale mall crisi Amazon ecommerce Airbnb Pil Terza rivoluzione industriale

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®