Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 luglio 2020 | aggiornato alle 19:13| 66524 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Rational
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Viareggio, cacciati dal ristorante
Hanno mangiato e speso troppo poco

Viareggio, cacciati dal ristorante 
Hanno mangiato e speso troppo poco
Viareggio, cacciati dal ristorante Hanno mangiato e speso troppo poco
Pubblicato il 29 settembre 2017 | 10:25

Ordinano solo una pizza e un'insalata di mare, e vengono scacciati dal locale “Sa Playa” di Viareggio perché con quei soldi «non ci riprendo neanche l'apparecchiatura», dice il personale. La questione sfocia sui social

Un altro caso di vile ristorazione, un altro caso spiacevole che scalfisce ancora quell'ospitalità tutta italiana che un tempo ci contraddistingueva. Qui non si parla di una rissa tra ristoratori per accaparrarsi clienti, nemmeno di scritte omofobe sulle pareti delle pizzerie o di proprietari di b&b che non accettano clienti omosessuali... A Viareggio, comune conosciuto nella storia degli ultimi decenni come meta turistica unica nel suo genere, una famiglia è stata cacciata dal ristorante per aver “speso troppo poco”.

(Viareggio, cacciati dal ristorante Hanno mangiato e speso troppo poco)
La Passeggiata di Viareggio (foto: Andrea Zani)

Sventurata protagonista dell'episodio, la famiglia di Corrado Guidi, a lungo sindaco di Bientina (Pi) e fino a pochi mesi fa presidente dell'unione dei comuni della Valdera. Partiamo dal principio, ricostruendo la vicenda che Corrado ha raccontato a Il Tirreno: erano soliti farsi una giornata in Versilia, arrivando prima a Forte dei Marmi per poi fermarsi a Viareggio. S'era fatta l'ora di cena, e la famiglia decide di fermarsi in un ristorante in Passeggiata.

«Dico subito che non ho prenotato e mi indicano un tavolo da due, vicino alla porta. Va bene, lo capisco, ci aggiustiamo», ha spiegato Guidi. Poi ordinano, non molto: una pizza e un'insalata di mare. Ci mette poco, a quel punto, la situazione a precipitare: «Arriva il padrone, maleducato - continua Guidi - e con fare minaccioso ci butta fuori perché consumiamo poco. Quando siamo usciti ci è venuto dietro gridando. Mia madre aveva una trattoria e se quel ristoratore mi avesse preso da parte e mi avesse spiegato la sua posizione, avrei capito. Invece è venuto al tavolo a dirci “andate via, ma che ordine è? non ci riprendo neanche l'apparecchiatura”... Che poi era una tovaglia di carta. Gli ho chiesto di non gridare, ma niente da fare».

Le parole dell'ex sindaco sono più esaustive di qualsivoglia commento si possa fare attorno a questo triste episodio. Guidi, giustamente, ha reso pubblico l'episodio sulla propria pagina Facebook, rivolgendosi al sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro: «Caro Giorgio, amico mio ed ex collega, Viareggio grazie a questi individui senza arte né parte va sempre più giù, ormai in una ineluttabile deriva, rispetto ad altri luoghi che ormai offrono altro».

Non tarda la risposta del sindaco: «Mi dispiace davvero. Stiamo lavorando a testa bassa per ridare dignità alla città. Ma sull'educazione il lavoro è ancora più duro». A questo parole, che di certo non faranno piacere ai cittadini della perla della Versilia, il sindaco ha aggiunto anche un invito a cena, concludendo poi: «Viareggio è bella e accogliente. Te lo garantisco».

Chi è davvero autore di questa triste faccenda, il ristoratore poco garbato, non ha voluto fare pubblicamente il nome del locale, ha scritto solo in privato: «Ci sono posti di lavoro che non intendo mettere a rischio». Ma così rimane il dubbio ai più, turisti e cittadini, e subito in mattinata scatta la caccia all'”ospitalità indigesta”, come la chiama Donatella Francesconi, autrice del pezzo su Il Tirreno. Alcuni gestori di locali, come Alessandro Santini, direttore dello storico Gran Caffè Margherita, ha dichiarato in sua difesa, senza mezzi termini: «Fuori i nomi, perché la vicenda rischia di infangare tutti i ristoranti della Passeggiata».

Pian piano la questione comincia a dipanarsi, e gli sguardi accusatori si rivolgono verso “Sa Playa”, ristorante-pizzeria tra i più frequentati: una continua turnazione di tavoli che permette prezzi contenuti, della serie: con un tavolo da due a fine serata devono aver cenato in dodici.

«Io non c’ero - racconta il titolare, Marco Fantoni -. Può darsi che l’incidente sia accaduto con qualcuno del personale, ma non mi hanno detto niente. Se c’è stato un disguido non ne sono al corrente. Mi sembra che sia stato tutto un po’ ingigantito. Comunque me ne assumo la responsabilità e mi piacerebbe parlare a tu per tu con questo signore, e non a mezzo stampa. Se poi mi dimostra che è vero quello che racconta, allora lo invito a tornare a mangiare in tutta tranquillità».

Fin qui niente di grave, anzi... tutta la questione pare trovare un lieto fine. Finché poi, continuando la sua “risposta alla stampa”, Fantoni non si lascia un po' andare: «I clienti hanno sempre ragione, come si dice... Ma fino ad un certo punto». E quando gli si chiede se al “Sa Playa” ci si può sedere con poco appetito la risposta arriva e pare ricalcare un po' il contenuto della vicenda di cui trattiamo: «L'altra sera sono venuti in quattro e hanno ordinato due pizze. Bene: ho fatto presente che vicino a me c'è un'ottima pizzeria al taglio e che io non ho intenzione di togliere lavoro agli altri. Perché due pizze in quattro altro non sono che pizza al taglio».

A tirare le somme della faccenda è Esmeralda Giampaoli, a lungo ristoratrice, oggi presidente nazionale di Fiapet-Confesercenti: «Sono “barista”. In tanti anni di attività in Confesercenti non ho mai sentito una storia del genere. Che è sicuramente un messaggio distorto sulla ristorazione a Viareggio. Ci tengo a dirlo con forza». E ancora, Piero Bertolani, commerciante della Passeggiata e direttore di Confcommercio Viareggio, che aggiunge: «Ad imprenditori così va ritirata la “patente”».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristorante Viareggio ristorazione cena Passeggiata turismo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Orobica Pesca
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®